LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vitorchiano: CRONACA DI UNO SCEMPIO ANNUNCIATO
19-02-2008
Riccardo Spinella

Nonostante il mio ennesimo appello alle autorità competenti, nella mattinata del 15 febbraio 2008 è iniziata la rimozione della fontana del XVII sec. con l'intervento di una grande ruspa.

Il bacino superiore della fontana è stato legato alla benna della ruspa e si é tentato di sollevarlo dal corpo conico sottostante (vedi sequenza foto: FVL_9568_comp_mr). Tuttavia era cosi fortemente saldato a quest'ultimo che a sradicarsi dalla base massiccia dei lobi è stato proprio il corpo conico¹ (vedi sequenza foto: FVL_9568_comp_mr).

Quindi in condizioni di equilibrio molto precario, anche il corpo conico è stato a sua volta legato alla benna. Poi, nell'elevazione del bacino e del corpo conico, è avvenuto il distacco e l'inevitabile attrito ha provocato anche una prima rottura (vedi prima foto: FVL_9659_comp_mr).



Una volta deposti a terra i pezzi della fontana, la ruspa si è allontanata e, ormai a cose fatte, è giunta la Vigilante della Soprintendenza, cui ho immediatamente chiesto se fosse o meno al corrente di ipotetici problemi di stabilità della fontana. Non senza mia grande sorpresa ella mi ha in termini chiari risposto che la rimozione, lungi dall'esser determinata da fattori di instabilità, era stata contemplata ed attuata perché parte di un complessivo progetto di ristrutturazione, nel cui ambito la fontana sarà ricollocata al centro della piazza Umberto I (sarebbe la IV collocazione); ciò conferma pienamente la fondatezza di quanto denunciato nel mio precedente appello, ma che proprio nulla ha a che vedere con la motivazione espressa nell'ordinanza N. 10 Prot. 1380 del 14-02-2008.



¹ Quando era stata spostata per la seconda volta, nella sua terza collocazione più di settanta anni fa, forse credendo fosse l'ultima, oltre ad aver sigillato ogni sua parte con il cemento, avevano fatto, sempre con il cemento, tutta una colatura di circa 30cm di diametro intorno ai tubi che portavano l'acqua ed attraversavano verticalmente tutta la fontana dalla base al bacino superiore (vedi foto: FVL_9659_comp_mr). Tutte le sue parti erano incollate a questo palo centrale di cemento unificando tali parti in un unico corpo massiccio.



Gli incaricati, anche se hanno provato, frullinando le giunture, a distaccare i pezzi restanti della fontana, si sono ben resi conto che non sarebbe stato possibile ultimare il lavoro senza creare ulteriori gravissimi danni. Hanno quindi programmato per dopodomani, giovedì 21, il totale sradicamento avvalendosi di un enorme braccio meccanico. In pratica, dopo che con martelli pneumatici e scalpelli hanno tolto le pietre intorno alla base provocando altre rotture² della fontana, vorrebbero ora imbracarla e sollevarla in blocco: ben si comprende il rischio che si corre, giacché, come già successo, le parti unite potrebbero staccarsi provocando ulteriori rotture.



² Anche se le parti rotte durante questo lavoro potrebbero coincidere con alcune giunture fatte in precedenza (vedi sequenza foto: FVL_0202_comp_mr) non credo sia di certo legittimo che a procurarle sia stata la ditta specializzata per la rimozione, semmai il compito di rimuovere eventuali giunture sarebbe spettato alla direzione del centro di restauro incaricato. Secondo me la realtà è che comunque questa fontana deve essere spostata comunque a prescindere da tutto. Anche perché se non verrà rimontata entro due tre mesi nella nuova collocazione dicono salterebbero i finanziamenti per il progetto della ristrutturazione della piazza Umberto I.



In conclusione, la fontana non aveva nessun bisogno di un restauro strutturale, era fin troppo salda senza bisogno di alcun intervento di consolidamento.



Ancora sarebbe possibile fermare questo scempio. Si esprime l'auspicio che le autorità competenti abbiano avuto modo di valutare e verificare la fondatezza di quanto descritto, sia qui che in precedenza, e offrano finalmente la dimostrazione di come, correggendo i precedenti errori, sia pur sempre possibile dare un buon esempio di rispetto del nostro patrimonio storico, artistico e culturale.



Distinti saluti

Riccardo Spinella



www.fotovideolab.it




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news