LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Al Congresso Mondiale d'Architettura di Torino si impone l'ecologia
16-07-2008
Leandro Janni

11 Luglio 2008

Si concluso, a Torino, il XXIII Congresso Mondiale d'Architettura. Grande soddisfazione, da parte degli organizzatori, per i contenuti emersi nelle giornate di lavoro e per la notevole partecipazione di pubblico: oltre 10.140 iscritti, di cui la met stranieri, provenienti in particolare da Brasile, Colombia, Giappone, Nigeria, Cina e India. Il manifesto conclusivo ha una forte impronta ecologista. Nel documento sono sintetizzati i problemi dell'architettura di oggi e le principali sfide di domani: "Per un nuovo modello di sviluppo che si riconcili con la natura e la tuteli in una nuova alleanza; per una societ post consumistica che rimetta al centro dell'attenzione i valori primari dell'umanit. Per ridefinire i contorni della modernit affinch ristabilisca l'armonia con i cicli della natura. Per un'architettura che si faccia interprete della natura, che difenda e valorizzi la biodiversit declinata a tutti i livelli: estetica, etica e politica". Questo, in sintesi, l'impegno futuro del mondo dell'architettura nell'incipit del Manifesto di Torino, in cui sintetizzato il lavoro di questo congresso. "Perch gli architetti si fanno carico di queste problematiche? - recita ancora il Manifesto - Perch questa professione profondamente connessa ai processi di trasformazione del territorio e il loro ruolo, assieme ad altre figure, pu essere decisivo nella rega di una complessit di saperi da mettere in gioco. E perch nessuno deve delegare le proprie responsabilit". Come dice Barry Commoner, "Se si deve fare pace con il Pianeta, siamo noi a doverla fare".
Tra le dichiarazioni conclusive, quella di Raffaele Sirica, presidente del Consiglio nazionale degli architetti pianificatori paesaggisti e conservatori italiani, particolarmente significativa per le sue implicazioni ambientali: "L'architettura dell'era elettronica - ha affermato - deve contribuire a neutralizzare le patologie delle grandi aree urbane, andare oltre i linguaggi, sia accademici che sperimentali, ormai in fase involutiva, che ignorano la crisi ambientale e sociale. Ci pu avvenire solo attraverso un processo, quello della "Democrazia urbana per la qualit", ovvero attraverso consultazioni nelle comunit e l'intreccio virtuoso tra architettura sostenibile e urbanistica, per realizzare trasformazioni condivise".

Cos'altro dire? Noi cosiddetti "ambientalisti", ovviamente, non possiamo che essere soddisfatti degli esiti del congresso di Torino. Una volta tanto.

















news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news