LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castello monumentale di Barrea (AQ), progetto di messa in sicurezza e valorizzazione gravemente inadeguato ed invasivo
24-10-2008
Beatrice di Loreto

OGGETTO: Castello monumentale di Barrea (AQ), progetto di messa in sicurezza e valorizzazione gravemente inadeguato ed invasivo.

Il Comune di Barrea ha approvato un progetto che prevede la realizzazione allinterno della cinta muraria del Castello di Barrea di un fabbricato destinato a sala convegni. Se tale progetto esistesse veramente, la sua attuazione produrrebbe la devastazione del monumento, oltre a costituire un gravissimo precedente. (Avv. Fausto Corti, Italia Nostra).

Nel 2006, con un finanziamento allinterno del DOCUP ABRUZZO 2000-2006, il Comune di Barrea commissiona alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per lAbruzzo un progetto di messa in sicurezza e valorizzazione del Castello monumentale.
Il Castello sottoposto a vincolo monumentale e ricade allinterno della zona A (centro storico) di Piano Regolatore Generale. E di propriet del Comune per la quota di 575,11 millesimi a seguito della donazione da parte di privati; per i restanti 424,89 millesimi la propriet rimane privata, ed stata ceduta al Comune in comodato cinquantennale.
Il Comune di Barrea ha approvato il progetto in palese violazione sia dei vincoli monumentali e paesaggistici, che delle indicazioni del PRG (senza peraltro informarne i comproprietari).

Il progetto prevede, oltre alla messa in sicurezza delle apparecchiature murarie (danneggiate dal terremoto del 1984), la costruzione allinterno della cinta muraria di una struttura destinata a sala conferenze, nonch di uno spazio espositivo coperto.
Si fa notare che gli interventi previsti snaturano completamente il monumento: le strutture altererebbero il profilo attuale del monumento e lintero panorama del paese (il Castello visibile dallintera valle e le nuove strutture ne supererebbero in altezza il profilo - vedi foto allegate, pag. 6). Inoltre sono previsti impianti di condizionamento e riscaldamento, che insieme alle strutture produrrebbero la distruzione dellintegrit del monumento.
Anche i percorsi e i terrazzamenti esistenti, grazie ai quali il monumento visitabile e fruibile, fanno parte di una unit visiva che costituisce una caratteristica fondamentale del monumento, e che verrebbe completamente distrutta nella nuova configurazione.
Lo scrivente fa notare come, in una pi che trentennale frequentazione del paese, mai si sentita la necessit di una struttura con questa funzione. Tra laltro la mancanza di uno studio approfondito del manufatto a monte del progetto (che emerge chiaramente dalla scarsa qualit e completezza degli elaborati grafici) non ha permesso la ricerca ed individuazione di soluzioni alternative, non invasive, per il soddisfacimento delle esigenze a cui intende rispondere la sala convegni. In particolare ci si riferisce alla probabile presenza di un locale coperto sotto uno dei terrazzamenti del Castello.
A tutto ci si aggiunge infine una poco condivisibile scelta di materiali: acciaio, vetro e plastica, in una zona con condizioni climatiche invernali piuttosto rigide, richiederebbero costanti interventi di manutenzione. Le doti di trasparenza e leggerezza dei materiali menzionate nel progetto sono totalmente vanificate dalle dimensioni eccessive delle strutture. La presunta removibilit delle strutture, garantita a parole nel progetto, ha gi prodotto in ogni caso una devastazione degli spazi interni del Castello: al momento in cui si scrive stato effettuato una sbancamento allinterno della cinta muraria e gettata una platea in calcestruzzo per la sala conferenze, con gravissima alterazione della struttura originaria.
(Incidentalmente si fa notare che stata abbattuta una quercia secolare, senza vera necessit e senza un adeguato studio preliminare, tanto che poi non stato possibile rimuoverne limpianto radicale.)
Anche la sezione regionale di Italia Nostra si interessata al caso, ma n questo n lopposizione dei proprietari ha finora prodotto alcun effetto. Lunica variante concessa prevede che la struttura in acciaio sia non pi saldata ma imbullonata, come se questo la rendesse temporanea.
Se fino ad ora i lavori hanno riguardato solo il restauro delle murature, ora il lavoro sembra accelerare rapidamente verso la costruzione della sala conferenze (pur non essendo ancora stati effettuati numerosi interventi di consolidamento delle strutture verticali previsti nella relazione tecnica del progetto).
Si prevede linnalzamento della struttura per fine ottobre 2008.

Con la presente lettera si intende sollecitare il vostro intervento per interrompere la realizzazione del progetto di cui sopra onde evitare lo scempio del Castello di Barrea. Sarebbe opportuno far valutare agli enti preposti progetti di recupero alternativi che valorizzino il castello, mantenendone per le caratteristiche originali.


Per qualsiasi informazione:

Beatrice di Loreto
via Stati Uniti dAmerica, 4
00196 Roma
email beatricediloreto@gmail.com



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news