LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Donna e costruttivista
01-02-2008
Francesco Floccia

Nuovo Ministro, per un nuovo Governo, “equlibrato e donna”: così scrive che lo vorrebbe E. Noto nella email del 30/1/2008.Va bene l’opportunità che possa essere donna ma che non sia “equilibrato”: che sia invece di parte, di minoranza, “costruttivista”. Quel bel saggio di Karel Teige, "Arte e ideologia,1922-1933", Einaudi 1982, a leggerlo oggi alla luce delle tante ricorrenti crisi sociali che investono l’Italia nel suo complesso di popolo e classe dirigente può darci una prospettiva: “I costruttivisti non presentano progetti di una nuova arte ma piani di un mondo nuovo, il programma di una nuova vita. Non realizzano delle teorie estetiche ma creano un mondo nuovo”; né avvolgono l’arte “con fumi di incenso” [1925]. Aboliscono cioè ogni aspetto simbolico, eterno, dogmatico, universale sicché “in luogo del formalismo artistico l’epoca costruttivista pone il “ funzionalismo”, antitesi di “ogni nobiltà sacrale e cultica”, di ogni “feticismo estetico” dell’Arte. Il pubblico di quell’arte era il “proletariato” e a esso correlato era il concetto di arte come “lavoro dell’uomo”. Nessuna categoria astratta dunque di “intuizione” né di “ispirazione” tant’è che “le muse dell’artista non sono in alcun modo più divine delle muse dell’ingegneria o della storia e nemmeno delle muse della falegnameria”. Che cosa vuol significare allora oggi tutto questo? Che forse è inutile continuare a parlare del patrimonio artistico nell’accezione concettuale di ”bene culturale” volendo così perseverare nella illusione che l’opera d’arte nel suo complesso vada idealizzata e rispettata ben oltre di quanto materialmente essa è. La società dell’oggi non è più diversa da come descriveva il Teige il popolo del 1922: “ ;..romanzi sentimentali, films a puntate americani,..i giocolieri dei varietà, i cantanti girovaghi, le feste popolari, l’incontro domenicale di football..ecco in un elenco quasi completo ciò di cui vive culturalmente il proletariato nella sua stragrande maggioranza”. Costruttivismo stava a significare agire e modificare, creare e intervenire, operare e trasformare, lavorare a regola d’arte per fare bene e non per ‘fare Arte’. Dunque nella prossima tornata di Governo ben venga - o resti l’attuale titolare, doveroso auspicio - un Ministro per i Beni culturali che indirizzi l’Amministrazione a correggere la sensibilità dell’opinione pubblica nei riguardi degli oggetti d’arte, a rendere meno idealistico il rapporto dell’opinione pubblica con l’astratto valore aggiunto che le “cose d’arte” sembrano possedere, a rendere prosaico, modernamente ‘proletario’, “depsicologizzato” ;, “demisticizzato” il rispetto per tutto il patrimonio artistico e culturale italiano. Nell’attuale società ove temi, argomenti, realtà di qualunque natura e gravità diventano beni e occasioni di consumo e solo in quanto tali conosciuti, rispettati, apprezzati, ricercati, togliamo al bene culturale ogni parvenza di idealità e riconosciamogli – costruttivisticamente – la qualità di prodotto di lavoro dell’uomo rendendolo così meno desiderabile, esclusivo e perciò più facilmente e istintivamente comprensibile. Non si ricerchi il costante gradimento e consenso in ogni circostanza che vede l’arte didatticamente esposta al Pubblico ma si operi col semplice, ottocentesco (all’epoca rivoluzionario) principio che “la produzione intellettuale si trasforma [e va pari passo] assieme a quella materiale”: in sostanza il lavoro concreto di ciascuno, e non il teorizzarlo, produce cultura, esempio, progresso delle idee. Bene invec e per un futuro (e sempre eventuale) Ministro donna: Freud le preferiva a interlocutori uomini apprezzandole particolarmente nel campo professionale. Grazie sempre per l’attenzione.

1/2/2008
Francesco Floccia



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news