LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Porta Romana e via Madonna della Pace. Tutela del Giardino della Scuderie
09-02-2009
Fulvia Zeuli

A Patrimonio SOS, via e-mail

Oggetto: Firenze, Porta Romana e via Madonna della Pace. Tutela del Giardino della Scuderie

Faccio seguito alla mia recente lettera ed entro nel merito delle pretestuose polemiche del comitato per il Bobolino.
Non vi stata alcuna modifica di destinazione duso. La zona oggetto dellintervento della Soprintendenza, detta dei canili, da tempo indefinito destinata a parcheggio prtinenziale al complesso di Boboli e Palazzo Pitti. Si tratta della zona di minore pregio e minore impatto visivo del giardino, parzialmente utilizzata in passato come deposito del cantiere della Soprintendenza, che tuttora ubicato nelledificio detto dei canili.
E una zona che negli anni 30 non era separata dalla viabilit retrostante da alcun muro di recinzione e non era sistemata a verde, come si pu vedere in documenti conservati presso larchivio Storico del Comune di Firenze. (Disegno su carta lucida a china, planimetria, scala 1 : 625 - rilievo (1930 - 1935, attr.) Collocazione: rot. 003382, microfilm 21560).
Prima dellintervento la zona era in parte asfaltata ed in parte ricoperta da ghiaia o stabilizzato, su sottostante massicciata in pietra. Versava in condizioni di forte degrado, con buche pericolose (1).
Lintervento stato eseguito con una pavimentazione naturale in terra stabilizzata per uso carrabile, eseguita con misti di cava ed affini, trattati con stabilizzatore ionico polivalente ad effetto consolidante irreversibile. Laspetto della pavimentazione finita molto simile a quello di una strada bianca, con migliori prestazioni di durata e stabilit. La scelta dellinerte cade su una ghiaia di colore ocra simile alla pietraforte. N asfalto n cementificazione.
Lunico verde eliminato quello delle erbacce che crescevano nelle crepe del fondo stradale, oltre ad un albero di Ailantus altissima infestante.

Le opere di modifica eseguite consistono proprio nellapertura del cancello per il passo carrabile, per le quali stata presentata D.I.A. al comune di Firenze. Contestualmente stata presentata la pratica per la commissione per il Paesaggio, ma il Comune lha restituita, ritenendola non di sua competenza, per la modesta entit della modifica. (Aprire un cancello in una recinzione esistente).
Il progetto generale per la riqualificazione del Giardino stao inviato successivamente al Comune di Firenze, su richesta della Sesta Commissione per il Paesaggio in data 17/05/2008. Recentemente, su richiesta della direzione urbanistica ne stata inviata recentamente ulteriore copia al Comune di Firenze, specificamente ai sensi dllart. 39 del Dec. Lgs 42/2004 che prevede una semplice comunicazione: Interventi conservativi su beni dello Stato () Per lesecuzione degli interventi di cui al comma 1, relativi a beni immobili, il Ministero trasmette il progetto e comunica linizio dei lavori al comune o alla citt metropolitana. La comunicazione inizio lavori era stata a suo tempo gi trasmessa.

Le sbarre di cui lesposto si duole servono, come ovvio, ad impedire laccesso incontrollato di autoveicoli, ed il semaforo serve ad evitare che una macchina si possa accodare ad unaltra e poi chiedere i danni alla Soprintendenza.
Mi accingo a verificare sul sistema informatico che controlla laccesso di via Madonna della Pace qual la media del passaggio quotidiano, ma francamente penso che potrei occupare meglio il tempo per cui vengo retribuita.
Intanto vorrei sapere se il pubblico ritiene davvero pi giusto che le automobili attraversino il giardino, piuttosto che l esclusiva siedlung del Bobolino.

