LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TURISMO, FEDERALISMO ADRIATICO
16-05-2008
Antonio V. Gelormini

Da qualche settimana, nel bene o nel male, c’è un intenso scambio di attenzioni tra il Veneto e la Puglia. Tra le due sponde agli antipodi dell’Adriatico. Tra le due terre tradizionalmente più rivolte verso l’Oriente. Un trittico, Puglia, Adriatico e Veneto, gelosamente difeso a suo tempo anche da Federico II. Per l’Imperatore Svevo un prezioso percorso alternativo, sicuro e protetto, utile per aggirare le minacciose imboscate dei liberi Comuni lombardi. Dai cori blasfemi su S. Pio dei tifosi veronesi nello stadio di Manfredonia, alla vittoria del Treviso al San Nicola di Bari. Dal successo dei “neri” o “rossi” di Puglia al Vinitaly di Verona, ai progetti del nuovo soprintendente ai Beni artistici pugliesi, Fabrizio Vona, che auspica una grande mostra su Lorenzo Lotto ed un’altra sulla pittura veneta di Puglia dal Trecento al Settecento. E’ tutto un susseguirsi di riferimenti reciproci, come forse non era accaduto in precedenza. Da ultimo l’appuntamento al Castello Svevo di Bari su “I tesori dell’Adriatico”, per presentare il progetto dell’Associazione Ville Venete, che intende allargare la proposta turistica di qualità alle “dimore storiche” di tutte le regioni adriatiche, fino alla Puglia su questa sponda, e comprendendo Serbia, Croazia, Montenegro ed Albania, su quella di fronte. L’idea di un network transnazionale, per un’offerta turistica interregionale ad alto livello qualitativo, senza dubbio valida e per certi aspetti decisamente affascinante, rischia però di evidenziare i suoi limiti nel paradosso contestuale di una macroarea, forse eccessivamente vasta. L’indistinta catalogazione di Ville Venete, Palazzi Pontifici marchigiani e abruzzesi, Dimore Rurali molisane, Residenze Asburgiche di Serbia, Montenegro, Croazia e Albania, Castelli Rinascimentali dell’Emilia Romagna o Manieri imponenti del Friuli Venezia Giulia, per finire con le tipiche Masserie di Puglia, presta il fianco ad una percezione dispersiva e alquanto confusa dell’offerta e della tipologia di prodotto. Più attrattiva e più rispettosa dei patrimoni intangibili, racchiusi in ciascuno di questi forzieri di storia, di vicende familiari e di cultura, potrebbe risultare una segmentazione federale dell’adesione al progetto. Capace, questa sì, di tutelare le peculiarità identitarie delle varie “dimore storiche” e dei loro territori; dove sorsero, per soddisfare negli anni esigenze totalmente diverse le une dalle altre. Lo stesso marchio de “I tesori dell’Adriatico” presenta una connotazione “palladiana”, che rimanda certo alle Ville Venete, ma poco richiama sia il contesto rurale che quello tipicamente slavo. Tanto meno rende merito all’affascinante immaginario rupestre delle Masserie meridionali. Meglio sarebbe, allora, che ognuna di queste realtà aderisse al progetto e si relazionasse con l’intera proposta adriatica, con un proprio marchio specifico. Moltiplicando il valore aggiunto apportato e dando forza alla variegata offerta turistica, anziché disperderlo in una enciclopedica e generica proposta di “dimore storiche”. Ai greci e ai romani, a cui Andrea Palladio ispirò le sue soluzioni architettoniche, nel corso dei secoli e nei diversi ambiti regionali dell’Italia in generale e dell’Adriatico in particolare, si sovrapposero in alcuni di essi gli effetti rinascimentali (antitetici alle linee dell’architetto padovano), ed in altri, come al Sud, le contaminazioni normanne, arabe, angioine, borboniche e aragonesi. Sarà bene tutelarne la ricchezza e sfruttarne la carica attrattiva. Dopotutto, la bellezza e l’originalità del costume di Arlecchino è proprio nella quantità e nella fantasmagoria delle toppe e dei colori che lo compongono. (gelormini@katamail.com)



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news