LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - LA SVENDITA DEL PAESAGGIO TOSCANO
13-12-2007
Patrick Geddes



Dopo la colata di cemento con contorno di serre trasformate in volumetrie edilizie, ora in procinto di essere attivata lultima trance cementificatoria ( non detto che sia lultima ). Si tratta della proposta autosponsorizzata, in odore di conflitto di interessi e di inciucio politico amministrativo trasversale, che in Toscana e a Lucca, come a Pistoia, Pisa, ecct., prende le mosse ancora una volta da un allentamento delle maglie regionali riguardo unattenzione territoriale e paesaggistica ormai non pi nell agenda toscana e che in questo caso resa possibile dal PRAER recentemente approvato che incentiva particolarmente il recupero delle aree escavate..
In considerazione che in Toscana le aree di cava non pi attive dovranno essere bonificate.., da pi parti vengono proposte possibilit di utilizzo di tali siti allocandovi ulteriore volumetria edilizia e cementificazione.
In ordine a ci da rilevare che il concetto di bonifica dei siti estrattivi ha sempre supportato e spesso coperto ulteriori escavazioni, spesso non conformi ai piani di coltivazione, disattendendo lobiettivo e ponendo le premesse per una attivit di bonifica illimitata, con escavazione illimitata.
Nei casi dove non c pi niente da scavare o le condizioni ambientali sono sfavorevoli, allora si raschia fino in fondo il barile della speculazione, e con il conforto delle istituzioni si procede a localizzare in tali siti altre enormi volumetrie edilizie, estranee allambiente interessato.
In questi ultimi 5-10 anni, si sono poste le premesse ( molte delle quali concretizzatesi ) di una enorme speculazione territoriale, di una modifica del paesaggio toscano, sfruttandone la sua qualit e bellezza.
Il territorio e il paesaggio che si originer da questa vasta manovra speculativa non sar pi quello che abbiamo conosciuto e ci avverr non sulla base di una domanda reale di abitazioni, di un aumento demografico, comunque altrimenti allocabile sul territorio, di una programmazione partecipata, concertata e condivisa, bens sulla pura e semplice speculazione immobiliare sostenuta dalla bellezza del paesaggio toscano molto ambito per la sua capacit di rendere commerciabile un prodotto altrimenti difficilmente collocabile sul mercato per la mancanza di una domanda reale sostenuta da un aumento demografico.
in Toscana si sta realizzando un secondo boom edilizio, paragonabile a quello degli anni 50-60 ( che peraltro vedevano interventi di edilizia popolare finalizzati a dare casa a chi ne era privo, e che oggi sono praticamente assenti nel panorama toscano ed italiano, ancora una volta a differenza dei paesi europei ) senza che sia presente una reale domanda di abitazioni e ci innescher fenomeni di sostituzione edilizia, sociale e culturale paragonabile e forse maggiore ( per gli attori interessati ) a quello gi conosciuto in tempi passati.
Insomma lapprovazione del PRAER poteva essere unoccasione per veramente recuperare le aree delle cave dismesse dando una risposta innovativa e pertinente alle problematiche ambientali ed energetiche emergenti. Non avvenuto nulla di tutto questo in ossequio ad una politica di governo del territorio vecchia e non piu sostenibile. La Toscana ha veramente operato al ribasso, svendendo il suo territorio

Lucca, 13.12.2007.







news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news