LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Resti del Tempio di Giove all'interno di Porto Empedocle
03-02-2009
Alessio Lattuca

Il molo di ponente stato costruito con i resti del tempio di Zeus tra il 1746 e il 1763 per iniziativa del re Carlo Sebastiano di Borbone.
Per lungo tempo fu accusato dello scempio il Vescovo di Giorgenti Lorenzo Gioieni, circostanza smentita dal filologo agrigentino Angelo Palillo e dall'archeologo Giuseppe Castellana che avendo condotto delle ricerche pi accurate sostengono che Gioieni scrisse a Carlo III nel 1746 chiedendo l'autorizzazione per la costruzione di un nuovo porto a San Leone.
Carlo III fu irremovibile e affid l'incarico della progettazione all'ing. Salvatore Lanza, mentre il conte Juan Filangeri fu il primo sovrintendente generale dell'opera.

Il molo in questione quello vecchio, per intenderci quello vicino alla Torre di Carlo V.

Non noto a tutti che nel XIX secolo, in occasione della costruzione dellattuale molo di ponente (quello prossimo alla capitaneria che comprende la spiaggia), stato realizzato con gli stessi blocchi che erano stati semplicemente spostati.
Pertanto in passato i resti del tempio di Zeus erano stati cercati nel vecchio molo e nessuno era mai andato a cercarli nel nuovo molo.
Oppure se qualcuno si interessato, non lo ha divulgato.

E' certo che i marinai della zona lo sapevano e forse anche i responsabili della capitaneria che forse per ignoranza non hanno mai fatto nessuna segnalazione alle autorit competenti (soprintendenza) come la Legge impone.

Alcuni mesi fa Marco Falzone, operatore tecnico scientifico per i beni archeologici, ha reso noto che molti resti del tempio di Zeus sono ancora ben visibili nel molo di Ponente del porto di Porto Empedocle.

Nel mese di ottobre in occasione di un incontro svoltosi all'interno del tempio di Zeus il Prof. Beste dell Istituto Germanico di Archeologia di Roma, ha dichiarato di non sapere nulla dei suddetti resti.
Pertanto su sua richiesta stata organizzata una visita allinterno del porto a seguito di informale richiesta rivolta alla Capitanieria che ha fornito lassistenza di un Ufficiale per la ricognizione.

Lungo il tragitto verso il porto il professore rivel che secondo le sue indagini in situ mancavano tracce di 18 semicolonne e che pertanto a parer suo il tempio era rimasto incompiuto.
Dopo aver visto i resti del tempio, che incredibilmente presentano ancora interessanti particolari architettonici, il professore ha ritirato le considerazioni espresse in quanto i resti mancanti erano evidenti.
Il professore era perfettamente a conoscenza che il tempio era stato usato come cava per il porto. Tuttavia, gli era sempre stato riferito che non esisteva pi nulla.
Insomma paradossale che non fosse mai stata effettuata una ricognizione dei resti allinterno del porto.

Il Prof. Beste ha evidenziato che la visione dei resti in parte coperti dall'acqua marina risultata estremamente significativa per i suoi studi ed ha manifestato riconoscenza per le preziosa informazioni.

In occasione delle Giornate Gregoriane e successivamente nellambito delle iniziative organizzate per il decennale dell'inserimento della Valle dei Templi nellHeritage List - UNESCO ha confermato di avere riconosciuto i resti del tempio.
Ci ha suscitato particolare interesse da parte degli archeologi presenti e in particolare, del Prof Mertens (uno dei pi importanti esperti di archeologia classica del Mondo) i quali hanno convenuto sulla opportunit di apporre il vincolo archeologico.
Con la consapevolezza delle enormi difficolt di procedere al recupero rispetto allerosione marina e al tempo stesso della necessit di proteggerli dall'uomo.

Daltrocanto anche i resti del tempio di Zeus in situ sono in cattive condizioni e soggetti all'erosione ma, grazie al vincolo archeologico, sono protetti dall'uomo.

Pure i resti del tempio gettati nel mare dai predecessori, ignoranti e irresponsabili, meritano un vincolo che ad oggi non posseggono.

Al di l dell'importanza che possono rivestire sotto il profilo storico risulterebbero una formidabile risorsa per attrarre turisti e viaggiatori nella citt di Porto Empedocle.

E urgente adoperasi per la salvaguardia dellimportante risorsa ai fini occupazionali per evitare soprattutto che - con la futura ristrutturazione del porto - i resti del tempio scompaiano del tutto.
Le responsabilit di tale scempio saranno in capo a tutta la classe dirigente locale, regionale e nazionale e, ovviamente, in misura maggiore in capo a chi ha il dovere di proteggere, recuperare, conservare e valorizzare i beni culturali, ambientali e paesaggistici.
A tale proposito indispensabile interrogarsi su come sia possibile conciliare la tutela dei beni culturali della loro valorizzazione con la collocazione di un impianto di rigassificazione nel Porto di Porto Empedocle.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news