LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reclutamento “alla genovese” per i funzionari dei musei civici
04-11-2008
Uno storico dell’arte

Circa 350 candidati sono confluiti la settimana scorsa nelle aule della Facoltà di Economia alla Darsena per sostenere la preselezione per 4 posti da Funzionario Servizi Socio Educativo Culturali bandito dal Settore Musei del Comune di Genova.
L’ultimo concorso del genere i musei civici l’avevano avuto negli anni ’80.

Si sa, in questo paese tutti sono pronti a riempirsi la bocca di cultura e di beni culturali ma poi, quando concretamente si deve predisporre una struttura ad essi funzionale la maggior parte delle amministrazioni si tira indietro. Non è il caso del Comune di Genova che, gliene va dato atto, anche attraverso questo bando, continua a investire in questo campo.

Nel caso, la declalatoria prospetta ai futuri funzionari comunali l’impiego nel “sistema museale genovese -lo cito- prioritariamente nelle seguenti strutture museali: Museo di Archeologia Ligure, Musei di Arte Antica (Musei di Strada Nuova, Centro di Documentazione sulla storia dell’immagine della città (sic! la denominazione corretta è: Centro di Documentazione per l’Arte, l’Immagine e la Storia di Genova), Museo di S. Agostino, Museo del Tesoro della Cattedrale di San Lorenzo), Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce e Galleria d’arte moderna”.

Se il buongiorno si vede dal mattino, il refuso sull’esatta denominazione di uno dei suoi fiori all’occhiello, il Centro di Documentazione per l’Arte, l’Immagine e la Storia di Genova di Palazzo Rosso, non è poi cosi banale, o meglio, esso è un indicatore della scarsa conoscenza dell’argomento da parte della redazione del bando stesso.
La commissione preposta all’uopo dall’ente ha poi espletato, venerdì scorso alla Darsena, una preselezione, come va di moda oggi, a quiz a risposta multipla e, se tanto mi da tanto, diciamolo volgarmente, “non c’è trippa per gatti”.
Eppure tutti noi provenienti da facoltà umanistiche in ossequio al bando, storici dell’arte, archeologi, archivisti e persino architetti, alcuni probabilmente all’attivo di un cursus di tutto rispetto nella direzione di musei o nell’organizzazione di mostre, un po’, alla fine, siamo rimasti a bocca asciutta, delusi già dalla preselezione.
Settanta quesiti in un’ora. Tante le domande di legislazione, ben vengano, tante quelle di archeologia, tantissime di museotecnica, tutte legittime ma -attenzione- neppure una domandina di storia dell’arte o di storia delle collezioni stesse di cui i candidati andranno a occuparsi.
Ci indicano “prioritariamente” le istituzioni di cui saremo a incaricati eppoi non ci chiedono almeno quale ragguaglio sulla loro consistenza, sulla formazione, che so io, sui capolavori di cui pure dispongono le collezioni civiche genovesi.
L’amministrazione comunale stessa si è mirabilmente spesa, soprattutto nell’ultimo decennio, attorno a alcune mostre che hanno fatto luce su palazzi, committenti e opere ma da oggi apprendiamo che i futuri responsabili non sono tenuti a conoscerne la genesi, né un nome, né una data.

Questa volta il messaggio sembra forte e chiaro: il comune di Genova intende forse cambiare indirizzo delle proprie politiche culturali?
L’interrogazione potrebbe anche essere rovesciata. Si può anche ipotizzare che la grave lacuna di domande da storici dell’arte, vada più banalmente attribuita alla commissione che, a quanto sembra, non dispone di questa qualifica tra i suoi tre membri.

Un’amara costatazione lasciatecela fare: è davvero imbarazzante, per non dire immorale, essere giudicati da una commissione che nulla ha a che vedere con la propria formazione e con la comunità scientifica di appartenenza.
(Da quando in qua l’esame per accedere alla professione di medico viene presieduto da un archeologo?!)

Ci dicono che la commissione del concorso degli anni ’80 era composta, fra gli altri, da Ferdinando Bologna, decano degli storici dell’arte. Perché oggi nessuna di queste grandi personalità è stata invitata dal Comune di Genova a giudicarci?

Se è così ce lo dicano chiaramente, senza scomodare attraverso un bando pubblico gli storici dell’arte, contribuendo allo smantellamento e allo svilimento di una professionalità che invero è stata decisiva per lo sviluppo di questa come di molte altre città e civiltà.

P.S. Le prove scritte dei candidati che avranno superato la selezione (saranno pubblicati sul sito del comune questo venerdì 31 ottobre) si terranno i prossimi 5 e 6 novembre.




Uno storico dell’arte



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news