LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La tradizione dei coltelli siciliani
16-03-2009
Antonio Versaci

Il coltello sicuramente tra gli oggetti pi antichi al mondo, il primo strumento che luomo primitivo impar a reperire in natura e a costruirsi per il soddisfacimento dei suoi bisogni quotidiani. E soprattutto nel mondo agricolo e pastorale che il coltello ha sempre assunto quel ruolo fondamentale che ne ha fatto un vero e proprio simbolo della tradizione culturale italiana e quindi anche della Sicilia.
Tra i pastori non era soltanto un utensile indispensabile in tutte le fasi del lavoro, ma era anche lunica posata usata nel pasto quotidiano, una distrazione, uno svago: il pastore annoiato, in attesa di riportare le pecore allovile, utilizzava il proprio coltello per intagliare pezzetti di legno o per incidere disegni sulla corteccia degli alberi; il coltello diveniva quindi quell amico fidato, quel segno tangibile della propria virilit, quella garanzia di dignit ed orgoglio personale.
Un buon coltellinaio doveva prima di tutto essere un abile fabbro ma nello stesso tempo saper trattare il corno e i materiali usati per i manici. La fabbricazione artigianale di un coltello prevedeva tutta una serie di operazioni tramandate nella tradizione quali la forgiatura, lassemblaggio e la modellazione del coltello, la tempra, la lavorazione del corno, laffilatura e la lucidatura. Ovviamente i risultati non erano dei gioielli visto i materiali semplicissimi usati e le poche rifiniture maniacali, ma del resto quelle vere e proprie opere darte nascevano per essere usati proprio nei pi svariati lavori della giornata e quindi a chi lo possedeva non interessava tanto avere un coltello rifinito a specchio ma un compagno di viaggio semplice, maneggevole e tagliente su cui poter contare in qualsiasi situazione.
Nella tradizione siciliana venivano realizzati tantissimi modelli differenti di coltelli, che variavano in base alle zone di produzione, alle tecniche realizzative, alle forme e ai materiali utilizzati. Nella maggior parte dei casi assumevano dei nomi identificativi ben precisi (spesso in siciliano) a seconda del paese o della zona di provenienza, delle caratteristiche o delluso a cui erano destinati e quindi tra i pi importanti ricordiamo: Sanfratellano, Salitano, Liccasapuni, Scannaturi, Cuteddu Ammanicatu, Rasolu Ammanicatu, Ericino, Birritdda, Lappardda, Scaluni, Saraga ecc...
Purtroppo, come un po tutti i mestieri artigianali, anche quello del fabbro-coltellinaio rischia di scomparire e purtroppo ormai molto difficile ritrovarsi tra le mani un coltello che stato creato dal nulla e secondo lantica tradizione dalle mani forti ed esperte di un vero fabbro-coltellinaio in tutte le sue fasi di lavorazione e quindi poter rivivere a pieno tutte le meravigliose sensazioni che si provano nellaver tra le mani unoggetto vivo e come per qualsiasi realizzazione artigianale con i suoi pregi e difetti ma proprio per questo irriproducibile e unico al mondo.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news