LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'importanza dello "spazio" nell'era dell'Urbanesimo e la tutela del paesaggio tuscanese
19-01-2009
Luca Bellincioni

Affacciandosi dal parco-belvedere di Torre Lavello, a Tuscania, si pu ammirare uno dei panorami pi suggestivi e romantici del Lazio e dell'intera Etruria. Uno scenario sublime, ove il magnifico complesso monumentale delle antiche basiliche di San Pietro e Santa Maria Maggiore, capolavori dell'arte romanica, ed i pittoreschi ruderi del Rivellino convivono in equilibrio mirabile con il paesaggio agreste e naturale della Valle del Marta. Sull'amplissimo sfondo, poi, da un lato si ergono i verdi Monti Cimini (con la citt di Viterbo che si intravede appena alle loro pendici) e dall'altro le tormentate e solitarie alture della Tolfa. Un paesaggio che appare al visitatore come una sorta di "dipinto vivente", dove ogni dettaglio assume un senso e un valore. Un paesaggio, come si pu ben immaginare, estremamente vincolato, almeno formalmente, poich di straordinario valore non soltanto estetico ma anche culturale. Del resto, l'affacciarsi da questo belvedere - che sorprende sempre i turisti, visto che ancor oggi Tuscania marginale alle rotte pi importanti del turismo culturale ed ambientale - dona allo sguardo attento e sensibile due elementi di estrema suggestione: in primo luogo quello pi scontato, ossia il connubio fra monumenti antichi e ambiente naturale; in secondo luogo lo "spazio", dato dalla sussistenza di orizzonti vuoti ed inafferrabili, come quelli che si scorgono al di l della vallata verso le sagome appena pronunciate delle colline tolfetane. Ebbene, nell'epoca post-industriale ed iperconsumistica in cui viviamo, da molti chiamata "Urbanesimo", dove ogni aspetto della vita si restringe in luoghi chiusi e ristretti (il posto di lavoro, la casa, l'automobile, il centro commerciale, il condominio, la palestra, ecc...), lo "spazio" assume un valore di fondamentale importanza. Lo "spazio naturale" si intende, vale a dire la prima vittima del modello di sviluppo contemporaneo, che vede nella riduzione degli ambiti naturali ed agricoli il segno del progresso umano.
In realt, il cinismo e soprattutto l'aridit che oggi paiono dominare gli atteggiamenti umani, la mancanza di slancio etico, o anche soltanto morale, negli uomini, e quindi anche di senso civico, dipendono - pur indirettamente - proprio dalla riduzione dello spazio. Lo spazio naturale ormai relegato per lo pi nella solitudine e nell'asperit delle montagne pi isolate, dove pochi appassionati osano avventurarsi. Non fa pi parte della vita dell'"uomo comune". Lo spazio naturale non pi un "problema", non incute pi timore nell'uomo "civilizzato", semplicemente perch non c' pi. Eppure quel timore, proveniente dalla sensazione di ignoto ed inafferrabile, archetipica della nostra stessa esistenza, stimolava la fantasia, e con essa la riflessione, e in ultima analisi l'intelligenza. L'uomo gretto contemporaneo, invece, figlio dell'Urbanesimo e del Gigantismo cementificatore, e portato nella maggioranza dei casi - come abbiamo appena detto - a consumare la propria vita in ambienti ristretti e squallidi (compendiati nel triangolo casa-lavoro-centro commerciale) o nella stessa periferia (ove regna l'anomimato sia ambientale che umano), non pu per natura essere pi portato alla fantasia n al pensiero, tranne quella parvenza di "riflessioni" indotte dai mezzi di comunicazione (in primis la tv) che gli fanno credere di essere libero di pensare. Gli orizzonti spaziali ristretti portano gioco-forza a pensieri ristretti, e allo stesso modo conducono ad orizzonti di vita ristretti. In queste condizioni, ad esempio, non sarebbe pi possibile ripetere fenomeni sociali e culturali straordinari della portata del Rinascimento o del primo Risorgimento: eppure la storia e la vita vanno avanti e le rivoluzioni culturali hanno sempre fatto parte della storia della civilt. Anche l'uomo relativamente colto, oggi, se relegato nei luoghi ove lo spazio pura e semplice ripetizione, essendo cio privato degli spazi naturali e dell'ignoto, non sar capace dello slancio intellettuale o spirituale ardito e coraggioso, ma incoscientemente diverr ripetitore - seppur formalmente pi elegante - di contenuti standardizzati e indotti dall'esterno. Certo, tali atteggiamenti e limiti dell'uomo sono presenti in tutte le epoche della storia, ma lo spazio naturale, che in passato era proprio ci che distingueva i luoghi e forse in larga parte anche gli uomini che ci abitavano, era sempre l, pronto a stimolare la mente e lo sguardo di chi avesse sensibilit ed occhi per vedere. L'arte, la letteratura, la stessa convivenza civile ne guadagnavano. Il senso civico e lo slancio etico potevano essere propri anche dell'uomo comune. Ora non pi cos. Lo spazio naturale dava libert di interpretazione, la dittatura dei mass media no. Lo spazio naturale dava la libert di "cercare", l'Urbanesimo d il diritto di ripetere.
