LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il parere di
02-12-2002
Gabriella d’Henry, Ispettore Centrale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali a riposo

Alle nuove disposizioni governative relative alla gestione, valorizzazione e, ahimè, alienazione dei Beni Culturali, la mia prima reazione è stata di incredulità: sembra impossibile che il modello italiano di tutela, considerato inattaccabile da secoli, ereditato in gran parte da leggi severe degli Stati preunitari, protetto dall'articolo 9 della Costituzione, possa, per colpa di governanti incompetenti e presuntuosi, disfarsi come un castello di carte?
Dopo quasi mezzo secolo di "militanza" nelle Soprintendenze, dopo lunghi, e ormai remoti, periodi di lotte e discussioni tese al tentativo di migliorare le strutture dell'Amministrazione dei Beni culturali, nei diversi ambiti - dapprima nel gruppo degli Amici di Dialoghi di Archeologia, poi all'interno dell'Associazione Funzionari -, non mi pareva credibile ritrovarmi in una situazione di totale "deregulation", nella quale tutti i beni immobili facenti parte del Patrimonio disponibile ed indisponibile dello Stato, nonché tutti i beni del demanio, potessero essere tranquillamente alienati.
Ma, ad una analisi più approfondita, ci si può rendere conto che la situazione si è modificata gradualmente ed insensibilmente, senza suscitare particolari allarmi, a volte anche con la nostra complicità.
A poco a poco, negli anni, forse per carenza di fondi e fragilità di strutture, forse per una marginalizzazione del concetto di Bene Culturale nell'ambito della società attuale, si è data sempre più importanza all'aspetto economicistico del Patrimonio culturale: il quale non ha prezzo, però può essere causa, mediante l'indotto, di sviluppo anche - ma non solo - economico.
Tra le varie manovre attuate negli scorsi decenni per incrementare possibilità di spesa in una struttura che è sempre stata la "cenerentola" tra tutti i Ministeri, ricordo gli Itinerari Turistico-culturali promossi dai Ministri del Lavoro e dei Beni Culturali; ma gli Itinerari, quando gestiti bene, avevano in sé una forte potenzialità sia di progresso civile che di sviluppo economico. Più discutibile l'operazione dei Giacimenti Culturali, che, nonostante potesse essere gestita in maniera corretta se tenuta sotto il vigile controllo delle Soprintendenze territoriali, ha lasciato dietro di sé soltanto uno stuolo di giovani disoccupati ed una massa di materiale informatico del tutto obsoleto.
Negli ultimi anni, vari provvedimenti relativi alla gestione dei Beni Culturali hanno cominciato a preoccupare; ma il Testo Unico sulle Leggi di tutela (D.L. 490/1999), di fatto, pur abrogando la benemerita Legge 1089/39, ne ha assorbito e confermato gli elementi essenziali, confermando la validità della Legge stessa.
Ora, con le nuove disposizioni, sembra di essere su una strada di "non ritorno".
Le recenti direttive (e cioè la creazione dei due Enti, la "Patrimonio dello Stato S.p.A" e la "Infrastrutture S.p.A.") attaccano deliberatamente il patrimonio culturale della Nazione, sia o no Proprietà dello Stato; quel patrimonio formatosi in un particolare contesto storico, che va protetto nel suo insieme e che rappresenta la specificità del "modello Italia"; patrimonio di tutti i cittadini, considerato un "unicum" anche dagli Stranieri.
La stessa volontà di distaccare il momento della conservazione da quello della gestione, due momenti inscindibili dell'attività di tutela, fa sì che venga deprezzato un bene unico al mondo, destabilizzata la sua conservazione e deresponsabilizzati, umiliandoli, quanti operano sul campo. Quanto poi all'alienazione del Bene, con queste operazioni, oltre a defraudare i cittadini dei loro diritti di sempre, si rischia di distruggere il bene vittima dell'alienazione con una miope politica di svendita.
A quanti, infine, sostengono che, con simili operazioni, ci si ispira al "modello americano" di gestione e valorizzazione del Bene culturale, vale la pena ricordare quanto affermato recentemente da due illustri economisti statunitensi Throsby e Klamer (e prendo al citazione da S.Settis, "Italia S.p.A", Einaudi, Torino 2002): "il valore del bene culturale non si calcola in moneta, ma sulla base del beneficio che dalla sua conservazione si ripercuote sulla società nel suo complesso, e che si traduce anche in vantaggio economico".



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news