Arch. Fulvia Zeuli
Funzionario Soprintendenza per i Beni architettonici di Firenze e direttore dei lavori



(1) Cito dalla relazione del progetto:
<La zona di intervento individuata al foglio n. 119 part. 3 del NCEU, confinante con la part. 464.
La propriet del Demanio dello Stato, in consegna alla scrivente Soprintendenza. Il complesso sottoposto a tutela sia come bene culturale (Dec lgs 42/2004 Parte seconda) che come bene ambientale (Dec lgs 42/2004 Parte seconda).
Larea attualmente presenta un avanzato stato di degrado con il rischio di continuare ad essere utilizzata unicamente come grande parcheggio e strada di penetrazione per il Giardino di Boboli e per lIstituto Statale dArte.
Tale condizione di degrado porta ad una progressiva ed irrimediabile perdita del valore storico-artistico del parco, e quindi necessita di adeguati lavori di manutenzione per un recupero funzionale del complesso.
Si prevede un intervento di restauro e riqualificazione di tutto il complesso delle ex Scuderie Reali che sar articolato in pi lotti ed aree di intervento.
Il primo intervento consiste nella miglior sistemazione dellarea gi da tempo destinata a parcheggio pertinenziale per il complesso Boboli e Palazzo Pitti. Si tratta della zona di minore pregio e minore impatto visivo, parzialmente utilizzata in passato come deposito del cantiere della Soprintendenza, che tuttora ubicato nelledificio detto dei canili.
E una zona che negli anni 30 non era separata dalla viabilit retrostante da alcun muro di recinzione e non era sistemata a verde, come si pu vedere in documenti conservati presso larchivio Storico del Comune di Firenze. (Disegno su carta lucida a china, planimetria, scala 1 : 625 - rilievo (1930 - 1935, attr.) Collocazione: rot. 003382, microfilm 21560). Attualmente la zona in parte asfaltata ed in parte ricoperta da ghiaia o stabilizzato, su sottostante massicciata in pietra. in condizioni di forte degrado, con buche.

Preliminarmente allintervento di riqualificazione del giardino necessario realizzare lapertura di un passo carrabile su via Madonna della Pace, che consenta laccesso alla zona posteriore del giardino, evitando cos il transito veicolare dal cancello principale di Porta Romana.
Il transito veicolare riservato ai soli mezzi autorizzati alla sosta nella zona posteriore.
Anche gli automezzi diretti allIstituto dArte dovranno passare dal nuovo accesso di via Madonna della Pace e potranno parcheggiare unicamente nella zona retrostante lIstituto. Questa zona stata utilizzata come sede di cantiere per i lavori eseguiti a cura del Comune di Firenze e successivamente della Provincia di Firenze, e nei fatti resa inagible al transito. Pertanto con il tempo invalsa la consuetudine per i mezzi di dipendenti dellIstituto dArte di parcheggiare in tutta la zona antistante lIstituto. Va rilevato tuttavia che nella corrispondenza agli atti della Soprintendenza vi sono reiterate richieste dellIstituto dArte volte ad utilizzare come parcheggio la zona antistante lIstituto, ma la Soprintendenza ha sempre negato tale autorizzazione, avendo individuato la zona retrostante come parcheggio.
In tutto il giardino delle ex Scuderie, ad esclusione della zona retrostante ledificio delle ex Scuderie (attuale Istituto dArte) e della zona detta Calastrini sempre stata proibita la sosta. In anni recenti nonostante fosse presente da tempo sul cancello del giardino allingresso di Porta Romana un cartello con il segnale di divieto di transito e lindicazione di propriet demaniale, invalso il malcostume da parte di innumerevoli automobilisti di accedere al complesso e parcheggiare anche di notte e per molti giorni consecutivi.
La parte di questo progetto che riguarda la modifica dellaccesso al giardino mira ad impedire la possibilit di transito nel giardino per consentirne luso pubblico in sicurezza ed in piena libert da parte della cittadinanza, in particolare i bambini ed anziani. I mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza potranno tuttavia accedere da entrambi gli ingressi del giardino, poich i cancelli e le sbarre saranno dotati di un dispositivo di riconoscimento delle sirene. Dal lato del cancello di Porta Romana verranno installati dei dissuasori in ferro battuto, di cui uno mobile, apribile con chiave universale.>>





news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news