LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - LA SVENDITA DEL PAESAGGIO TOSCANO
13-12-2007
Patrick Geddes



Dopo la colata di cemento con contorno di serre trasformate in volumetrie edilizie, ora è in procinto di essere attivata l’ultima trance cementificatoria ( non è detto che sia l’ultima ). Si tratta della proposta autosponsorizzata, in odore di conflitto di interessi e di inciucio politico amministrativo trasversale, che in Toscana e a Lucca, come a Pistoia, Pisa, ecct., prende le mosse ancora una volta da un allentamento delle maglie regionali riguardo un’attenzione territoriale e paesaggistica ormai non più nell’ agenda toscana e che in questo caso è resa possibile dal PRAER recentemente approvato “…che incentiva particolarmente il recupero delle aree escavate..”
In considerazione che in Toscana “…le aree di cava non più attive dovranno essere bonificate..”, da più parti vengono proposte possibilità di utilizzo di tali siti allocandovi ulteriore volumetria edilizia e cementificazione.
In ordine a ciò è da rilevare che il concetto di “bonifica dei siti estrattivi “ ha sempre supportato e spesso coperto ulteriori escavazioni, spesso non conformi ai piani di coltivazione, disattendendo l’obiettivo e ponendo le premesse per una attività di “bonifica illimitata”, con escavazione illimitata.
Nei casi dove non c’è più niente da scavare o le condizioni ambientali sono sfavorevoli, allora si raschia fino in fondo il barile della speculazione, e con il conforto delle istituzioni si procede a localizzare in tali siti altre enormi volumetrie edilizie, estranee all’ambiente interessato.
In questi ultimi 5-10 anni, si sono poste le premesse ( molte delle quali concretizzatesi ) di una enorme speculazione territoriale, di una modifica del paesaggio toscano, sfruttandone la sua qualità e bellezza.
Il territorio e il paesaggio che si originerà da questa vasta manovra speculativa non sarà più quello che abbiamo conosciuto e ciò avverrà non sulla base di una domanda reale di abitazioni, di un aumento demografico, comunque altrimenti allocabile sul territorio, di una programmazione partecipata, concertata e condivisa, bensì sulla pura e semplice speculazione immobiliare sostenuta dalla bellezza del paesaggio toscano molto ambito per la sua capacità di rendere commerciabile un prodotto altrimenti difficilmente collocabile sul mercato per la mancanza di una domanda reale sostenuta da un aumento demografico.
in Toscana si sta realizzando un secondo boom edilizio, paragonabile a quello degli anni 50-60 ( che peraltro vedevano interventi di edilizia popolare finalizzati a dare casa a chi ne era privo, e che oggi sono praticamente assenti nel panorama toscano ed italiano, ancora una volta a differenza dei paesi europei ) senza che sia presente una reale domanda di abitazioni e ciò innescherà fenomeni di sostituzione edilizia, sociale e culturale paragonabile e forse maggiore ( per gli attori interessati ) a quello già conosciuto in tempi passati.
Insomma l’approvazione del PRAER poteva essere un’occasione per veramente recuperare le aree delle cave dismesse dando una risposta innovativa e pertinente alle problematiche ambientali ed energetiche emergenti. Non è avvenuto nulla di tutto questo in ossequio ad una politica di governo del territorio vecchia e non piu sostenibile. La Toscana ha veramente operato al ribasso, svendendo il suo territorio

Lucca, 13.12.2007.







news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news