LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TERMINATA LA MESSA IN SICUREZZA E IL CONSOLIDAMENTO DELLE VOLTE DI PALAZZO MIGLIAZZI A FRUGAROLO(AL)
02-07-2008
Antonella B. Caldini

Si è recentemente conclusa la messa in sicurezza e il consolidamento delle volte del primo e del secondo piano di Palazzo Migliazzi, realizzato apportando alcune modifiche al progetto definitivo/esecutivo. Pur tenendo conto di quanto previsto relativamente al consolidamento generale della scatola, l’intervento ha palesato soltanto in corso d’opera l’impossibilità di procedere al rinforzo con materiali compositi a base di fibre di carbonio (CFRP), a causa della tipologia costruttiva delle volte stesse. La presenza, riscontrata soltanto dopo la rimozione delle vecchie pavimentazioni, di volte da 6 cm con nervature rialzate di 12 cm sviluppate su luci da 5,65 metri con monta da 120 (per le volte più grandi) a 4,10 metri (per quelle più piccole), ha evidenziato le difficoltà di un consolidamento con le fibre che, dovendosi localizzare proprio in corrispondenza delle nervature, avrebbe comportato il rinforzo di parti di per sé già sicure. La necessità di ripristinare la continuità delle volte all’intradosso, diffusamente interessate da lesioni ricollegabili a piccoli movimenti delle imposte e a fenomeni di rotazione e cedimento strutturale delle pareti, ha motivato l’adozione di consolidamenti alternativi, ricorrendo prevalentemente all’uso di miscele leganti fibro-rinforzate a base di calce idraulica naturale. Il grande pregio di questo tipo di consolidamento è stato quello di non alterare in alcun modo l'aspetto originario della struttura, costituendo un notevole vantaggio rispetto ad altri sistemi invasivi che avrebbero potuto contribuire a snaturare l'essenza dell'edificio. Allo stato attuale il consolidamento delle volte risulta pressoché ultimato e i monitoraggi in itinere sembrano dimostrare la validità dell’intervento eseguito. In via preliminare all’intervento si è, anzitutto, provveduto al completo svuotamento della parte superiore da detriti o materiali non solidali con la volta e alla successiva rimozione di polveri, parti inconsistenti e materiale vario di riempimento rinvenuto in corrispondenza delle reni. Successivamente, per contribuire al miglioramento dell’efficienza strutturale delle volte dei solai di calpestio, si è valutato l’effettivo stato di conservazione dei frenelli di controventatura delle reni ancora esistenti, conservando quelli che non palesavano problemi strutturali e sostituendo quelli ammalorati con nuovi derivati dal riutilizzo di mattoni ancora in buono stato, nel rispetto della logica costruttiva. Sono, quindi, stati realizzati frenelli da 25 cm in corrispondenza delle nervature e frenelli da 12 cm contrapposti a circa 1 metro dall’angolo, prestando particolare cura affinché tutte le frenellature risultassero simmetriche alla volta. Terminata questa serie di operazioni preliminari, è stata eseguita una seconda pulizia delle volte, monitorando l’effettivo quadro fessurativo del sistema voltato, sia all’estradosso che all’intradosso, attraverso la segnalizzazione delle lesioni più preoccupanti ed anche di quelle di minore entità, comunque bisognose di intervento. Proprio in corrispondenza delle lesioni sono stati posizionati cunei in ferro a chiusura delle fessure esistenti, all’interno delle quali sono state successivamente inserite, per colatura, miscele leganti di prodotto specifico. L’intervento si basa sul costipamento in profondità dei vuoti essenzialmente presenti tra gli elementi costitutivi della muratura, per conferire ad essa continuità, compattezza e nuova capacità di resistenza meccanica. La tecnica consiste nel fare penetrare una miscela di materiale legante nelle fessurazioni esistenti, tramite lenta percolazione. Questo intervento ha richiesto l’utilizzo contestuale di due tipi diversi di prodotto in ragione della maggiore o minore profondità delle fessurazioni (Hd System). La miscela iniettata, a base di calce idraulica naturale, possedeva le seguenti proprietà: buona fluidità, buona stabilità, basso calore di reazione, minimo ritiro e buona compatibilità con la malta originaria. Il tempo di presa della malta è risultato piuttosto lungo e comunque compreso tra le cinque e le dieci ore. A questo punto, dopo avere provveduto al consolidamento di tutte le lesioni visibili, è stata eseguita la sigillatura con malta di calce, al fine di evitare risorgenza di miscela. Il passo successivo è stato quello di procedere al posizionamento di una rete in ferro elettrosaldata (f 5 mm) con maglia 10X10 cm adagiata alla superficie voltata e legata con filo di ferro, atta a collaborare con la struttura portante. Si è quindi proceduto ad eseguire un getto di betoncino leggero fibrorinforzato a base di calce idraulica naturale, conforme alle norme UNI EN 459-1, adatto alla realizzazione di rinforzi strutturali mediante accoppiamento con reti metalliche elettrosaldate. Il prodotto impiegato (Hd System), applicato su tutta la superficie voltata per uno spessore di 3-4 cm, essendo caratterizzato da un’elevata adesione, ha consentito un ottimo aggrappaggio. L’intervento ha interessato anche le reni delle volte che sono state riempite con betoncino fibrorinforzato per una altezza complessiva di 15 cm, l’intervento è stato eseguito in due tempi, raggiungendo dapprima un’altezza di 7,5 cm e successivamente un’altezza di 15 cm. In seguito, operando sempre sulle reni delle volte, è stato eseguito un ulteriore getto per un’altezza finale di 25-30 cm con betoncino pronto a base di calce idraulica naturale avente funzione di “collaboratore statico”. Sulle volte con superficie ridotta, che si presentavano gravemente lesionate, il prodotto è stato gettato fino all’estradosso.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news