LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo mecenatismo dell’ICI
24-06-2008
Francesco Floccia

Ma perché si continua a recriminare (vedi le tante notizie web) sull’abolizione della tassa detta ICI 2008 motivando che, senza quegli introiti, i Comuni italiani non possono più svolgere – in tutto o in parte – attività culturale? Ma veramente ci deve essere un legame tra il pagamento da parte dei cittadini di una tassa sugli immobili e le opportunità di approntare per loro pubbliche manifestazioni di cultura o di spettacolo? Non voglio ricorrere a datate osservazioni di studiosi ormai solo maestri di mature generazioni di storici d’arte ma il punto di vista di Luigi Salerno, inserito nella “presentazione” al volume di Francis H. Taylor “Artisti, principi e mercanti”, Einaudi editore, 1954, è valido e attuale: “Se l’arte fu accostata per puro edonismo da tanti mecenati e collezionisti, se il denaro la alimentò, non vuol dire che il denaro possa sempre crearla. Se sono indispensabili determinate condizioni ambientali perché l’arte nasca e fiorisca, tuttavia essa nasce libera da queste condizioni, che non bastano a produrla”. Avanzare attualmente sempre richieste di fondi pubblici, finanziamenti, contributi economici, erogazioni statali affinché ci siano le possibilità per enti di ogni tipo di consentire iniziative e programmi artistici o di spettacolo è proprio del politico che vuol manifestare così il proprio impegno nel campo della cultura: ma non basta esprimere tali esigenze e neanche serve giacché – come scriveva sempre il Salerno – “malgrado tutto l’arte è un fatto spirituale”. E poi Salvatore Settis, nel suo “Italia S.p.a”, Einaudi 2002, particolarmente nel capitolo “L’arte ‘petrolio d’Italia’” rileva quanto mortificante sia alla fine quel concetto istituzionale di “attività culturali” quasi si volesse, con il loro svolgimento, “dinamizzare” la natura e la sostanza storica e nobile delle opere d’arte, oggi dette “beni”. Confidiamo invece nuovamente nella creatività degli artisti, si impostino le condizioni culturali e materiali perché ci siano generazioni di nuovi maestri, architetti, storici, persone di pensiero e di azione che sappiano realizzare i presupposti strutturali per un’effettiva e concreta formazione artistica (scuole, accademie, fondazioni) lasciando invece ai cittadini che possono - perché economicamente dotati - la facoltà e la libertà di individuare nella società nuovi artisti, nuove genialità, stimolando la creazione di opere e anche acquisendole. Si vada oltre l’aspettativa di mercato della qualità del “made in Italy” e si individuino le opere o anche i capolavori utili e adatti per impostare in Italia un moderno collezionismo. Piangere oggi sull’abolizione dell’ICI perché si pensa che ciò vada a detrimento della cultura nazionale, a fronte della lunga e articolata storia del mecenatismo italiano ed europeo vuol dire restringere in un nulla la potenza, l’audacia e la forza rivoluzionaria dell’arte. 19/6/2008



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news