LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Australia - Restituite due opere alla Sicilia
25-11-2008
Roberto Puglisi

La Madonna perduta di Santa Ninfa sta per tornare a casa, viaggiando per lo stesso mare che la port via e la rap, nascondendola agli occhi dei suoi fedeli. Era stata smarrita, durante un terribile terremoto che crep le case e le speranze del piccolo centro, quarantanni fa. Il quadro che ritrae una dolcissima Madonnina sorridente, sottratto alla protezione delle macerie di una chiesa, era finito in Australia, tra le mani di un figlio di emigranti. Per vicende fortunose che sanno di ricompensa, lepoca della separazione ormai conclusa. Il parroco del paese ha gi preparato una festosa nicchia per accogliere questa Maria Emigrante, perduta per terre assai lontane, simbolo involontario di mille sentieri, tra speranza e destino. La storia incredibile, con un consolante lieto fine, la racconta Ludovico Gippetto, presidente dellassociazione Extroart, da anni impegnato sul difficile confine delle opere darte rubate. Sono andato, un mese fa, a Sidney per presentare la nostra prossima campagna Wanted spiega Gippetto e ho tenuto una conferenza per la comunit italiana che l molto numerosa, sul recupero dei tesori trafugati. Alla fine dellevento, si avvicinato un signore. Mi ha detto di essere di origini siciliane e mi ha narrato la vicenda di un quadro che, secondo lui, doveva essere riportato in patria. Ovvero, la raffigurazione di quella Madonnina, sepolta tra le rovine di una parrocchia distrutta dal sisma di Santa Ninfa. Qualcuno laveva raccolta e trascinata via, fino in Australia, seguendo i destini di unemigrazione familiare. Ma la trama era appena allinizio e si conclusa proprio un mese fa, quando il nuovo possessore della Madonna ha contattato Gippetto, per risarcire la terra di suo padre, per regalare Al popolo di Santa Ninfa come lui stesso ha scritto in una dedica che accompagna lopera un simbolo di devozione e di amore materno. Lavevo donata a mia m adre ha raccontato il vecchio possessore-. Ora lei morta. E tempo che la Vergine affronti ancora il mare. Anche un po della mia mamma torner a casa. Non il solo reperto chiarisce Gippetto la stessa persona mi ha consegnato una antica lampada romana, proveniente dalle Eolie, con un asino dipinto. Il quadro dovrebbe risalire al Settecento. Dietro c un nome: Vincenzo Giulla. Potrebbe essere lautore o il committente. Ulteriori approfondimenti, grazie alla mediazione del console generale italiano in Australia, schiariranno il mistero. La curia locale ha gi messo in allarme il sacerdote pi anziano di Santa Ninfa. La sua mente forgiata dalla memoria risulter utile per riallacciare il filo dei ricordi. Il quadro gi in viaggio. Il ricongiungimento prossimo. Nemmeno quarantanni di lontananza e loceano bastano a separare ci che non pu essere separato.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news