LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA VITTORIO EMANUELE II – BUSTO ARSIZIO
09-09-2008
Giovanni Ferrario


Ill.mo sig. Sindaco
del Comune di Busto Arsizio

Spett. Assessore all’Urbanistica
del Comune di Busto Arsizio

Spett. Assessore alla Cultura
del Comune di Busto Arsizio

Spett. Ufficio Tecnico
del Comune di Busto Arsizio



OGGETTO: OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA VITTORIO EMANUELE II – BUSTO ARSIZIO


La presente per sottoporre delle osservazioni al progetto relativo all’area di Piazza Vittorio Emanuele II a Busto Arsizio.

Dopo aver preso visione della presentazione video del progetto (pubblicato sul sito del Comune di Busto Arsizio) e di quanto pubblicato sulla delibera di Consiglio Comunale n.° 592/2008 (anch’essa pubblicata sul sito del Comune di Busto Arsizio),
faccio presente che:

- l’accesso all’area di progetto dal fronte di via Solferino avverrà con la demolizione di parte dell’antica edificazione esistente (come del resto chiaramente indicato nella delibera): “il progetto prevede […] la conservazione del sedime della cortina edilizia su via Solferino, interrotta solo in corrispondenza con il vicolo Santa Croce”;
- non è rispettato il punto di accesso all’area previsto dal P.R.G. vigente (allegato 1) indicato nell’esistente accesso alle corti interne dei fabbricati;
- si interromperebbe in questo modo (allegato 2) la cortina edilizia continua, perdendo così uno degli scorci più caratteristici del centro storico (allegato 3) e via Santa Croce verrebbe prolungata in modo arbitrario;
- gli antichi fabbricati di via Solferino non presentano dissesti statici visibili né condizioni di conservazione tali da pregiudicarne una rigorosa ristrutturazione ed un opportuno intervento di restauro.






Considerato che:
- l’area è all’interno del nucleo centrale di origine celtico - ligure di Busto, di cui conserva tuttora l’andamento tortuoso delle strade, quindi di particolare interesse storico;
- l’area è a pochi passi dal Santuario Bramantesco di Santa Maria di Piazza;
- gli edifici che la occupano sono di epoca medioevale (“anche se ristrutturati nel ‘7-‘800: sulla base del poco che è stato messo in luce cinquant’anni fa (allegato 4: ove si mostra la colonna conservata nell’edificio adiacente di via Montebello n.° 8), si possono ritenere probabili ritrovamenti archeologici di estremo interesse”);
- l’area nel 1970 ha purtroppo visto la demolizione della cinquecentesca chiesa di Santa Croce e la sua sostituzione con un recente edificio residenziale estraneo al contesto;
- è adiacente a Casa Paracchi (edificio di via Montebello n.° 8), edificio di rilevanza storica – artistico – ambientale del Comune di Busto Arsizio secondo il vigente PRG (allegato 5: estratto N.T.A. – Edifici di interesse storico – artistico –ambientale);
- al di sopra dell’accesso esistente alle corti interne è presente un affresco (seicentesco e probabilmente opera del pittore Crespi Castoldi), che sebbene compromesso nella porzione superiore ed eventualmente asportabile con tecnica “a strappo”, avrebbe senz’altro maggior valore se conservato in loco, nell’ambiente in cui è nato;
- nonostante la demolizione della chiesa di Santa Croce è uno dei pochissimi lacerti urbani (non ancora snaturato) della vecchia Busto;
- la quasi totalità degli edifici circostanti che si dipartono da via Solferino fino a via S. Antonio, di caratteristiche analoghe, è stata recuperata a destinazione abitativa senza interventi di demolizione con successiva ricostruzione;
- gli interventi di demolizione con successiva ricostruzione più o meno filologica sono altamente opinabili dal punto di vista della metodologia del restauro architettonico in quanto creano solamente dei “falsi storici”;

Si fa presente che:

- l’intera cortina edilizia di via Solferino meriterebbe una ristrutturazione rigorosa senza andare a realizzare delle architetture in “stile antico” ma chiaramente “rifatte” nel 2008-2009, con una struttura portante in cemento armato;
- l’intera cortina edilizia andrebbe salvaguardata, consentendo l’accesso all’area dal sottoportico esistente per evitare così le interruzioni della cortina stessa, come già avvenuto sul fronte opposto a seguito della demolizione della chiesa di Santa Croce.

Grazie e cordiali saluti.


Busto Arsizio, 04.09.2008


Dott. Arch. Giovanni Ferrario


Bibliografia essenziale:

- P. Galli, A. Spada, G. Magini, P. Torresan, “Recupero del Centro Storico e Piano Regolatore” – Busto Arsizio, dicembre 2006.



ELENCO ALLEGATI:

1) Estratto di P.R.G. vigente;
2) Proposta progettuale a modifica di quanto previsto da P.R.G. vigente;
3) Documentazione fotografica;
4) Foto colonna conservata in via Montebello n.° 8;
5) Estratto NTA – Edifici di interesse storico – artistico –ambientale.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news