LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le cose e le persone: sul bilancio di Rutelli ministro dei beni culturali
22-02-2008
Francesco Floccia

Ho un lontano ricordo che risale a fine 1993 - inizi 1994 allorch, credo nella seduta inaugurale del Consiglio Comunale di Roma, luscente Commissario straordinario Alessandro Voci nel passaggio delle consegne alla nuova Amministrazione comunale presieduta dal Sindaco Rutelli avrebbe voluto leggere ai Consiglieri riuniti in seduta solenne una relazione sulla propria attivit svolta da Commissario straordinario per la Citt: ma alcuni consiglieri ribatterono senza fargliela leggere che, alla conclusione di un mandato, parlano gli atti!. Non conosco n sento lesigenza al momento di rintracciare le cronache di quella seduta ma credo che sicuramente fosse presente in quel Consiglio il neo eletto Sindaco. Personalmente rimasi perplesso nel conoscere la notizia per quellimpedimento giacch riassumere seppur nel probabile stile burocratico di un Commissario di Governo, alla conclusione del mandato, lattivit svolta mi sembr ava comunque una scelta seppur non obbligata, comunque legittima. Oggi sul sito web del Ministero per i Beni culturali e le Attivit Culturali si pu trovare un ampio intervento dellOn.le Ministro dal titolo: 20 mesi di cultura in Italia, dal 17 maggio 2006 a oggi: ecco il rendiconto di 20 mesi del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. Nessuno vorr ancora dire in questa circostanza: parlano gli atti giacch, alla descrizione dellattivit svolta dal Dicastero, si aggiungono osservazioni sulla realt sociale italiana che danno occasione per una breve riflessione. Dice una frase del testo (p.3): non sono ancora abbastanza gli italiani che, guardando al futuro, riescono a vedere tutta limportanza e quindi lautorit e il prestigio della cultura. Non sono pochi, ma non sono ancora abbastanza, altrimenti tutti i poteri pubblici sarebbero pi attenti a non lesinare risorse a questa leva eccezion ale di sviluppo che la cultura. Seguito, questa osservazione, di un immediato precedente richiamo nello scritto allItalia di qualche secolo addietro in cui si ricorda che le classi colte dellintero mondo viaggiavano in Italia per conoscere penisola e isole tra il XVII e il XIX secolo. Credo che in molti condividano laspirazione e la speranza che il genio, la creativit, le capacit professionali in ogni sorta di scienza o disciplina abbiano oggi nella nostra nazione spunti e sviluppi come ebbero modo di manifestarsi nei secoli doro del nostro Rinascimento; ma mai ho creduto che ci dipendesse dalle capacit di un Ministero comunque denominato di fungere da incubatore per un progresso culturale della societ: non lo Stato a creare leccellenza della cultura, scrive giustamente il Ministro, ma il suo compito di organizzare le condizioni per cui i talenti possano emergere e crescere . Pi risorse e pi educazione possono aprire le porte alla Fortuna del genio creativo. Qui dunque sta oggi forse il punto cruciale: cosa si intenda per genio creativo e quale sono le condizioni per riconoscerlo e svilupparlo in forma consona ai tempi e condizioni storiche. Come mia abitudine rimando sempre a qualche studio che in anni precedenti aveva gi apprezzabilmente previsto nuove realt. In Il potere del consumo di Vanni Codeluppi, Bollati Boringhieri, 2003, il processo di mercificazione considerato il fenomeno che tutti prende e tutto assorbe in un livellamento di interessi ed esigenze: e il primo protagonista di tale logica di consumo il corpo umano inteso nel suo stretto significato materiale, reale, plastico. E dunque la corporeit la categoria principe del pensiero delloggi, sia quello percepito dal singolo che quello coltivato dalla societ nel suo c omplesso; lindividuo inteso come apparenza, forza, immagine, sostanza visibile e narcisista (p.122), come realt essenzialmente, se non proprio esclusivamente, corporea cui sono inevitabilmente collegati requisiti indispensabili come bellezza, salute, eleganza, giovinezza, apparenza, gradevolezza estetica. Corpo flusso lo definisce V. Codeluppi affermando che il narcisismo prevede che le energie psichiche del soggetto siano rivolte soprattutto verso di s (id.). Il pensiero corrente allora guarda allindividuo ma non come prossimo ma come s, se stesso, se medesimo e ciascun individuo si sente non solo protagonista della vita ma oggetto stesso della realt della vita che si considera esistente proprio perch si individualmente visibili, appariscenti, mutabili nel proprio lato estetico. Se dunque, fino a tempi recenti, la mediazione della natura, della religione, dellarte dava ragione allindividuo per la c onsistenza culturale della propria esistenza, il momento che viviamo e non credo ci siano pregiudizievoli differenze tra generazioni ha nel corpo fisico, visibile, nel corpo metastasi in quanto palpabile, genetico, mutante (p.121), il protagonista, il modello, il tema per lo svolgimento di una creativit e azione culturale. Cos vedo dunque la realt delloggi che le ottime intenzioni e risultati dei 20 mesi di cultura italiana hanno cercato di incidere e di migliorare. Purtroppo tutto lampio corredo del patrimonio storico, artistico, musicale, letterario italiano credo sia solo lo scenario entro cui tutti noi viviamo e che siano invece le nostre individuali e specifiche personalit a esprimere - percependo i tanti aspetti della realt - i caratteri, le sfumature, le potenzialit insite nel singolo. E talmente ricca di spunti vari e dogni sorta la societ che n on sono necessariamente i luoghi della cultura gli unici agenti preposti a educare il cittadino allarte o al rispetto della storia. Tali sensibilit vanno individuate e coltivate dalla scuola per le giovani generazioni e da un vigilato comportamento civico per linsieme della societ. Tutela, valorizzazione, beni culturali, patrimonio storico artistico, attivit culturali sono termini che - nel loro insieme -, come ne discute il Ministro nel sito web, non corrispondono pi alla individuazione del compito primario del fare cultura. Chiudo rapidamente: al di l della definizione (Ministero della cultura), non forse come appunto lo definisce il Ministro l attuale modello di strutturataorganizzazione governativa inadatto a gestire una qualsivoglia cultura laddove un tempo esisteva lAmministrazione delle Antichit e Belle Arti che invece aveva delineate funzio ni di studio e salvaguardia delle opere storiche? Conservazione e protezione delle testimonianze antiche della Nazione sono un compito che prevede studio e preparazione per gli addetti; conoscenza delle testimonianze storiche per quanto possibile un requisito della popolazione che deve comunque averne cognizione e rispetto; cultura invece linsieme dei comportamenti dei singoli cittadini che una societ moderna, sviluppata, informata, vigile, conscia e consapevole della propria individua personalit riconosce come propri e che vuole fondamentalmente rispettati. Un Ministero dunque conservi e studi la storia delle opere darte e i documenti del passato; se proprio si ritiene necessario si appronti un organismo di qualsivoglia natura che osservi gli individui, o la societ nel suo insieme, in quanto come si usa dire anche ogni uomo e ogni donna ha la sua storia: ma le due attivit, tutela del patrimonio e intervento n ella cultura, mi sembrano impegni distinti. Operare sulle cose diverso dallindicare percorsi culturali alle persone. Chiedo scusa per le mie frequenti lettere a codesto sito ma gli spunti, in questo ritenuto incompreso mondo dei beni culturali, sono vari e ripetuti e non solo la societ colloquia con difficolt con il potere della cultura ma anche gli addetti ai lavori, o almeno alcuni di essi, hanno la sensazione sovente di non saper percepire gli aspetti concreti della realt. Distinti saluti.



news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news