LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parco delle Cave a rischio
19-01-2009
Marco De Rigo

http://www.partecipami.it/?q=node/3003/8222&single=1

Due situazioni meritano attenzione:

1. SITUAZIONE PII MARCHESI TAGGIA-PARCO DELLE CAVE.

Dallo scorso maggio il problema e' in mano al Consiglio Comunale di Milano, in particolare si e' distinto nella ricerca della trasparenza il consigliere Carlo Montalbetti oltre ai consiglieri Vladimiro Merlin, Basilio Rizzo e Matteo Salvini, che avevano in precedenza prodotto tre interrogazioni comunali sul 'Cemento che incombe sul Parco delle Cave'.
Gli stessi consiglieri comunali hanno promosso un'ispezione della Commissione Urbanistica del Comune di Milano alla fine dello scorso anno, con la presenza per il Comune di Milano dell'arch. Cristina Guizzetti (Settore piani e programmi esecutivi per l'edilizia).
Tra i presenti, per la Commissione i consiglieri comunali Alessandro FEDE-PELLONE (presidente aggiunto), Natale COMOTTI, Enrico FEDRIGHINI, Vladimiro MERLIN, Carlo MONTALBETTI, Basilio RIZZO, Aldo UGLIANO; per il Comune gli architetti Cristina GUIZZETTI, Marco PORTA.
L'incontro e' stato verbalizzato ufficialmente da un funzionario del Comune.
- FEDE-PELLONE (nominato presidente in sostituzione del titolare M.Camillo Pennisi) ha introdotto l'incontro sottolineando l'importanza della discussione del Piano Integrato d'Intervento in oggetto, in quanto strategica se valutata come metodo di paragone per i futuri PII a Milano.
- GUIZZETTI, in rappresentanza dell'Amministrazione Comunale, ha riferito sulla situazione normativa e procedurale del PII in corso, del quale ha ereditato gli incartamenti, avendone acquisito da poco la competenza su un progetto approvato dalla precedente giunta comunale. Ribadisce puntualmente le risposte ufficiali gi note, anche in riferimento alle questioni del fontanile Marcionino, del suo bosco di fascia e del rispetto della distanza di edificazione dal bacino lacustre.
Abbiamo illustrato ai presento l'opera svolta dal Comitato Salvaguardia Ambiente, ricordando il successo conseguito per l'azione contro il rischio di una strada ad ovest del Parco delle Cave (tra Baggio e Quinto Romano). E' stato consegnato un dossier sul PII Marchesi-Taggia (allegato agli atti), precisando che l'azione del Comitato non si contrappone all'Amministrazione Comunale, ma intende indicare una nuova metodologia per la definizione di procedure, che siano pi trasparenti nei confronti dei cittadini. Nel caso in questione, a nome del comitato, e' stata espressa la richiesta che venga analizzato nei dettagli e riconsiderato l'impatto della costruzione prossima al laghetto di Cava Casati.
- GUIZZETTI ha osservato che l'attenuazione chiesta indurrebbe a una riapertura del PII Marchesi-Taggia e della conseguente trattativa con la propriet interessata.
- GARIBALDI ha indicato un'ulteriore criticit nel PII in oggetto, per quanto concerne i problemi viabilistici nel quartiere di Quarto Cagnino, a causa del nuovo insediamento residenziale (e commerciale). Infatti la strada d'accesso (ricavata sull'ex-sentiero del Marcionino) appare di sezione limitata per il traffico prevedibile. Le conseguenti situazioni di ingorgo e di pericolo potrebbero indurre (senza altre alternative) a uno sfondamento verso via Caldera, con un ulteriore ridimensionamento dell'area Caldera del Parco delle Cave.
- COMOTTI ha considerato la criticit complessiva delle aree edificabili attorno al Parco delle Cave. RIZZO ha inquadrato il problema sulle nuove regole urbanistiche decise dalla giunta comunale, ovvero sull'aumento degli indici di edificabilit e sulla possibile costruzione in aree una volta destinate a verde (con il vincolo della riqualificazione). FEDRIGHINI ha indicato l'importanza strategica del PII Marchesi-Taggia nella gestione del territorio in zona. MERLIN ha chiesto se il fontanile Marcionino (in relazione al possibile innalzamento del livello di falda idrica) sia recuperabile e se la bonifica dell'area industriale (precedentemente occupata da bassi capannoni) sia stata compiuta. GUIZZETTI risponde che sulla bonifica nell'area interessata l'ufficio approfondir gli incartamenti e le procedure.
- SPIROLAZZI ha posto il problema della pubblicizzazione (e conseguente diffusione ai cittadini) dei Piani Integrati d'Intervento, considerata la loro importanza e incidenza in zona; pertanto presenta un documento (allegato agli atti) per una proposta migliorativa.
- PORTA, in rappresentanza del Comune di Milano, ha precisato che sul fontanile Marcionino le possibilit di recupero sono scarse, in quanto la falda idrica e' troppo bassa in questa zona. Ha comunicato ai presenti che (in riferimento ad altri PII in corso di elaborazione in zona) la parte privata dell'area agricola della Cascina Linterno sar acquisita e inserita nel sistema del Parco delle Cave come scomputo del PII Calchi Taeggi.

MONTALBETTI propone che sia indetta una riunione della Commissione in sede per un approfondimento del PII Marchesi-Taggia con i funzionari e l'assessore, trattandosi di un caso di studio da manuale. FEDE-PELLONE ha rammentato che il PII Marchesi-Taggia ormai un progetto approvato, ma ha concordato sulla proposta.

