LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzi delle Istituzioni e Musei
26-01-2009
Francesco Floccia

Ventottomila visitatori in un mese per il Crocifisso michelangiolesco esposto in clima natalizio a Roma presso la Camera dei Deputati è certamente una notizia che fa felici, sembra, soprattutto i responsabili politici di Montecitorio. ''L'unione tra le istituzioni e la cultura puo' fare bene ad entrambi'' (v. “Affaritaliani.it” del 23/1/2009) ha commentato un esponente della Camera nel senso che all’apprezzamento da parte del pubblico di un’opera d’arte si è aggiunta l’opportunità che “le istituzioni si avvicinano ai cittadini dando dimostrazione concreta di cosa significa essere al servizio del Paese''. Quando Stephen Greenblatt in “Risonanza e meraviglia” (“Culture in mostra. Poetiche e politiche dell’allestimento museale”, a cura di Ivan Karp, Steven D. Lavine, Clueb 1995, pp. 27-45) scriveva che “la forza d‘impatto di molte mostre aumenterebbe se in partenza si facesse appello alla meraviglia, la quale potrebbe a sua volta generare un desiderio di risonanza” (p.25),voleva dire che l’attrazione suscitata nel visitatore da un’opera esposta è in stretta simbiosi con l’ esclusivo senso di “unicità” che l’opera stessa di per sé rappresenta. Nel caso del piccolo Crocifisso ligneo in questione il tema dell’eccezionalità dell’oggetto ha avuto un ampio supporto pubblicitario così come la “risonanza” del luogo ospitante – ossia la peculiarità ‘evocativa’ dell’Edificio istituzionale generalmente ravvisato carico di simboli allusivi al potere e all’esclusività – ha fatto sicuramente aggio sull’evento culturale nel suo insieme. Certamente la formula dell’articolo 101, comma 1a) del cosiddetto “Codice Urbani” (“’museo’, una struttura permanente che acquisisce, conserva, ordina ed espone beni culturali per finalità di educazione e di studio”) non sembra avere l’appeal che invece una qualsiasi altra prestigiosa e inconsueta sede, abitualmente destinata a scopi diversi che non siano quelli concernenti il deposito statico e permanente di opere d’arte, emana nei riguardi dell’opinione pubblica. Nel caso dell’esposizione del Crocifisso testé conclusasi ho la sensazione che si sia infatti invertito il rapporto ‘oggetto esposto/luogo espositivo’ in quanto “risonanza” (momento percettivo individuale carico di significati e suscitatore di curiosità) è stato l’ambiente di Palazzo Montecitorio (non per nulla esempio del “monumentalismo” architettonico dell’Ottocento romano) - con le sue austere modalità di accesso certo non di casa nei musei statali - e “meraviglia” (apprezzamento per l’opera) invece la piccola scultura lignea da osservarsi con esclusiva attenzione quale oggetto scevro e isolato dal suo distante contesto storico. Che l’opera d’arte possa servire anche per avvicinare la popolazione a chi ha la facoltà di possederla non è certamente cosa nuova: “Dal tardo Rinascimento in avanti queste idee di matrice umanistica [ossia “la capacità di meravigliare”] presero a influenzare l’esposizione visiva, così che la magnificenza del proprietario venne sempre più associata non soltanto al possesso di “mirabilia”, ma anche alla possibilità di metterli in mostra” (ibidem, p. 40); ma è il caso che in uno Stato moderno, articolato in una pubblica amministrazione in cui sono previsti appunto specifici “Istituti e luoghi della cultura” (cit. art. 101 del DL 42 del 22/1/2004) si scelga – sembra l’attuale tendenza – di mettere in mostra comunque il pezzo di richiamo isolando il suo stesso significato da ogni altra opera artistica che ne possa rappresentare invece utile termine di confronto nel valore tecnico, storico e culturale? Si usino dunque i Musei anche per presentare le mirabilia di singoli capolavori tenendo conto che questi non sono mai opere piovute dal cielo bensì documenti che hanno visto la propria storia provenire dal contesto di altre opere seppur modeste, di taglio artigianale o se si vuole popolare. Si scelgano dunque principalmente le istituzioni museali come vetrina di richiamo per l’opinione pubblica con la certezza che questa – pur nel turbinio di altre opere esposte e verificando altresì il buon funzionamento della struttura organizzativa – potrà ugualmente reiterare quella noiosa formula: “le istituzioni si avvicinano ai cittadini” anche riferendosi all’attrazione suscitata dalle mura di un Museo italiano e non già solo dagli esclusivi e telegenici edifici della politica. Grazie per l'attenzione.
24/1/2009

Francesco Floccia



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news