LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verde in Israele grigio in Italia
23-04-2008
Massimo de Rigo

Sono tornato ieri da Gerusalemme e ho visto l'attesissima risposta di Manfredi Palmeri. Rientro da un Paese che pianta un albero alla nascita di ogni bimbo e che sta ampliando le aree verdi in una titanica battaglia contro il clima torrido e la siccit. Pur essendo Israele in stato di guerra perenne, ho constatato di persona come rispetta i suoi cittadini considerandoli una preziosa risorsa. Un Paese assediato e senza risorse, dove per non si muore di enfisema, di asma bronchiale e di cardiopatie da insufficienza respiratoria. A Milano, una delle tragiche capitali europee dell'inquinamento con migliaia di vittime accertate ed altre migliaia presunte, si abbattono boschi storici per edificare montagne di cemento a ridosso di aree naturalistiche, pianificando movimenti giornalieri di mille (1.000!) auto al posto di una delle rarissime oasi respirabili della metropoli. Tutti noi avevamo qualcosa di meglio da fare che denunciare a chi ci rappresenta un prevedibile attacco mortale ad uno dei pi importanti parchi pubblici di Milano e d'Italia (internazionalmente considerato esemplare: "un'esperienza unica di collaborazione continua a grande dimensione e molto efficace: attualmente vi vede implicati circa 15.000 cittadini volontari, ogni anno" il cui inestimabile contributo stato determinante per il recupero del "grande sistema di laghi salvati con un restauro naturale delle vecchie cave che avevano fortemente danneggiato la natura agricola"). Personalmente, andando in pensione, pensavo di dedicarmi alla splendida nipotina, alle mie ricerche storiche e allo studio della figura alla Scuola d'Arte del Castello, tirando il fiato dopo tante battaglie di salvaguardia storica e ambientale. Mi sbagliavo: dopo il bel convegno organizzato su Petrarca alla Sala del Grechetto - in cui ho apprezzato e ringraziato pubblicamente Manfredi Palmeri per il suo patrocinio - abbiamo dovuto accellerare a tutto campo in un'impresa disperata che, per la sua natura trasversale, coinvolgeva la quasi totalit degli schieramenti di destra e sinistra, fautori del cemento e ambientalisti di facciata, uniti in un affare molto, molto redditizio.
Le nostre erano domande semplici e non banali, sottoscritte da altri venti tra consiglieri zonali, cittadini e volontari del Parco delle Cave: una lunga e attenta analisi nella speranza che tutto il contesto del progetto (che cresce a dismisura in una scandalosa clandestinit di informazione) fosse ragionevolmente riesaminato e quanto meno ripensato.
1. Questo nuovo quartiere di oltre mille abitanti ad imbuto sulle cave e senza sfoghi poich a ridosso delle aree lacustri come sar strutturato con un adeguato flusso viabilistico?
2. Sar ammissibile lo stravolgimento di tutto il traffico veicolare?
3. Quale alternativa all'imbuto dell'unico e tortuoso percorso a doppio senso che sostituisce uno storico sentiero costeggiato dagli alberi e dall'alveo del fontanile?
4. Con quali criteri paesaggistici sono stati concessi i permessi di costruire a ridosso di un percorso riconosciuto come di grande interesse paesistico?
5. Ancora: quali gli interventi per mitigare e compensare adeguatamente l'oggettiva invasivit di questo Programma integrato di intervento, mentre Al Gore indica Milano come una delle citt pi amiche dell'ambiente in Europa e nel mondo? Domande semplici per prevenire un disastro tipo Punta Perotti. Una risposta c' stata, non dal Comune: i lavori delle 5 cooperative hanno preso un'improvvisa impennata su tutto l'enorme fronte a ridosso delle aree naturalistiche del Parco delle Cave. Tutta la zona nord-est del Parco ora un enorme cantiere e la gente si domanda cosa stia succedendo, poich i cartelli di legge sono incompleti. In queste ultime settimane hanno distrutto tutto per dare il massimo dell'accellerazione al cantiere. Hanno distrutto una delle ultime testimonianze storiche del contado milanese: si chiamava sentiero del Marcionino. Era costeggiato dall'alveo di un antico fontanile, il Marcionino, ancora attivo fino a pochi mesi fa e in questi giorni ricoperto di terra, e quindi di cemento, dopo lavori di tubazioni. Naturalmente, costante in questa vicenda sin dallinizio, anche questoltraggio avvenuto senza cartelli di Legge dettagliati che informino adeguatamente la cittadinanza di un quartiere di 15.000 abitanti e che dovrebbero coinvolgere la Provincia di Milano.
In realt, chi ha prenotato lappartamento vista Tesoro del Mondo sapeva gi tutto da anni, ma c stato tutto un passaparola sotterraneo che ha escluso la collettivit. A Palazzo Marino, al termine della Giunta Albertini (febbraio 2006) questo PII pass in seconda convocazione, con la maggioranaza divisa e lopposizione a ranghi molto ridotti Pass come unimportante opera di riqualificazione ambientale. Tanto rilevante da essere tenuto astutamente nascosto alla collettivit che solo ora comincia a vederne limpatto sul Parco. La compromissione del fontanile si consumata alla faccia della Legge Regionale nr. 7/2003 (art. 5 comma e) che indica linee guida per la valorizzazione e il recupero degli antichi alvei dei fontanili. Hanno decapitato questo antico sentiero con lo stesso 'stile da beccaio' del boia del Bosco del Marcionino (8500 mq di alberi rasi al suolo in due giorni nel solito silenzio assordante che incombe su questo PII) esattamente 13 mesi fa. Armi dello scempio, come allora, cupe motoseghe, per non perdere tempo in recuperi di alberi con deprecabili ritardi al cantiere in super accellerazione su tutto il fronte nord est del Parco delle Cave.
Il giorno prima, all'ingresso del sentiero, era stato costituito un tavolo pubblico, per spiegare ai cittadini quello che amministratori pubblici, partiti (le sedi prolificano anche attigue) e gli stessi progettisti-costruttori, ma anche i referenti delle associazioni del Parco delle Cave, dovevano aver gia' fatto da almeno tre anni.
Alcuni documenti del progetto (che va precisato pubblico), appaiono paurosamente lacunosi. Questo solo fatto meritava adeguati accertamenti, prima del disastro. I cittadini impegnati in una dura battaglia di civilt hanno ben presente che l'assertivismo corresponsabilit.

Massimo de Rigo
Comitato di Salvaguardia Ambiente Zona 7



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news