LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L’IMBARAZZO DELLA PRIMA
10-03-2008
Antonio V. Gelormini

I dieci minuti più imbarazzanti della nostra vita. Prima il buio assoluto in sala, nemmeno le lucine rosse sotto i gradini per non inciampare e tanto meno le luci verdi delle uscite d’emergenza. Buio totale. Solo il sonoro del film con un commento in sottofondo, che aiuta a capire i contesti scenografici. Poi, improvvisamente, ecco apparire le immagini sullo schermo. Ma questa volta ad andar via è il sonoro. Immagini che scorrono nel silenzio ovattato più profondo. Integrate solo dai sottotitoli, gestiti da un complesso sistema tecno-sincronizzato. Un disagio momentaneo che vuole immedesimarci, con emozionante suggestione, nella non facile realtà dei non vedenti e non udenti. Partirà così, lunedì 10 marzo presso la Sala 1 del Multicinema Galleria a Bari, il progetto “Cinema senza barriere, il Cinema per tutti”. Pensato per i disabili della vista e dell’udito, per le loro famiglie e per i loro amici. Per condividere cultura e promuovere pari opportunità, nella fruizione di un genere di intrattenimento abitualmente destinato solo alla parte abile della popolazione. Il progetto ideato dall’Associazione Italiana Amici Cinema d’Essai (AIACE – Milano), è stato fortemente voluto dall’Assessorato all’Economia del Comune di Bari: “come prima azione positiva per le pari opportunità nell’ambito del Bilancio sociale di genere”, ha tenuto a precisare Cinzia Capano, titolare del dicastero cittadino. Bari è la seconda città, dopo Roma, a vederlo realizzato, grazie anche alla collaborazione con gli Assessorati alle Politiche Sociali e alle Culture del Comune, nonché al sostegno della BNL Gruppo BNP Paribas, in partnership con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UIC) e l’Ente Nazionale Sordi (ENS). Il calendario prevederà questo tipo di proiezioni una volta al mese, il costo del biglietto sarà di 3 € con l’ingresso gratuito per un accompagnatore dei diversamente abili. Si comincia lunedì 10 marzo con “Volver” di Pedro Almodovar, con Penelope Cruz e “audiocommento” di Teresa De Sio. Le persone non vedenti riceveranno all’ingresso una cuffia a raggi infrarossi che diffonde un commento audio del film e che descrive azioni, stati d’animo, situazioni, movimenti, modalità di ripresa, paesaggi. Il tutto senza che siano coperti dialoghi e rumori importanti per la comprensione del film. Inoltre, con un sistema di sincronizzazione, la normale proiezione viene arricchita con dati aggiuntivi, restando comunque fruibile dalle persone senza problemi di vista e di udito: sullo schermo appaiono dei sottotitoli realizzati per i non udenti, che riportano i dialoghi e alcune indicazioni sui rumori o sulla musica. Gli occhi del sindaco Michele Emiliano, dell’Assessore alle Politiche Sociali, Susi Mazzei, e naturalmente di quello all’Economia (ispiratrice del progetto) sprizzano orgoglio e soddisfazione, perché come ha ribadito ancora Cinzia Capano: “Una comunità coesa e solidale è una comunità forte, capace di affrontare i problemi e le sfide del suo tempo: da lunedì 10 marzo Bari saprà essere ancora più accogliente e inclusiva”.

(gelormini@katamail.com)



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news