LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Su stadio del tennis si va nella direzione giusta
25-09-2008
Fabio Rampelli

Roma, 25 SET (Velino) - "Quella che si va delineando mi sembra una soluzione molto ragionevole: funzionalita' non invasiva nell'immediato e rispetto del patrimonio architettonico in prospettiva".
Fabio Rampelli, deputato del Pdl e vero e proprio "paladino" del Foro Italico, plaude alla soluzione che sarebbe emersa ieri durante un summit fra Comune di Roma, Fit, Atp e Coni a proposito dello stadio del tennis. "A quanto mi risulta la struttura
in vetro e acciaio che si pensa di realizzare nel breve periodo per aumentare la capienza del "centrale" avra' veramente il carattere della temporaneita' - spiega Rampelli -. Perche' sara' in teoria (ma anche in pratica) rimuovibile del tutto in qualsiasi momento. Niente a che vedere quindi con il 'mammozzone' in cemento armato sotto cui la precedente amministrazione capitolina aveva pensato di soffocare lo stadio in marmo
circondato da statue". Un'idea, quella concordata a suo tempo fra Coni e giunta Veltroni, che per la verita' si stava gia' tramutando in atti concreti. Va detto infatti che nell'area dell'impianto si possono notare lavori di fondazione gia' avviati nonostante non ci sarebbe stato ancora, a quanto pare, nessun via libera da parte della Conferenza dei Servizi. "Piu' in generale - continua *Rampelli* - credo che il principio-guida che ispira
questa prima decisione vada nella direzione auspicata da tempo:
riqualificare l'intera area del *Foro* *Italico* e congiungerla idealmente con quella dell'Acqua Acetosa per farne una grande cittadella sportiva. E di uno sport soprattutto di base e popolare e non soltanto elitario e professionistico". E sull'ipotesi di trasferire gli Internazionali d'Italia
di tennis in un nuovo stadio nella zona di Tor Di Quinto, Rampelli spiega: "In realta' io ho solo detto che quell'area potrebbe eventualmente ospitare la struttura sportiva multidisciplinare che si voleva sovrapporre allo
stadio del tennis. Ma questa e' una scelta che spetta innanzitutto al Coni.
Quello che invece mi preme soprattutto e' che si proceda a quel recupero complessivo del Foro Italico che passa anche - conclude - per la delocalizzazione della caserma dei Carabinieri e dell'Ostello della gioventu' e per la riqualificazione della Casa della Scherma". (fch) 251613

SET 08
Roma, stadio del tennis: verso struttura agile in vetro e acciaio

Roma, 25 SET (Velino) - Una struttura "temporanea" e "leggera" in vetro e acciaio che consenta di rispettare i limiti di capienza minima prevista dai regolamenti internazionali (10.500 posti), senza pero' stravolgere e deturpare l'architettura dello storico Stadio del tennis al Foro Italico.
E' questa - a quanto apprende il VELINO - la soluzione che avrebbero concordato ieri sera Comune di Roma, Coni, Fit (Federazione italiana tennis) e Atp (Association of Tennis Professionals) per garantire che gli Internazionali d'Italia di tennis rimangano nel principale circuito professionistico della disciplina. Si tratterebbe in sostanza di una risposta tecnica di medio termine applicabile sin dall'edizione 2009 del
torneo capitolino, in attesa di indire una vero e proprio concorso per un progetto di ristrutturazione permanente dello Stadio del tennis capace di ampliarne i posti a sedere, ma anche di preservarne il valore architettonico. In pratica dunque tramonta definitivamente il progetto "pesante", pensato dalla precedente amministrazione comunale, di una struttura in cemento armato che avrebbe dovuto coprire il manufatto costruito in epoca fascista e che, nelle intenzioni del Comitato olimpico nazionale italiano, sarebbe stata utilizzata non soltanto per l'appuntamento
tennistico di primavera ma anche per altre discipline sportive lungo tutto l'arco dell'anno. E scartato quindi anche il cosiddetto "progetto a conchiglia" basato su una sovrastruttura in grado di aprirsi a corolla mediante enormi martinetti idraulici per cercare delle platee supplementari,
e di richiudersi quando non utilizzata scomparendo all'interno dello stadio originario. (reg) 251505 SET 08



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news