E tornando all'esempio di Tuscania, alla luce di quanto scritto finora, lo sguardo che fugge all'orizzonte, oltre la splendida vallata etrusca del Marta fino ai Monti della Tolfa, assume un'importanza del tutto inaspettata. Quello sguardo che si perde in uno spazio dove i confini sono labili e mimetizzati - dove cio alla natura subentra soltanto natura, sino a quella barriera celestina che chiude il quadro e che stimola ancor pi la fantasia a pensare a ci che potrebbe esservi oltre (una valle? un fiume? un ruscello? altre colline? ruderi antichi? campi coltivati? una citt abbandonata?) - permette ancora all'uomo di sognare, di fantasticare, di pensare, di riflettere. In questo panorama non c' nulla di scontato: non una citt che interrompa lo sguardo sino alle alture tolfetane, non una "macchia bianca" di capannoni che riportino il pensiero allo squallore quotidiano: soltanto boschi, colline, pascoli, e campi sino a quella lontana barriera tolfetana. E' la stessa situazione che altri luoghi dell'Etruria ancor oggi magicamente conservano e ai quali per questo chi scrive particolarmente legato: solo per fare due esempi noti, Pienza in Valdorcia o Civita di Bagnoregio nella Teverina (non a caso la prima gi facente parte del patrimonio Unesco, la seconda in procinto di esservi inclusa).
Il lettore che con conosca Tuscania a questo punto potrebbe pensare ad una gestione impeccabile di un patrimonio cos immenso, quello del paesaggio naturale, agrario, suburbano ed urbano tuscanese. In realt, ben lungi dall'essere mai stata valorizzata appieno, la bellissima cittadina situata nel cuore della Maremma Laziale negli ultimi tempi ha visto il concretizzarsi di episodi inquietanti e gravissimi ai danni di questo stesso patrimonio. Indebite ristrutturazioni di casaletti ai piedi di Colle San Pietro con consistenti aumenti di cubature, interramento di giardini pensili a frutteto nel centro storico a favore di incongrui prati inglesi (con tanto di volgari recinzioni a rete), ville e villette sorte come funghi nelle campagne nei pressi della Madonna dell'Ulivo, discarichette abusive nei fossi, orribili teloni bianchi che spuntano negli orti accanto alla basilica di Santa Maria Maggiore, ecc..
E non basta. Accanto al progetto devastante del nuovo aeroporto di Viterbo, addirittura vari progetti di centrali eoliche (!) interessano attualmente tutto il territorio della Maremma laziale (ma anche di quella toscana, gi colpita in pi punti dall'eolico selvaggio). Per fare qualche megawatt (che potrebbe essere pi intelligentemente e razionalmente prodotto incentivando il fotovoltaico sugli immensi spazi industriali disponibili), si svende uno dei pochi scampoli di "grande spazio naturale" e di "sguardo sconfinato" che ci sono rimasti senza dove per forza salire su una montagna sperduta. Uno degli ultimi grandi spazi naturali, cio, disponibili a tutti e non solo ad alpinisti od escursionisti provetti. Di colpo lo sguardo che si emozionava guardando quel mare di colline fino all'orizzonte (un'emozione senza prezzo, di un valore non quantificabile) verrebbe spezzato dalla mostruosit di tralicci con pale roteanti alti quasi cento metri, innalzati nel nome dell'avidit di chi li produce e li installa e dalla demenza di chi, sostenendone l'utilizzo nelle aree agricole e naturali (in buona fede o in mala fede, questo ancora non si capito), crede di poter aiutare l'ambiente distruggendolo. In pi, guardando tristemente le "torri eoliche" (innalzate oltre quelle medievali dal caldo color bruno del tufo) interrompere l'orizzonte un tempo vuoto, al posto dei silenzi maremmani si ascolterebbero (e si vedrebbero pure probabilmente) i tanti aeroplani dei voli low cost verso il vicino nuovo scalo viterbese: che fra l'altro porterebbero semplicemente altro turismo di massa, "mordi e fuggi", dove c' ne gi anche troppo (Roma, Fienze, Siena, Perugia) e non apportando nulla a nessuno (tranne logicamente a chi costruir e gestir l'aeroporto).
A quel punto, sono sicuro che molti di coloro i quali oggi conoscono ed amano Tuscania non ci tornerebbero pi per non soffrire. E il turismo verrebbe di colpo ridimensionato poich i paesaggi tuscanesi, che oggi emozionano il visitatore dall'animo sensibile (e che attendono solo di essere ulteriormente promossi e valorizzati), non avrebbero pi senso. E, con lo spazio negato, tutti noi perderemmo l'ennesimo spunto per sognare, per pensare e per riflettere: in ultima analisi l'ultima speranza, forse, di essere ancora uomini.







news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news