LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - PN6 - Centro servizi San Concordio Area Gesam spa (ex-officine Italgas)
10-04-2008
Mauro Meloni - Serena Mammini

Il progetto di “riqualificazione” dell’area Gesam a San Concordio rientra all’interno del PN 6 del Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 16 marzo 2004.
Il piano riguarda una parte centralissima del territorio della Circoscrizione 7, in una zona già ampiamente sovraccarica di abitato e ad altissimo tasso di traffico veicolare e di smog connesso.
Esso va ad insistere in una area già oggetto di ulteriori futuri massicci interventi immobiliari: si pensi che si va dalle ex-officine Lenzi, allo Scalo merci ferroviario (PN2), dalla ex Safill (PN11) al progetto Lp srl (ex area Pasca).
Il cemento e il traffico in arrivo dal piano Gesam sono proprio l’ultima cosa di cui il quartiere di San Concordio aveva bisogno, visto che nella stessa valutazione degli effetti ambientali di supporto alla stesura del RU, si legge che questo intervento porterà ad un “aumento sensibile del carico urbanistico della zona”.
La chiusura insensata (per tempi e modi) del passaggio a livello di San Concordio ha comportato, tra gli altri problemi, un ulteriore immenso aggravio del traffico veicolare su tutte le strade circostanti e gli unici due accessi attualmente disponibili sono l’intasato viale Europa e quella specie di coda eterna che porta al passaggio a livello di San Filippo (via Squaglia, via di Mugnano e via Ingrillini).
Ricordiamo inoltre che il carico insediativo della zona potrebbe aver già enormemente sforato tutte le previsioni inserite nel Piano Strutturale.
Gli uffici previsti per la Gesam andranno tutti nella cd “cattedrale” (il cui interno verrà snaturalizzato in una sorta di alveare) e quindi la conseguente nuova edificazione (un nuovo volume alto metri 13,50, parallelo a via Consani) sarà a destinazione uffici e negozi che non serviranno alla Gesam, ma che verranno immessi sul mercato (ricordiamo che, al momento della redazione del PN 6 era previsto per l’area “un centro unificato servizi” Gesam e Geal; poi successivamente la Geal si è ritirata dall’affare e ad essa è subentrata la Polis e che quindi parrebbe improprio parlare di Centro Servizi Gas e Acqua).
Infine occorre sottolineare che il PN 6 è l’unico, di tutti i progetti norma, a non essere stato sottoposto a piano di recupero e quindi alla votazione in Consiglio Comunale.
Ci chiediamo:
perché il Comune (visto anche il nuovo corso intrapreso più “partecipato” rispetto all’era Fazzi), la Circoscrizione e la stessa Gesam spa non hanno pensato ad organizzare un’assemblea pubblica per presentare finalmente il progetto alla cittadinanza. Non si può ignorare la grande portata (mq 10945). Perché non si è pensato ad un concorso di idee per il recupero dell’area che tenesse veramente conto delle molte invarianti storico-culturali e ambientali ivi presenti, dell’annosa necessità di spazi per gli abitanti (già la recuperata Tintoria della vicina Filanda Viani era stata “promessa” al quartiere e invece da anni giace muta con grande cartellone Vendesi-Affittasi). Si rischia in questo modo l’annullamento della identità del sito dell’antico porto (o basta un vascone con 30 centimetri d’acqua a testimoniare la storia?), che non a caso è stato definito “l’area più interessante, dal punto di vista storico e archeologico, di tutte quelle situate fuori dalle Mura”.
Perché per questo PN non è stata prevista la procedura del piano di recupero che garantisce una maggiore partecipazione degli organi dell’amministrazione democraticamente eletti e l’opportunità per tutti i cittadini di realizzare ulteriori osservazioni? Non solo, ma se l’iter dell’articolo 140.4 fosse stato più celere e se fosse stato approvato l’emendamento presentato dal gruppo dell’Ulivo (Per la realizzazione delle operazioni previste dai PN si procede solo mediante piani attuativi) il progetto Gesam sarebbe ritornato in discussione in Consiglio Comunale?

In questo primo anno di mandato Favilla, svariati esponenti della variopinta e variabile maggioranza si sono a più riprese strappati le vesti per l’abnorme e svilente incremento immobiliare. In realtà, sino ad oggi, non si è affrontato il vero nodo dell’Urbanistica locale e cioè i Progetti Norma, rimasti intaccati in tutta la loro pesantezza concettuale e urbanistica, ogni provvedimento preso pare anche agli occhi di un ingenuo mero fumo negli occhi. Non si può continuare a giocare col territorio indossando contemporaneamente i panni del “rilasciatore” di concessioni edilizie e di paladino dell’ambiente dello sviluppo sostenibile, senza che si sprofondi in una sorta di “schizofrenia” amministrativa.
È davvero troppo tardi per RECUPERARE?


Mauro Meloni, consigliere Circoscrizione 7
Serena Mammini, consigliere comunale Ulivo-Pd



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news