LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PETRUZZELLI FA RIMA CON GODELLI
22-01-2009
Antonio V. Gelormini

Gli specchi sono tornati a riflettere la bellezza del Petruzzelli e a diffondere il moltiplicarsi abbagliante di luce, in uno scrigno così unico di emozioni, arte, impegno, professionalità, maestria e cultura. Forse anche per questo adesso è più difficile arrampicarvisi, per cercare improbabili vie di fuga da un’innegabile ed evidente realtà: “Il teatro è pronto e va riaperto”. Tenerlo ancora chiuso è un crimine, un’infamia e uno spreco imperdonabile, che nessuno può permettersi. Allibiti, sgomenti, ma non stupiti, si assiste all’ennesimo ricorso della famiglia Messeni Nemagna, nella parte più consistente, questa volta nientemeno che alla Corte Europea dei diritti dell’uomo in Strasburgo. Per il sostegno di un concetto pilastro della convivenza civile: “Il rispetto dei patti è un principio universale”. In un assurdo gioco delle parti, che tende a dilatare a dismisura il palcoscenico processuale in atto, la trama presenta i protagonisti che giocano il ruolo di eredi-proprietari, rigorosamente alla larga dagli “onerosi” impegni di ricostruzione. Nel paradossale e repentino ritiro delle mani tese dell’accusa, alla vista delle chiavi del politeama, in una sorta di sdegnato e spaventato: vade retro! Un cardinale del foro che già nel nome (Ascanio) testimonia l’antica partita aperta e irrisolta con roghi, assedi e distruzioni, mentre si vede scivolare su quegli specchi. Dimenticando, ad arte, il “peccato originale” degli eredi difesi: l’esser venuti meno ai patti fondanti e aver fatto commercio di locali funzionali all’attività teatrale, gravanti su quello stesso suolo pubblico, concesso per ben altri e nobili scopi, e sottratti alla composizione del politeama. Una schiera di cortigiani (tante volte apostrofati dal Rigoletto di turno: vil razza dannata) intenti a difendere uno scellerato protocollo d’intesa, che già nel 2002 accreditava i suoi principi nella schiera degli eletti al nuovo pensiero del governo nazionale. “Privatizzare i guadagni e socializzare gli oneri”, vessillo che più tardi sarà fatto imbracciare anche ai cosiddetti capitani coraggiosi di Alitalia, per farne motto della nuova compagnia di bandiera. Un don Chisciotte provato, ma ancora in sella, pronto a riaversi per coronare il sogno d’amore per la sua città-Dulcinea. Che guarda il Petruzzelli e coltiva la segreta ambizione del principe pucciniano Calaf di Timur: veder ricambiato lo slancio d’affetto dalla riconquistata Turandot. Al pubblico non resta che sperare nel provvidenziale e sospirato “arrivo dei nostri”, che potrebbe materializzarsi, per rimanere in tema di roghi ed orrende pire, nell’ostinata resistenza di una moderna e laica Giovanna d’Arco, nei panni di scena di Norma, ma al secolo assessore regionale alla Cultura Silvia Godelli. Fatta sua l’esortazione del presidente Napolitano: “Trasparenza e rigore nell’uso del denaro pubblico”, l’eroina ricorda che “il Teatro è stato interamente ricostruito con i soldi pubblici e che il pubblico ha investito quel denaro per tutti i pugliesi, e non certo per fare un regalo ai Messeni Nemagna”. In pratica, rinegoziare tutto. Trovare un accordo su basi del tutto nuove e più razionali. L’alternativa è nella strategia del fronte popolare. La “class action procedimentale” dei 300 cittadini firmatari, al seguito dei triumviri legali Luigi Paccione, Alessio Carlucci e Nicola Favia, mira a considerare il Teatro bene pubblico, attraverso l’iniziativa di tutela per “danno o torto di massa”. Nelle aspirazioni dei fondatori il Petruzzelli nasceva per essere un teatro per tutti i pugliesi. I suoi specchi ben presto torneranno a riflettere la tipica e variegata galleria dei loro sguardi. Ma provvederanno anche a moltiplicarne il monito, espresso da cittadini consapevoli, per una rivendicazione ormai legittima e matura.

gelormini@katamail.com



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news