LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il "crognolo" millenario di Travale
04-03-2008
Mario Bencivenni

Lettera aperta al sindaco Domenici, al vicesindaco Matulli e all'assesore all'Ambiente del Comune di Firenze

Gentili amministratori,

in una delle mie avventure odeporiche in quel di Maremma e in particolare in terra di Montieri, nella frazione di Travale, famosa anche per un testo notarile che una delle pi antiche testimonianze toscane di volgare, mi sono imbattuto in uno straordinario esemplare millenario di "crognolo", come chiamano qui il Cornus mascula detto anche Corniolo.
Si tratta di un'essenza che cresce spontanea nei nostri boschi, con foglie ellittiche acuminate, frutti rossi (come delle piccole ciliegie). Serve come cibo agli uccelli e il suo legno molto duro fin dai tempi antichi usato per conciare le pelli di capretto o per ricavarne bacchette per battere la lana (operazione tipica dei tappezzieri di una volta, oggi quasi completamente dimenticata con l'affermazione della grande distribuzione che offre materassi in lattice o altre materie a prezzi convenienti). Le bacche, quando sono ben mature, sono commestibili anche dall'uomo e servono per preparare ottimi liquori. Il legno molto ricercato dagli ebanisti; dai semi si ricava olio buono per i saponi e per ardere.
Il Crognolo quando cresce nel bosco in genere soffocato da piante che crescono pi rapidamente e quindi rimane nelle dimensioni di un arbusto selvatico. La pianta di Travale ha avuto invece la fortuna di crescere accanto ad una casa colonica e i contadini del luogo l'hanno subito amata e custodita con cura come una pianta sacra oltre che bella alla vista.
Grazie alla loro cura questa pianta ha potuto raggiungere dimensioni straordinarie. In questi giorni piena di fiorellini gialli ed un vero spettacolo per gli occhi e per l'anima. Davanti a lei non ci si pu che commuovere per la bellezza dei colori, delle forme, dei profumi che ci regala.
Ecco, con questa lettera aperta vorrei farvi una preghiera: smettetela di tagliare alberi che compongono la foresta urbana della nostra citt in nome della modernit e con l'assicurazione che dopo aver abbattuto una pianta se ne pu ripiantare un'altra. Se questa vostra filosofia fosse giusta, questo stupendo esemplare secolare di Corniolo di Travale non esisterebbe e non ci darebbe pi gratuitamente una quantit enorme di emozioni e gioia.
Credete: oggi non pu esistere modernit senza il rispetto pi rigoroso e incondizionato degli alberi. Ogni albero abbattuto un'offesa alla modernit e una manifestazione di barbarie.

Con i miei pi distinti saluti



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news