LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi Tramvia
21-03-2009
Giovanni Pirrera

Gentile direttore, mi sono sempre chiesto il perch, quando fu programmata la tranvia, alias TRENIA, queste amministrazioni di sinistra, della nostra bella Firenze, hanno sempre sostenuto che non si poteva fare la Metropolitana, meno invasiva costosa, motivando che nel sottosuolo di Firenze, vi erano troppe falde di acqua. Laltra sera al quartiere 1, si svolta una riunione esplicativa, di un comitato anti attraversamento nel sottosuolo, della TAV, dove ho appreso che, effettivamente, nel sottosuolo fiorentino, esiste unenorme falda, e che per ovviare a questo problema, sar costruita, una barriera lunga ottocento metri, alta 42 metri, interrata a forte profondit, e per scavare la galleria occorrente, alla TAV, saranno monitorati ben 200 appartamenti, come anche la Fortezza da Basso. Nei vari interventi una relatrice, ha asserito che in altra localit, per un identico scavo di galleria, un intero stabile vi sprofondato. Quello che inoltre mi ha colpito, nella relazione dellingegner Abruzzi, ex dipendente delle ferrovie, che esiste parzialmente, un sistema, di attraversamento in superficie di Firenze. In pratica aggiungendo, solo 2 binari a quelli esistenti, e vi lo spazio, lalta velocit, avrebbe la sua linea in esclusiva, con un sistema meno invasivo, ma soprattutto, dai costi irrilevanti. Infatti, lingegner Abruzzi, esagerando nella spesa, ha asserito che con quel progetto, il tutto sarebbe costato, circa 200 milioni di euro, che tale opera sarebbe realizzabile, in meno di 2 anni, ma soprattutto non portava disagi ai fiorentini, come i cantieri della tranvia. Infatti, fece presente che scavando, i vari milioni di metri cubi di terra, sarebbero stati portati via da ben oltre, 600 camion giornalieri, invadendo Firenze, nei 3 punti di scavo programmati. La durata di tali lavori di scavo, erano programmati, in non meno di 10 anni, tutti sanno come vanno i tempi programmati, solitamente si raddoppiano, come anche i preventivi di spesa. Insomma, anche i nostri nipoti si godranno, questi invasivi lavori, e nel frattempo la nostra Firenze fra TRENIA e TAV sar un enorme cantiere. Dulcis in fundo. Quando ebbi a chiedere i costi di questa strabiliante opera, lingegner Abruzzi, mi disse che non toccava a lui rispondere, ma la domanda andava rivolta al relatore principale della serata, il quale disse che era preventivata, la modica spesa di 5,5 miliardi, ripeto solo 5,5 miliardi ma di euro, vale a dire 11mila, undicimila miliardi di vecchie lire. Ma, una finanziaria dello stato!!!!! Ora capisco perch, dopo aver, prima protetto gli alberi di via Gordigiani, per la messa in sicurezza del Mugnone, poi li hanno potati, e in fretta e furia li hanno abbattuti, come anche, hanno annunciato che, nei primi di aprile, inizieranno a scavare nei tre punti stabiliti. Ho il dubbio che, abbiano proprio paura che, se la sinistra, perder le elezioni, loro perderanno il treno dellalta velocit.
Giovanni Pirrera Firenze



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news