LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il parere di
02-12-2002
Gabriella dHenry, Ispettore Centrale del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali a riposo

Alle nuove disposizioni governative relative alla gestione, valorizzazione e, ahim, alienazione dei Beni Culturali, la mia prima reazione stata di incredulit: sembra impossibile che il modello italiano di tutela, considerato inattaccabile da secoli, ereditato in gran parte da leggi severe degli Stati preunitari, protetto dall'articolo 9 della Costituzione, possa, per colpa di governanti incompetenti e presuntuosi, disfarsi come un castello di carte?
Dopo quasi mezzo secolo di "militanza" nelle Soprintendenze, dopo lunghi, e ormai remoti, periodi di lotte e discussioni tese al tentativo di migliorare le strutture dell'Amministrazione dei Beni culturali, nei diversi ambiti - dapprima nel gruppo degli Amici di Dialoghi di Archeologia, poi all'interno dell'Associazione Funzionari -, non mi pareva credibile ritrovarmi in una situazione di totale "deregulation", nella quale tutti i beni immobili facenti parte del Patrimonio disponibile ed indisponibile dello Stato, nonch tutti i beni del demanio, potessero essere tranquillamente alienati.
Ma, ad una analisi pi approfondita, ci si pu rendere conto che la situazione si modificata gradualmente ed insensibilmente, senza suscitare particolari allarmi, a volte anche con la nostra complicit.
A poco a poco, negli anni, forse per carenza di fondi e fragilit di strutture, forse per una marginalizzazione del concetto di Bene Culturale nell'ambito della societ attuale, si data sempre pi importanza all'aspetto economicistico del Patrimonio culturale: il quale non ha prezzo, per pu essere causa, mediante l'indotto, di sviluppo anche - ma non solo - economico.
Tra le varie manovre attuate negli scorsi decenni per incrementare possibilit di spesa in una struttura che sempre stata la "cenerentola" tra tutti i Ministeri, ricordo gli Itinerari Turistico-culturali promossi dai Ministri del Lavoro e dei Beni Culturali; ma gli Itinerari, quando gestiti bene, avevano in s una forte potenzialit sia di progresso civile che di sviluppo economico. Pi discutibile l'operazione dei Giacimenti Culturali, che, nonostante potesse essere gestita in maniera corretta se tenuta sotto il vigile controllo delle Soprintendenze territoriali, ha lasciato dietro di s soltanto uno stuolo di giovani disoccupati ed una massa di materiale informatico del tutto obsoleto.
Negli ultimi anni, vari provvedimenti relativi alla gestione dei Beni Culturali hanno cominciato a preoccupare; ma il Testo Unico sulle Leggi di tutela (D.L. 490/1999), di fatto, pur abrogando la benemerita Legge 1089/39, ne ha assorbito e confermato gli elementi essenziali, confermando la validit della Legge stessa.
Ora, con le nuove disposizioni, sembra di essere su una strada di "non ritorno".
Le recenti direttive (e cio la creazione dei due Enti, la "Patrimonio dello Stato S.p.A" e la "Infrastrutture S.p.A.") attaccano deliberatamente il patrimonio culturale della Nazione, sia o no Propriet dello Stato; quel patrimonio formatosi in un particolare contesto storico, che va protetto nel suo insieme e che rappresenta la specificit del "modello Italia"; patrimonio di tutti i cittadini, considerato un "unicum" anche dagli Stranieri.
La stessa volont di distaccare il momento della conservazione da quello della gestione, due momenti inscindibili dell'attivit di tutela, fa s che venga deprezzato un bene unico al mondo, destabilizzata la sua conservazione e deresponsabilizzati, umiliandoli, quanti operano sul campo. Quanto poi all'alienazione del Bene, con queste operazioni, oltre a defraudare i cittadini dei loro diritti di sempre, si rischia di distruggere il bene vittima dell'alienazione con una miope politica di svendita.
A quanti, infine, sostengono che, con simili operazioni, ci si ispira al "modello americano" di gestione e valorizzazione del Bene culturale, vale la pena ricordare quanto affermato recentemente da due illustri economisti statunitensi Throsby e Klamer (e prendo al citazione da S.Settis, "Italia S.p.A", Einaudi, Torino 2002): "il valore del bene culturale non si calcola in moneta, ma sulla base del beneficio che dalla sua conservazione si ripercuote sulla societ nel suo complesso, e che si traduce anche in vantaggio economico".



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news