LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sulla sentenza del TAR Marche riguardo al regolamento del Ministero per i beni e le attivit culturali
15-11-2004
Alessandro Ferretti

TAR Marche Ordinanza 15 ottobre 2004, n. 136

Breve nota di Alessandro Ferretti

Il recente deposito dellordinanza 15 ottobre 2004, n. 136 del TAR Marche chiarisce in maniera definitiva le motivazioni che hanno condotto il giudice de quo a dichiarare la rilevanza e la non manifesta infondatezza delle questioni di legittimit costituzionale proposte con il ricorso n. 850 dellanno 2004 presentato dallAssociazione Italia Nostra, ed altri, contro il Ministero per i beni e le attivit culturali ed altri. Il riferimento da intendersi alla richiesta di annullamento, previa sospensione, del regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attivit culturali approvato con D.P.R. 8 giugno 2004, n. 173 e di ogni altro atto precedente, contemporaneo e/o successivo, tra cui il Decreto di nomina del Direttore per i Beni Culturali e Paesaggistici delle Marche. I motivi del ricorso si fondano sulla pretesa violazione dei principi fondamentali di buon andamento, economicit ed efficienza dellattivit della Pubblica Amministrazione [art. 97 Cost, art. 1 l. 241/1990, d. lgs. n. 165/2001] e sulleccesso di delega attuato con violazione dei principi e criteri indicati negli artt. 1 e 10 della legge delega n. 137/2002.
In particolare, le doglianze dei ricorrenti si incentrano su due aspetti. Il primo riguarda limpianto attuativo del riassetto organizzativo del Ministero per i beni e le attivit culturali che sarebbe stato realizzato dal legislatore delegato con principi contrari a quelli voluti dalla legge delega, perseguendo il fine di determinare un indebolimento della tutela dei beni culturali, cos realizzando un attacco strategico al patrimonio culturale e paesaggistico nazionale(sic!)
Si ricorda che la struttura ministeriale che scaturisce dai provvedimenti attuativi della delega contenuta nella l. 137/2002 ancorata ad unarticolazione dipartimentale ( quattro ) a cui fanno capo dieci direzioni generali centrali, di livello dirigenziale generale, e diciassette direzioni regionali periferiche, anchesse di livello dirigenziale generale.
La previsione verticistica del Ministero, organizzata piramidalmente, secondo i ricorrenti finisce per ostacolare le procedure amministrative ( e non semplificarle ), appesantendo lattivit istituzionale del dicastero. Inoltre, la possibilit, prevista dal regolamento, di affidare gli incarichi di direttori regionali anche a manager amministrativi e politici, svuoterebbe le funzioni, svolte da questi, di quel contenuto tecnico-scientifico necessario ai fini di unefficace tutela dei beni culturali e che stato patrimonio precipuo delle Soprintendenze territoriali, svuotate del loro ruolo dalla riforma contestata.
Sotto il secondo aspetto, inoltre, viene lamentata una indebita sottrazione al controllo parlamentare della riforma attuata, in quanto il dettaglio di questultima non sarebbe contenuta nel provvedimento delegato cio nel d. lgs. n. 3/2004 ma nel successivo DPR n. 173/2004, adottato ben oltre i termini di delega e soprattutto al di fuori della verifica obbligatoria della Commissione di cui allart. 5 della precedente legge delega n. 59/1997.
In tema di diritto, il TAR Marche ricostruisce in via preliminare ed assorbente il profilo della legittimit costituzionale del d. legislativo 8 gennaio 2004, n. 3, fonte abilitante dellemanazione del regolamento impugnato DPR n. 173/2004 e degli atti ad esso collegati. In particolare, il giudice de quo mette in evidenza che il decreto legislativo n. 3 recante la Riorganizzazione del Ministero per i beni e le attivit culturali ai sensi dellart.1 della legge 6 luglio 2002, n.137, un testo normativo privo di reali contenuti prescrittivi, al contrario di quanto avrebbe dovuto indicare in relazione al disegno di riorganizzazione previsto dalla legge delega. In realt, il contenuto prescrittivo dell riorganizzazione ministeriale stato demandato, arbitrariamente, dal legislatore delegato con un rinvio a regolamenti ex art. 17, comma 4 bis della legge 400/1988 successivi per lindividuazione e lordinamento degli uffici del Ministero, le attribuzioni delle direzioni regionali e delle altre strutture dirigenziali periferiche. Su questo aspetto si esprime il giudice in maniera chiara sostenendo che il legislatore delegato ha indebitamente abdicato in favore di una sede normativa di carattere e forma amministrativa, che trova il proprio presupposto proprio in quel decreto legislativo che avrebbe dovuto invece realizzare con atto avente forza di legge i contenuti della delega.
Nel ragionamento, che viene sviluppato nel corso dellordinanza, si sostiene con argomentazioni convincenti sul piano logico-giuridico lerrato operato del legislatore delegato, che ha oltrepassato i limiti della delega imposta dalla legge n. 137/2002 che nel caso specifico prevedeva esclusivamente un limitato potere legislativo di correzione e modifica dei decreti legislativi gi emanati ai sensi della precedente l. n. 59/1997, riguardanti lorganizzazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri e si autoattribuito il potere di disciplinare con regolamento tutto ci che riguarda lorganizzazione ministeriale. Una delle conseguenze di questo operato stata, tra laltro, la previsione del DPR n. 173/2004 che ha prodotto un rilevante sconvolgimento di assetti consolidati, con possibilit di alterazione dei livelli ottimali di gestione e concentrazione dei poteri su strutture centralizzate e ci in antitesi, fra laltro, con la devoluzione regionalistica ed il recente orientamento della riforma costituzionale; il che ha introdotto gravi fattori di squilibrio nei contesti dei delicatissimi rapporti fra componenti del complesso quadro dei poteri generali.
La conclusione che se ne ricava, a parere del TAR Marche, che non dato rinvenire nessuna traccia di conferimento al legislatore delegato di un potere di delegificazione attraverso un regolamento governativo della materia oggetto di delega, il tutto in aperto contrasto con quanto previsto dalla legge 59/1997 e dalla legge 137/2002.
Il giudizio, pertanto, stato sospeso con limmediata trasmissione degli atti relativi al giudizio medesimo alla Corte Costituzionale, che dovr pronunciarsi sulla legittimit costituzionale delle norme sulle quali si basa il regolamento impugnato e lulteriore contesto impugnatorio.
E appena il caso di rilevare che questo ricorso presenta possibili effetti dirompenti per quanto riguarda la riorganizzazione ministeriale in atto, se solo si pensi al fatto che dal regolamento impugnato dipende la validit delladozione di diversi decreti ministeriali previsti per la individuazione dellarticolazione del Ministero come nel caso del D.M. 29/09/2004 che prevedendo le strutture centrali e periferiche del Ministero ha tra laltro istituito nuove soprintendenze di settore - . Senza considerare il contenzioso che potrebbe derivare di notevole consistenza e di difficile risoluzione dalla applicazione delle disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e paesaggistici, data lattribuzione delle competenze ad emanare i provvedimenti amministrativi di riferimento che stata operata dallimpugnato D.P.R. n. 173/2004


Per la lettura integrale della sentenza si pu andare direttamente qui

http://www.giustizia-amministrativa.it/ordinanze/AN_200400136_OC.doc



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news