- FEDE-PELLONE ha ringraziato i convenuti concludendo con i seguenti punti concordati:
1) una riunione della Commissione con assessore e funzionari per l'approfondimento delle tematiche sul PII Marchesi-Taggia;
2) una proposta di ridefinizione degli indici volumetrici per il fabbricato prossimo all'area del Parco delle Cave.

Quindi si e' iniziato il sopralluogo attraverso gli attuali accessi al Parco delle Cave (problematici e pericolosi a causa delle limitazioni imposte dai lavori). Nonostante la nebbia, l'imponente cantiere del PII Marchesi-Taggia incombe visivamente lungo il percorso. I consiglieri comunali hanno chiesto chiarimenti, ai quali i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale e gli esponenti del Comitato hanno risposto, in una civile e serena conversazione. A tutti i convenuti risalta la vicinanza del cantiere, rispetto alla pregiata area del Boscaccio (a vocazione naturalistica) della Cava Casati. Lungo il sentiero delle costine (a fianco degli alvei dei resti dei fontanili) si arriva ai Tribaselloni, lo splendido incrocio di chiuse settecentesche, recentemente recuperato. Il percorso, inserito tra gli itinerari petrarcheschi del Comune, sar sfregiato dalla vista delle nuove costruzioni. L'ispezione si e' conclusa nelle vicinanze dell'ex-sentiero del Marcionino, un antico percorso di fianco al fontanile, dove avvenivano le guarigioni del Pret de Ratan con le acque di risorgiva: un luogo sacro alla memoria dei milanesi, il cui recupero non puo' partire certo dalla copertura del cemento.



2. SITUAZIONE PII CALCHI TAEGGI: NUBI SU CASCINA LINTERNO ED AREE AGRESTI MEDIEVALI DEL PARCO DELLE CAVE.

Nubi all'orizzonte per la prossima Conferenza dei Servizi (20 gennaio) sul PII Calchi Taeggi - da cui dipende, da 10 anni, l'acquisizione pubblica della Cascina Linterno e delle sue preziose aree agresti medievali.
L'area Calchi Taeggi, dietro MM Bisceglie in direzione Lorenteggio, appare isolata da ogni contesto ambientale: a prima vista sembrerebbe un'area fatiscente e abbandonata.
Qui un ben organizzato Comitato istituito 'ad hoc' si propone di ribaltare la delibera comunale del 6 luglio 2007 - Approvazione del Consiglio Comunale con delibera n. 42.

vedi: P.I.I. Calchi Taeggi, Bisceglie, F.lli Zoia, C.na Linterno

Il problema di fondo pare sia la bonifica dell'area, e un'apposita Conferenza dei Servizi valutera' - martedi 20 gennaio - la regolarita' della procedura.
Stupisce come:
- questo problema sia sorto adesso e non dieci anni fa, quando Cascina Linterno e le aree agresti piu' preziose del Parco delle Cave (Zona 7 - Baggio, appartenenti alla stessa propriet) furono indissolubilmente legate al PII Calchi Taeggi (Zona 6 - Lorenteggio).
- i PII possono essere fermati anche dopo la delibera comunale e gli acquirenti sono costretti ad aspettare anni (a differenza del blindato PII Marchesi Taggia)
In questo caso parrebbe impensabile che l'inquinamento del terreno sia in corrispondenza delle future abitazioni, altrimenti il progetto non avrebbe potuto superare l'iter amministrativo fino alla convenzione finale.
Se invece l'inquinamento del terreno si riferisce alla parte centrale destinata a verde (corrispondente all'antica cava di Garegnano) come non pensare che gran parte del Parco delle Cave si trova su terreno inquinato da discariche di vecchia data?
A questo punto, i veri sostenitori del Parco delle Cave chiedono una risposta ad un'ipotesi inquietante: se la proprieta' fosse costretta ad abbandonare il PII Calchi Taeggi, chi si far carico di procedere:
A. all'acquisizione pubblica di Cascina Linterno
A. alll'acquisizione pubblica delle aree medievali agresti del Parco delle Cave
Se ci fosse un 'vuoto di potere' , si presenterebbe un'ulteriore ghiotta occasione per i costruttori (e referenti politici) che ambiscono a 'civilizzare' il poco verde rimasto a Milano.

http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getcomunicato&id=1237

Giovedi 1 marzo 2007 il Consiglio Comunale di Milano ha approvato, all'unanimit, due Ordini del giorno (Mozioni IM/76 circ. 37 e IM/77 circ. 37) presentati dal Consigliere Fabrizio Spirolazzi in merito alla "... definizione delle modalit per garantire la continuazione dell'attivit dell'Associazione Amici Cascina Linterno (A.C.L.) in favore della cittadinanza della Zona 7 e della citt" e per "... includere nel piano triennale delle opere pubbliche 2007-2009 il completo finanziamento dell'opera di ristrutturazione della Cascina Linterno".
Le due mozioni faranno infatti integralmente parte della delibera(n.ro 62 circ. 29 - P.G. 845281/2006 - PII "Calchi Taeggi-Bisceglie-Zoia") approvata dal Consiglio Comunale a maggioranza lo scorso 5 febbraio e che stabiliva l'acquisizione al patrimonio comunale della struttura e delle pregiate aree agresti, tra cui la storica Marcita, al primo posto assoluto di Milano nel censimento "I Luoghi del Cuore" promosso dal FAI Fondo Ambiente Italiano.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news