LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Su stadio del tennis si va nella direzione giusta
25-09-2008
Fabio Rampelli

Roma, 25 SET (Velino) - "Quella che si va delineando mi sembra una soluzione molto ragionevole: funzionalita' non invasiva nell'immediato e rispetto del patrimonio architettonico in prospettiva".
Fabio Rampelli, deputato del Pdl e vero e proprio "paladino" del Foro Italico, plaude alla soluzione che sarebbe emersa ieri durante un summit fra Comune di Roma, Fit, Atp e Coni a proposito dello stadio del tennis. "A quanto mi risulta la struttura
in vetro e acciaio che si pensa di realizzare nel breve periodo per aumentare la capienza del "centrale" avra' veramente il carattere della temporaneita' - spiega Rampelli -. Perche' sara' in teoria (ma anche in pratica) rimuovibile del tutto in qualsiasi momento. Niente a che vedere quindi con il 'mammozzone' in cemento armato sotto cui la precedente amministrazione capitolina aveva pensato di soffocare lo stadio in marmo
circondato da statue". Un'idea, quella concordata a suo tempo fra Coni e giunta Veltroni, che per la verita' si stava gia' tramutando in atti concreti. Va detto infatti che nell'area dell'impianto si possono notare lavori di fondazione gia' avviati nonostante non ci sarebbe stato ancora, a quanto pare, nessun via libera da parte della Conferenza dei Servizi. "Piu' in generale - continua *Rampelli* - credo che il principio-guida che ispira
questa prima decisione vada nella direzione auspicata da tempo:
riqualificare l'intera area del *Foro* *Italico* e congiungerla idealmente con quella dell'Acqua Acetosa per farne una grande cittadella sportiva. E di uno sport soprattutto di base e popolare e non soltanto elitario e professionistico". E sull'ipotesi di trasferire gli Internazionali d'Italia
di tennis in un nuovo stadio nella zona di Tor Di Quinto, Rampelli spiega: "In realta' io ho solo detto che quell'area potrebbe eventualmente ospitare la struttura sportiva multidisciplinare che si voleva sovrapporre allo
stadio del tennis. Ma questa e' una scelta che spetta innanzitutto al Coni.
Quello che invece mi preme soprattutto e' che si proceda a quel recupero complessivo del Foro Italico che passa anche - conclude - per la delocalizzazione della caserma dei Carabinieri e dell'Ostello della gioventu' e per la riqualificazione della Casa della Scherma". (fch) 251613

SET 08
Roma, stadio del tennis: verso struttura agile in vetro e acciaio

Roma, 25 SET (Velino) - Una struttura "temporanea" e "leggera" in vetro e acciaio che consenta di rispettare i limiti di capienza minima prevista dai regolamenti internazionali (10.500 posti), senza pero' stravolgere e deturpare l'architettura dello storico Stadio del tennis al Foro Italico.
E' questa - a quanto apprende il VELINO - la soluzione che avrebbero concordato ieri sera Comune di Roma, Coni, Fit (Federazione italiana tennis) e Atp (Association of Tennis Professionals) per garantire che gli Internazionali d'Italia di tennis rimangano nel principale circuito professionistico della disciplina. Si tratterebbe in sostanza di una risposta tecnica di medio termine applicabile sin dall'edizione 2009 del
torneo capitolino, in attesa di indire una vero e proprio concorso per un progetto di ristrutturazione permanente dello Stadio del tennis capace di ampliarne i posti a sedere, ma anche di preservarne il valore architettonico. In pratica dunque tramonta definitivamente il progetto "pesante", pensato dalla precedente amministrazione comunale, di una struttura in cemento armato che avrebbe dovuto coprire il manufatto costruito in epoca fascista e che, nelle intenzioni del Comitato olimpico nazionale italiano, sarebbe stata utilizzata non soltanto per l'appuntamento
tennistico di primavera ma anche per altre discipline sportive lungo tutto l'arco dell'anno. E scartato quindi anche il cosiddetto "progetto a conchiglia" basato su una sovrastruttura in grado di aprirsi a corolla mediante enormi martinetti idraulici per cercare delle platee supplementari,
e di richiudersi quando non utilizzata scomparendo all'interno dello stadio originario. (reg) 251505 SET 08



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news