LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TURISMO, GUARDIAMO AVANTI E NON PIU IN ALTO
07-04-2008
Antonio V. Gelormini*

A dire il vero i dibattiti sui separatismi, le autonomie, le annessioni o i secessionismi odierni di casa nostra mi appassionano poco o niente affatto. Soprattutto quando sono relativi a realt e ambiti territoriali storicamente inesistenti come la Padania, il Fronte Veneto, la virtuale Moldaunia e via cantando. Ho la sensazione che le motivazioni movimentiste siano sempre dettate o da un egoistico deficit di spirito solidale o dalla ricerca dellennesimo alibi per non rimboccarsi le maniche, per riporre le proprie speranze passive nel primo treno che passa (non importa dove va), per affidare il proprio futuro alla sorte di chi d limpressione di essere stato pi fortunato. Non mi convince la rincorsa, accentuatasi da qualche tempo, di comuni che vogliono cambiare provincia, di province che si moltiplicano senza motivo, se non quello di allargare il consenso clientelare elettorale, facendo impennare la spesa pubblica improduttiva. Di comunit montane, sorte come funghi, fino a bordo mare, che promuovono la spigola allevata e la mazzancolla selezionata. Quando alcune, poi per esempio, devono ancora capire se si trovano nel Subappennino o nel Preappennino. Da uomo del Sud, in particolare, mi incuriosisce il constatare che ogni richiesta di separazione, e successiva nuova annessione, abbia sempre lo sguardo rivolto verso Nord. Fateci caso, mai che qualcuno abbia auspicato di far fronte comune con chi sta di sotto. Sempre e solo con quelli di sopra. Con lo sguardo pervicacemente rivolto sempre allins. E prima o poi il rischio di inciampare diventa quasi certezza. Il riscatto del Sud passa attraverso la riqualificazione delle sue soggettivit, quali tonalit dello stesso quadro, sonorit dello stesso motivo, organi dello stesso corpo (a sua volta organo di un corpo ancora pi grande), declinazioni della stessa bellezza. Il Sud ha bisogno di consapevolezza dei suoi ambiti territoriali, da promuovere per macro aree e non per quartieri parrocchiali. Le strade del latte, tracciate nel tempo dagli esodi stagionali della transumanza, sono la rete connettiva appenninica che tiene insieme Abruzzo, Molise e Puglia. I filari di viti che si intrecciano tra le cruste e i dorsali delle loro colline, danno vita ad ambasciatori autoctoni senza feluca, con blasoni e credenziali altisonanti come: Montepulciano, Nero di Troia, Primitivo e Negroamaro. Parchi, castelli, cattedrali e santuari, con masserie, frantoi, mulini, grotte, trulli e gravine costituiscono la potenza di fuoco di un entroterra, che farebbe la fortuna di unofferta balneare senza eguali. Se solo, anzich azzuffarsi sui pochi turisti che arrivano, e disperdersi in aride promozioni di campanile, ci si organizzasse per vendere e rendere pi appetibile lintera costa adriatica meridionale, e la meno conosciuta costiera ionica, ai mercati dei flussi pi consistenti. Va in questa direzione lazione dellAssessorato al Turismo pugliese, con limminente varo delle norme quadro per la nascita dei Sistemi Turistici Locali (territoriali e di prodotto). Levoluzione nel contesto interregionale non potr che dare forza e nuove prospettive alla volont di andare ben oltre le misere aspettative quotidiane di regioni in cerca di riscatto. E tempo di abituarsi a lanciare lo sguardo non pi in alto, ma pi in avanti. Pi in profondit. Verso orizzonti decisamente pi affascinanti e dai contorni allettanti pi gratificanti.

(gelormini@katamail.com) * Analista Turismo



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news