LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE: commissariamento
09-02-2009
GHIZZONI, DE BIASI, GIULIETTI, TOCCI

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE



GHIZZONI, DE BIASI, GIULIETTI, TOCCI. Al ministro per i Beni e le Attivit Culturali. per sapere premesso che:


Il comunicato del MiBAC pubblicato il 30 gennaio scorso con cui si rende pubblica la volont del Ministro Bondi, in accordo con il Sindaco Alemanno, di affidare a uno o pi commissari straordinari le aree archeologiche di Roma e di Ostia Antica, ha destato nel settore preoccupazione e protesta, soprattutto per la scelta di ricorrere a strumenti legislativi e organismi differenti da quelli istituzionalmente preposti alla tutela del patrimonio culturale;

Sia la Costituzione che il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, che numerose sentenze della Corte Costituzionale attribuiscono le funzioni di tutela, in primo luogo, allo Stato, rappresentato al pi alto livello dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, presente sul territorio tramite le Soprintendenze regionali e di settore, a Roma con una Soprintendenza speciale.

A giustificare la nomina di un commissario straordinario e scavalcare cos le istituzioni preposte alla tutela, il Mibac ha evidenziato una condizione di emergenza delle aree archeologiche di Roma e di Ostia, senza per evidenziare adeguate argomentazioni tecniche, funzionali e giuridiche che dimostrino la necessit del provvedimento e quindi in aperto contrasto con ampia e consolidata giurisprudenza che ha sempre stigmatizzato lassunzione di provvedimenti commissariali non motivati.

Tale presunta condizione di emergenza contrasta sia con la scelta dello stesso Ministero di non bandire alcun posto per archeologi nel Lazio in occasione del concorso nazionale in espletamento proprio in questi mesi, che con la drastica riduzione di fondi attribuiti dalla finanziaria al MIBAC per il prossimo triennio.

Non si ravvede nessuna questione di protezione civile che giustifichi lassunzione di provvedimenti commissariali, n di emergenze tanto gravi da giustificare limpegno diretto del massimo responsabile nazionale di tale funzione pubblica, il quale verrebbe quindi inutilmente gravato di ulteriori compiti che renderebbero pi difficile lespletamento delle gi gravose e delicate mansioni.

Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, pur essendo dotato di archeologi e di personale scientifico di altissimo profilo, preferisce affidare la gestione di aree archeologiche cos complesse a figure esterne al Ministero stesso, prive di competenza nel settore della tutela dei beni culturali, e senza poter dimostrare la impossibilit di reperire allinterno le risorse professionali necessarie.

Da considerarsi di inaudita gravit formale e sostanziale poi la nomina a vicecommissario dellassessore comunale allUrbanistica, il quale in questo ruolo assume quotidianamente provvedimenti pianificatori e autorizzativi di iniziative edificatorie private che sono sottoposte alla funzione di tutela e di vincolo delle Soprintendenze, con un conflitto di poteri tra autorit di controllo e soggetto controllato che vanificherebbe le garanzie costituzionali della tutela dei beni culturali e introdurrebbe un vulnus di legittimit in tutte le procedure urbanistiche comunali, con una prevedibile diffusione del contenzioso tra tutti i soggetti privati interessati ai procedimenti suddetti.

Tale sovrapposizione di funzioni tra vicecommissario e assessore comunale inoltre in aperta violazione del principio generale di separazione di compiti tra organi politici e strutture tecniche, principio tanto pi rilevante quando le suddette prerogative tecniche sono accompagnate da responsabilit monocratiche nellattivit vincolistica dei beni culturali che traggono origine diretta da principi costituzionali.

Tale azione appare come uno svilimento delle competenze scientifiche e professionali degli archeologi e di tutto il personale tecnico-scientifico impegnato quotidianamente per la tutela del patrimonio archeologico e culturale all'interno della Soprintendenza speciale di Roma come di tutte le altre Soprintendenze italiane;

La preoccupazione denunciata da varie associazioni legate al settore paventa un indebolimento del sistema statale di tutela dei beni culturali e il rischio del trasferimento agli Enti Locali e ai privati;

:-

Quali sono le ragioni oggettive del drammatico degrado che hanno indotto il Ministro interrogato a prevedere il commissariamento, con poteri straordinari, anche ai fini di protezione civile, delle aree archeologiche di Roma e di Ostia Antica;

Se il Ministro interrogato non ravvisi incompatibilit, anche ai sensi dellart. 9 della Costituzione, fra la nomina di un assessore comunale al ruolo di Vice Commissario straordinario attuatore e le funzioni delle soprintendenze, ruolo che lo metterebbe nella condizione di dover controllare le Soprintendenze dalle quali oggi, invece, istituzionalmente controllato;

Se, inoltre in questo modo, il Ministro non pensi di esautorare il corpo degli Archeologi, degli Architetti e di tutto il personale tecnico-amministrativo delle Soprintendenze Archeologiche di Roma ed Ostia dalla pienezza del proprio ruolo istituzionale determinando uno svuotamento di funzione in contrasto con i criteri di economicit e di controllo della Pubblica Amministrazione, oltre che con la valorizzazione della produttivit tanto proclamata dal Governo ed in particolare dal Ministro della Funzione Pubblica;

Se non si consideri opportuno esplicitare quali siano gli altri ambiti, aldil della protezione civile, oggi riconosciuti di competenza delle Soprintendenze, che saranno affidati al Commissario e quale ruolo, in questa nuova gestione, coprir la Regione Lazio, fino ad oggi titolare della pianificazione territoriale, in questa fase esclusa dal tavolo Stato-Comune di Roma;

Perch mentre si tagliano pesantemente i fondi agli organismi tecnico scientifici delle Soprintendenze, si progetta di creare nuove strutture e di assegnare consulenze scientifiche esterne ovviamente costose destinate a sovrapporsi al lavoro gi egregiamente svolto dalle Soprintendenze in attuazione della legge Biasini, dei programmi per il Giubileo e in via ordinaria (quando vi sono stati finanziamenti adeguati);

Inoltre, se il Ministro dei Beni e le Attivit culturali non abbia valutato il rischio di dividere in tal modo il patrimonio culturale in due livelli: uno di serie A con beni culturali ad alto reddito (per esempio il Colosseo) e uno di serie C con beni senza reddito, causando, fra laltro, labbandono al degrado di quel patrimonio archeologico, artistico e culturale diffuso, che costituisce la caratteristica storica e la risorsa fondamentale del nostro Paese e che determina un grande indotto turistico.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news