LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LETTERA APERTA A TUTTI I CROTONESI
08-08-2008
Giorgio Greco


Una sorta di aneddoto sulla natura dei crotonesi parla di due persone che trovano una lampada magica e, dopo averla strofinata, il genio chiede a colui che l’ha trovata di esprimere un desiderio, “ma sappi che all’altra persona darò il doppio di quello che chiedi tu”.

Dopo aver pensato a tutte le ricchezze possibili e al fatto, però, che l’amico avrebbe avuto il doppio, l’uomo che trovò la lampada disse al genio: “cacciami un occhio” in modo da levarne due all’altra persona.

Forse non è il modo migliore per iniziare a esprimere, da crotonese e da appassionato di archeologia, cultura, letteratura e turismo, lo sconforto per quanto accaduto in queste settimane al Museo archeologico di Capocolonna.

Se andate sul sito www.patrimoniosos.it trovate una lettera dell’assessore comunale alla Cultura (scusate ma non è uno scherzo), Giovanni Capocasale, che quasi quasi stava per stappare una bottiglia alla notizia che il Ministero aveva interrotto la gestione del museo da parte della Provincia di Crotone.

Come può un rappresentante istituzionale di una città gloriosa come Crotone esprimersi su quanto sta accadendo a Capocolonna con interventi del tipo: “Il provvedimento del ministero, che ne è l'esclusivo titolare, è un chiaro e forte segnale di contrasto all’approssimazione e alla accondiscendenza, sia politica che amministrativa passata e segna un’inversione di rotta per favorire una gestione legittima dei beni culturali, siti nella città di Crotone”.

Che vuole dire l’assessore Capocasale con queste parole. Che il suo unico e principale obiettivo da quando è diventato assessore era quello di demolire quanto di buono stava costruendo la Provincia di Crotone attraverso la Fondazione Odyssea a Capocolonna?

Che è normale che una istituzione possa andare così, senza alcun criterio se non quello dell’autodistruzione, contro un’altra istituzione che tanto ha fatto perché il museo di Capocolonna riaprisse?

Scusate, ma non è uno scherzo. Siamo all’assurdo. L’assessore alla Cultura del comune Capoluogo che infonde in tutti il sospetto che dietro il provvedimento del Ministero sul museo di Capcolonna ci sia l’azione dell’Amministrazione comunale, o meglio dell’assessore Capocasale. Come può definirsi istituzione costui. Come può definirsi crotonese e amante di Crotone e dello sviluppo di questo territorio. Chi rappresenta l’assessore Capocasale se non i Saraceni che arrivano sulle coste crotonesi per prendere il bottino e distruggere tutto quello che trovano? E ancora, come si fa a parlare di “forte segnale di contrasto all’approssimazione e all’accondiscendenza politica e amministrativa….inversione di rotta per favorire una gestione legittima dei beni culturali”. Non abbiamo capito bene: “una gestione legittima dei beni culturali”, cosa vuole dire ancora l’assessore Capocasale? Su gestione legittima e non solo di beni culturali forse i crotonesi avrebbero da dire altre cose, magari in quali palestre si possa giocare liberamente a pallavolo. Magari. Ma queste sono altre storie. E poi chiedo ancora all’assessore alla Cultura, Capocasale di spiegare cosa significa: “I ripetuti interventi e le richieste di questa amministrazione comunale verso il ministero dei Beni culturali e la direzione regionale puntano alla fruibilità permanente e non occasionale dei beni culturali, proprio ora che è iniziata la stagione estiva e la città accoglie, come ogni anno, importanti e numerosi flussi turistici”. E perché la stessa solerzia che ha avuto Capocasale per il museo di Capcolonna non l’ha avuta per il museo nazionale di via Risorgimento? Forse quello non rientra nei beni culturali e nel livore polemico che meritano l’attenzione dell’assessore Capocasale?
Ho letto della conferenza stampa del presidente Iritale che è stato fin troppo galantuomo nel non usare altra terminologia che quella che lo stile istituzionale impone. Poi, ho seguito, dalle colonne di un giornale, tutta la cronistoria della revoca della gestione del Museo. Quasi come si faceva una volta con l’anteprima al cinema, loro sapeva tutto prima. E forse non solo loro sapevano prima. Poi, d’incanto, sulle colonne dello stesso giornale, cambiano i toni cambia lo stile, e Capocolonna torna ad essere un luogo incantato e suggestivo dove “i corbezzoli nascono spontanei e il profumo” invade ecc.ecc. Si torna poeti e si scopre una vena artistica che fino a qualche settimana prima era repressa e soffocata. Così come repressa e soffocata è la libertà di alcuni personaggi che per coprire le proprie magagne parlano di guardiani della libertà contro il malaffare del potere, ma sono solo pretoriani al servizio di conto terzi. Però! Tra l’altro vorrei far notare sia all’assessore Capocasale che ai suoi megafoni, che quello di Capocolonna non è un “anfiteatro”, ma un teatro, classico. “La differenza esteriore tra un anfiteatro e un teatro è che l'anfiteatro è di forma ellittica mentre il teatro è semicircolare” vocabolario della lingua italiana. Il Colosseo è un anfiteatro, infatti, il suo vero nome è anfiteatro Flavio. Ma cosa volete che importi ad un assessore alla Cultura e ai suoi megafoni questa differenza.

La rinascita culturale di Crotone non può attuarsi se personaggi istituzionali manovrano per demolire e poi sventolano la bandiera della crotonesità e della legittimità. Lei assessore Capocasale dovrebbe spiegare ai suoi concittadini in che stato si trova oggi il Museo di Capocolonna e che servizi offre. E lo dovrebbe spiegare “proprio ora che è iniziata la stagione estiva e la città accoglie, come ogni anno, importanti e numerosi flussi turistici”.

Ai miei concittadini chiedo scusa per i toni e per lo sfogo, ma la delusione è davvero tanta quando passi giornate intere a lavorare per far fare un mezzo passo in avanti al nostro territorio e poi qualcuno lavora per fartene fare dieci indietro. Come al solito a perderci sono Crotone e i crotonesi, e a farli perdere sono coloro che dovrebbero rappresentare questo territorio. Perciò assessore forse farebbe bene a dimettersi prima da crotonese.
p.s. A fine agosto farete leggere il registro con i commenti dei visitatori? E si potrebbe fare una verifica dei numeri?

Giorgio Greco
Laurea in Conservazione dei Beni culturali



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news