LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi Tramvia
21-03-2009
Giovanni Pirrera

Gentile direttore, mi sono sempre chiesto il perch, quando fu programmata la tranvia, alias TRENIA, queste amministrazioni di sinistra, della nostra bella Firenze, hanno sempre sostenuto che non si poteva fare la Metropolitana, meno invasiva costosa, motivando che nel sottosuolo di Firenze, vi erano troppe falde di acqua. Laltra sera al quartiere 1, si svolta una riunione esplicativa, di un comitato anti attraversamento nel sottosuolo, della TAV, dove ho appreso che, effettivamente, nel sottosuolo fiorentino, esiste unenorme falda, e che per ovviare a questo problema, sar costruita, una barriera lunga ottocento metri, alta 42 metri, interrata a forte profondit, e per scavare la galleria occorrente, alla TAV, saranno monitorati ben 200 appartamenti, come anche la Fortezza da Basso. Nei vari interventi una relatrice, ha asserito che in altra localit, per un identico scavo di galleria, un intero stabile vi sprofondato. Quello che inoltre mi ha colpito, nella relazione dellingegner Abruzzi, ex dipendente delle ferrovie, che esiste parzialmente, un sistema, di attraversamento in superficie di Firenze. In pratica aggiungendo, solo 2 binari a quelli esistenti, e vi lo spazio, lalta velocit, avrebbe la sua linea in esclusiva, con un sistema meno invasivo, ma soprattutto, dai costi irrilevanti. Infatti, lingegner Abruzzi, esagerando nella spesa, ha asserito che con quel progetto, il tutto sarebbe costato, circa 200 milioni di euro, che tale opera sarebbe realizzabile, in meno di 2 anni, ma soprattutto non portava disagi ai fiorentini, come i cantieri della tranvia. Infatti, fece presente che scavando, i vari milioni di metri cubi di terra, sarebbero stati portati via da ben oltre, 600 camion giornalieri, invadendo Firenze, nei 3 punti di scavo programmati. La durata di tali lavori di scavo, erano programmati, in non meno di 10 anni, tutti sanno come vanno i tempi programmati, solitamente si raddoppiano, come anche i preventivi di spesa. Insomma, anche i nostri nipoti si godranno, questi invasivi lavori, e nel frattempo la nostra Firenze fra TRENIA e TAV sar un enorme cantiere. Dulcis in fundo. Quando ebbi a chiedere i costi di questa strabiliante opera, lingegner Abruzzi, mi disse che non toccava a lui rispondere, ma la domanda andava rivolta al relatore principale della serata, il quale disse che era preventivata, la modica spesa di 5,5 miliardi, ripeto solo 5,5 miliardi ma di euro, vale a dire 11mila, undicimila miliardi di vecchie lire. Ma, una finanziaria dello stato!!!!! Ora capisco perch, dopo aver, prima protetto gli alberi di via Gordigiani, per la messa in sicurezza del Mugnone, poi li hanno potati, e in fretta e furia li hanno abbattuti, come anche, hanno annunciato che, nei primi di aprile, inizieranno a scavare nei tre punti stabiliti. Ho il dubbio che, abbiano proprio paura che, se la sinistra, perder le elezioni, loro perderanno il treno dellalta velocit.
Giovanni Pirrera Firenze



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news