LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E possibile far convivere il Supermanager con le Soprintendenze?
20-11-2008
Francesco Amodei*

Alcuni giorni fa ho manifestato pubblicamente le mie perplessit sulla nomina di Mario Resca a Supermanager dei beni culturali italiani. Le voci contro la decisione del ministro Bondi si moltiplicano e persino sulla rete vi sono gi delle liste per la proscrizione.

Oggi su Repubblica, Salvatore Settis, con la sua solita splendida chiarezza, chiede pubblicamente a Bondi di ripensarci e di ascoltare il Consiglio Superiore dei Beni Culturali. Vi quindi una generale rivolta che porter, a mio parere e come di prassi, ai soliti tarallucci e vino, una via di mezzo nellattesa infinita di un demiurgo in grado di risolvere tutti i problemi dei beni culturali.

Ma i problemi oggi restano; e sono gravi e diffusi su tutto il territorio nazionale. Personalmente ritengo che la figura di un Supermanager con competenze per la valorizzazione sia da promuovere e mantenere, non fosse altro che come mediatore di cento e mille politiche frammentarie locali. Ma la conservazione e il restauro, la difesa sul territorio, abbisognano di un supporto determinante che pu essere costituito solo dai funzionari ed esperti delle Soprintendenze e dei Poli Museali, che sono rimasti gli unici a raccordare le risorse per salvare i beni culturali, materiali e immateriali, dei piccoli comuni italiani, dove non ci sono n i Raffaello n i Michelangelo, ma dove vanno in rovina innumerevoli opere di artisti meno famosi, opere che meritano grande rispetto perch sono il frutto del sacrificio e della creativit delle nostre comunit.


Ben venga quindi il Supermanager, anche se non sar invidiato da nessuno, dovendo egli operare in uno scenario dove la presenza delle Regioni, ormai depositarie della valorizzazione dei beni culturali, rappresenter un ostacolo insormontabile.

Ma il ministro Bondi troppo intelligente per non capire che le Soprintendenze devono essere potenziate, e di molto, se non vogliamo veramente arrivare allo sfascio e farci ridere dietro dalle prossime dieci generazioni.

Dobbiamo pulire e restaurare la nostra casa, liberarla dalle brutture ambientali, dobbiamo salvarla dallincuria dei suoi inquilini; e noi cosa facciamo? Licenziamo gli operatori, tagliamo i fondi per la conservazione e il restauro?


Mi sembrano scelte singolari, per non dire vergognose; di certo sono controcorrente rispetto agli altri Paesi europei.

Si parla poi della possibilit di poter affittare i beni culturali a enti e persone private. Indubbiamente sarebbe una rivoluzione capace anche di affinare nel tempo la percezione positiva dei beni culturali da parte dei cittadini e di contribuire allaccelerazione del restauro di migliaia di opere dimenticate dappertutto.

Ma come e con quali regole definire lassegnazione delle opere? Personalmente ritengo che una proposta seria di affitto delle opere, gi prevista dal Testo Unico, debba scaturire solo da un confronto serrato tra gli esperti. Infine, non dobbiamo mai dimenticare che la conservazione e il restauro non hanno niente a che fare con la valorizzazione finalizzata allincremento del flusso turistico in entrata: il turista culturale infatti per definizione selettivo: se va a Firenze, ha il tempo di addentare appena gli Uffizi e lAccademia; le restanti opere darte sono spesso visitate solo dal turista colto e marginale.

Se vogliamo mantenere e valorizzare le opere minori, che sono poi la stragrande maggioranza, dobbiamo pensare a strategie diverse che, per definizione, non coinvolgeranno mai un supermanager. Quindi, risorse, risorse e risorse, e lunga vita alle Soprintendenze serie, unico baluardo contro la barbarie quotidiana!

Per concludere, ci sar pure qualcuno che voglia essere ricordato cos come Livio ricorda Augusto quando nel 9 a.C. (2010 anni fa), dopo aver costruito lAra Pacis, fece ricostruire ben 82 templi romani devastati dalle guerre civili: Templorum omnium conditorem ac restitutorem.

Augusto si rivolgeva ai romani dicendo loro che, anche se incol pevoli, avrebbero scontato i delitti dei loro padri qualora non avessero restaurato i cadenti tempi e le immagini annerite dalle fiamme degli incendi. Possibile che nessuno dei nostri governanti, quantunque abituati a vivere le bellezze lasciate dai nostri avi, non capisca appieno il senso delle parole di Augusto?


Francesco Amodei, Presidente dellIstituto per lArte e il Restauro di Firenze



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news