LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BENEVENTO E I BENI CULTURALI
24-07-2008
Vega de Martini

Il nuovo riordino, a livello nazionale, degli organi periferici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, cioè, in particolare, delle Soprintendenze, messo a punto negli ultimi mesi del governo Prodi (D.P.R. 26.11.2007 n. 233 e decreto ministeriale 28.2.2008), dopo essere stato sospeso e, dopo pochi giorni, riproposto sostanzialmente identico, con decreto ministeriale 18.6.2008, dal Governo Berlusconi, ha creato e continua a creare totale confusione nella gestione del patrimonio culturale e pesanti danni allo stesso. Ci si sarebbe aspettati, invece, in questo particolare momento di difficoltà anche economiche, un riordino finalizzato a dare attenzione alle realtà territoriali, accorpando quanto più possibile le varie competenze, in un unico organismo provinciale, con, tra l’altro, l’esercizio della tutela dei beni culturali di un territorio più omogeneo nelle proprie tradizioni. Il nuovo riordino ha diviso, di contro, le competenze, anche di tutela, che dovranno esplicitarsi su territori di afferenza peraltro spesso diversi a seconda della tipologia della tutela (architettonica, storico-artistica ed archeologica). In tal senso, la situazione, com’è noto, è particolarmente disastrosa in Campania dove sono previste tre Soprintendenze Architettoniche - una per Napoli e provincia, con sede a Napoli, una per Salerno e Avellino, con sede a Salerno, e una per Caserta e Benevento, con sede a Caserta -, tre Soprintendenze Archeologiche - una per Napoli e Pompei, con sede a Napoli, una per Salerno e Avellino, con sede a Salerno, una per Caserta e Benevento, con sede a Caserta -, ed, infine, tre Soprintendenze storico-artistiche. Queste ultime sono: la Soprintendenza del polo museale napoletano, cui è assegnata anche la città di Napoli, ovviamente con sede a Napoli, la Soprintendenza di Salerno e Avellino, con sede a Salerno e la Soprintendenza della provincia di Napoli (con esclusione di Napoli), Caserta e Benevento, con sede a Napoli. Da questo “riordino”, la provincia di Benevento appare sicuramente la più penalizzata. Infatti, nonostante l’importanza nota del suo patrimonio culturale (quale capitale dell’esteso Sannio pre-romano e del medioevale vastissimo ducato longobardo), non è previsto che la città ospiti - unica tra i capoluoghi campani di antiche tradizioni - una sede dirigenziale, anche nonostante la presenza in centro città di un consistente immobile storico che attualmente ospita i centri operativi archeologico e storico artistico delle soprintendenze appena soppresse. In più l’accorpamento di Benevento con la provincia napoletana rende funzionalmente ingestibile l’intero territorio della fascia interna campana, di afferenza al capoluogo sannita. Si ritiene che la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Napoli (con esclusione della città), Caserta e Benevento, non potrà mai funzionare, per l’esiguo numero dei funzionari storici dell’arte preposti, per la vastità dei territori di competenza e la disomogeneità culturale che tra essi intercorre: da ogni punto di vista, la Campania è stata sempre divisa in tre fascie parallele e la distanza tra quella tirrenica (con Napoli) e quella sannita più interna è assolutamente significativa, per le tante diversità. Ci saremmo aspettati che nel nuovo decreto del 18 giugno 2008 fosse previsto almeno lo scorporo della provincia di Napoli da Caserta e Benevento, con il riaccorpamento della provincia di Napoli alla città! Ci saremmo aspettati, ancora, che fosse tenuto in conto la congruità del territorio beneventano con quello di Salerno e Avellino e non con quello di Napoli e Caserta. È noto, infatti, come detto, tra l’altro, che la storia delle zone interne della Campania è connotata dalla forte presenza, e per molti secoli, dei Longobardi che avevano, in particolare, a Salerno il loro sbocco a mare. Ci saremmo aspettati che nel nuovo decreto del 18 giugno 2008 fossero state tenute in conto le condizioni dal punto di vista della logistica e delle risorse umane del predetto immobile di Benevento, l’ex convento San Felice, attuale sede sia del Centro Operativo dell’ex Soprintendenza Archeologica di Salerno, Avellino e Benevento sia del Centro Operativo storico-artistico della Soprintendenza BAPPSAE di Caserta e Benevento. Il territorio beneventano è particolarmente importante non solo per il suo patrimonio archeologico, ma anche per quello storico-artistico e dovrebbe essere - sicuramente ed indipendentemente da strane logiche politiche, irrilevanti per il territorio, già per queste logiche negli ultimi decenni notevolmente penalizzato - oggetto di particolare attenzione dal momento che sta per essere inserito per la sua valenza longobarda nel patrimonio mondiale dell’UNESCO. Per quest’ultimo progetto da mesi il settore storico-artistico BAPPSAE e la Sezione archeologica beneventana (allocati entrambi nello stesso edificio, l’ex carcere di San Felice) stanno lavorano fianco a fianco e avranno ancora molto da lavorare per il controllo della gestione da parte degli Enti locali (Comune e Provincia) dei fondi europei e regionali previsti per la valorizzazione di tutta la città di Benevento finalizzata alla qualificazione UNESCO. Perché Benevento, e il Sannio tutto, non siano private della loro identità culturale, cosa particolarmente pericolosa in un momento in cui si parla a livello regionale e nazionale di questo territorio come piattaforma logistica del napoletano, è necessario battersi per la creazione a Benevento di una mista archeologica e storico artistica, o di una “supermista” che comprenda anche l’architettonico, tenendo presente che esistono a Benevento sia le strutture, sia gli spazi, sia le risorse umane con conseguente risparmio per l’erario dello Stato. Ove questo non fosse possibile - per il fatto che l‘accorpamento delle tre competenze in una è in netto contrasto con l’impostazione generale della riforma a livello nazionale - è necessario battersi per l’aggancio della provincia di Benevento alle relative soprintendenze di Salerno e Avellino, considerata la congruità storico-culturale dei tre territori e la completa incongruità di questi con le province di Napoli e Caserta. In tutti i casi, se i Beneventani hanno a cuore il loro patrimonio culturale ed il loro territorio, è questo il momento di aprire un sostenuto dibattito sull’argomento e di far valere il loro diritto all’identità calpestata.

Vega de Martini Direttore del Centro Operativo di Benevento dell’ ex Soprintendenza BAPPSAE di Caserta e Benevento

Prof. Mons. Mario Iadanza Vicario episcopale per la cultura e i beni culturali dell’ Arcidiocesi di Benevento E docente universitario

Gli iscritti sanniti della Sezione di “Italia Nostra” di Caserta Tutto il personale del Centro Operativo di Benevento
Tonino Pedicino - Italo Mustone - Maria D’Argenio - Paola Ruggiero -Edda Melillo - Pasquale Donisi -Giuseppe De Nigris - Mario De Bellis – Lucia Zanchiello - Renato Marucci - Antonio Lo Iaco - Domenico Iannuzzi – Antonio Pastore – Rino Vernillo



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news