LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TURISMO, GUARDIAMO AVANTI E NON PIU’ IN ALTO
07-04-2008
Antonio V. Gelormini*

A dire il vero i dibattiti sui separatismi, le autonomie, le annessioni o i secessionismi odierni di casa nostra mi appassionano poco o niente affatto. Soprattutto quando sono relativi a realtà e ambiti territoriali storicamente inesistenti come la Padania, il Fronte Veneto, la virtuale Moldaunia e via cantando. Ho la sensazione che le motivazioni movimentiste siano sempre dettate o da un egoistico deficit di spirito solidale o dalla ricerca dell’ennesimo alibi per non rimboccarsi le maniche, per riporre le proprie speranze passive nel primo treno che passa (non importa dove va), per affidare il proprio futuro alla sorte di chi dà l’impressione di essere stato più fortunato. Non mi convince la rincorsa, accentuatasi da qualche tempo, di comuni che vogliono cambiare provincia, di province che si moltiplicano senza motivo, se non quello di allargare il consenso clientelare elettorale, facendo impennare la spesa pubblica improduttiva. Di comunità montane, sorte come funghi, fino a bordo mare, che promuovono la spigola allevata e la mazzancolla selezionata. Quando alcune, poi per esempio, devono ancora capire se si trovano nel Subappennino o nel Preappennino. Da uomo del Sud, in particolare, mi incuriosisce il constatare che ogni richiesta di separazione, e successiva nuova annessione, abbia sempre lo sguardo rivolto verso Nord. Fateci caso, mai che qualcuno abbia auspicato di far fronte comune con chi sta di sotto. Sempre e solo con quelli di sopra. Con lo sguardo pervicacemente rivolto sempre all’insù. E prima o poi il rischio di inciampare diventa quasi certezza. Il riscatto del Sud passa attraverso la riqualificazione delle sue soggettività, quali tonalità dello stesso quadro, sonorità dello stesso motivo, organi dello stesso corpo (a sua volta organo di un corpo ancora più grande), declinazioni della stessa bellezza. Il Sud ha bisogno di consapevolezza dei suoi ambiti territoriali, da promuovere per macro aree e non per quartieri parrocchiali. Le strade del latte, tracciate nel tempo dagli esodi stagionali della transumanza, sono la rete connettiva appenninica che tiene insieme Abruzzo, Molise e Puglia. I filari di viti che si intrecciano tra le cruste e i dorsali delle loro colline, danno vita ad ambasciatori autoctoni senza feluca, con blasoni e credenziali altisonanti come: Montepulciano, Nero di Troia, Primitivo e Negroamaro. Parchi, castelli, cattedrali e santuari, con masserie, frantoi, mulini, grotte, trulli e gravine costituiscono la potenza di fuoco di un entroterra, che farebbe la fortuna di un’offerta balneare senza eguali. Se solo, anziché azzuffarsi sui pochi turisti che arrivano, e disperdersi in aride promozioni di campanile, ci si organizzasse per vendere e rendere più appetibile l’intera costa adriatica meridionale, e la meno conosciuta costiera ionica, ai mercati dei flussi più consistenti. Va in questa direzione l’azione dell’Assessorato al Turismo pugliese, con l’imminente varo delle norme quadro per la nascita dei Sistemi Turistici Locali (territoriali e di prodotto). L’evoluzione nel contesto interregionale non potrà che dare forza e nuove prospettive alla volontà di andare ben oltre le misere aspettative quotidiane di regioni in cerca di riscatto. E’ tempo di abituarsi a lanciare lo sguardo non più in alto, ma più in avanti. Più in profondità. Verso orizzonti decisamente più affascinanti e dai contorni allettanti più gratificanti.

(gelormini@katamail.com) * Analista Turismo



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news