LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera al Prof. Roberto Lagalla: Polo Universitario Agrigento
21-03-2009
Alessio Lattuca

Il presidente Confimpresa
Sede Regionale
Via P.pe di Belmonte, 103 - Palermo
Appoggiare corrispondenza sede amministrativa e direzione
Via G. Amendola n. 37 - 92100 Agrigento
Tel. 0922.26818 0922.403800 Fax 0922.554708
E-mail confimpresa@yahoo.it - www.confimpresaeuromed.it


All'attenzione del
Ch.mo Prof. Roberto La galla
Magnifico Rettore Universit di Palermo

Agrigento 17 marzo 2009

Illustre Professore,
richiamo parte della lettera inviata al Sindaco di Agrigento in data 30 luglio 2007, contenente alcune considerazioni in ordine a problematiche connesse alla mission della citt, a politiche di sviluppo e tra queste al significativo ruolo che lUniversit pu svolgere a favore della Comunit: Alla luce delle valutazioni espresse emersa lurgenza di riconsiderare le scelte fin qui operate dalle societ interessate (vedi piano di impatto ambientale) e stabilire un programma: in linea con lidea di sviluppo gi individuata e, ovviamente, pi adatto alle reali esigenze.
Per potere cogliere soprattutto - le opportunit offerte dalla normativa regionale, nazionale e comunitaria e, in ultimo, dalla Carta degli aiuti regionali che individua le migliori politiche per le aree svantaggiate dirette a creare condizioni favorevoli per attrarre investimenti.
Un dibattito ampio, concentrato sullesigenza ( per raggiungere tale obiettivo e potere competere nellambito dellarea di libero scambio, che le politiche dellUE con il Protocollo di Lisbona hanno stabilito per il Mediterraneo a partire dal 2010) di puntare su asset irrinunciabili quali le infrastrutture nel senso pi ampio (porti, aeroporti, ferrovie, autostrade, scuola, universit) e la valorizzazione dellimpareggiabile patrimonio composto da beni culturali ed ambientali.
Lesigenza di puntare sulle infrastrutture immateriali deriva dallassunto che non possibile ipotizzare sviluppo in assenza di capitale umano.
Si tratta, tutto sommato, di una equazione facile da definire: livelli pi elevati di istruzione, maggiore competenza sono condizioni necessarie per sostenere livelli di espansione e sviluppo adeguati alle moderne esigenze.
LUniversit di Agrigento, seppure nata da poco tempo, ma sviluppatasi progressivamente, avr limmane compito di sostenere il progetto e svolgere un ruolo significativo per diventare un luogo di studio nel campo umanistico e laboratorio per il sapere tecnico e tecnologico, funzionale alla crescita del territorio.
Unoccasione indifferibile per lo sviluppo che oggi pi che mai la Provincia di Agrigento non pu non cogliere tenuto conto, peraltro, che gli aiuti comunitari, destinati alle realt obiettivo uno(a ritardo di sviluppo), cesseranno con il 2013.
Scelte opportune e mirate potrebbero contribuire a creare le condizioni perch questo luogo geografico con le sue qualit ambientali , con la sua posizione, con la sua storia e la sua stratificazione culturale e archeologica, con la presenza dellUniversit, con la presenza dei porti, possa assumere il ruolo - che storicamente e geograficamente gli compete - di cerniera strategica tra le due sponde del Mediterraneo.
Sono sempre pi sicuro che il dibattito attorno al ruolo dellUniversit sia argomento particolarmente sensibile perch si occupa di cibo per il cervello, di educazione, di formazione e di formazione di classe dirigente.
Pertanto materia preziosissima che deve essere trattata con il cesello e non con la clava (come recentemente accade nella citt di Agrigento con lunico risultato di produrre diseconomie e guasti irreversibili).
E, soprattutto, deve riguardare lintera comunit (e non soltanto il ceto politico), che ha il diritto - dovere di esprimersi su una questione di vitale importanza per la mission della citt ed indispensabile per un organico sviluppo socio economico.
Daltrocanto la Comunit dovrebbe dimostrare maggiore effervescenza su una questione che riguarda le nuove generazioni: che hanno il diritto di fruire delle stesse opportunit offerte ad altri giovani in luoghi pi evoluti e ovviamente le famiglie che dovranno sopportare minori sacrifici e costi inferiori per assicurare ai figli il diritto allo studio.
La Comunit, tuttavia, ha il dovere di rassicurare lUniversit di Palermo sulla certezza degli investimenti e il diritto di richiedere maggiore impegno in termini culturali ed economici: per agire verso la costituzione di un Polo Universitario di eccellenza: attrattore di risorse e propulsore di rinnovamento sociale.
Ovviamente per rilanciare il ruolo dell Universit, la Comunit si trova di fronte ad una grande sfida: rimettere la conoscenza, il sapere, il capitale umano al centro della politica, delleconomia, della societ, per creare una vera democrazia economica.
A tale proposito risulta indispensabile stimolare linterazione tra il pubblico e il privato, attraverso strutture di ricerca legate alle imprese e con linserimento di risorse umane altamente qualificate: a partire dal potenziamento della Facolt di Archeologia che destinata a svolgere un ruolo fondamentale nellambito delle politiche previste per lArea di Libero scambio nel Mediterraneo e di una rinnovata attenzione alla ricerca sulle nanotecnologie, alla ricerca e restauro di archeologia marina e alla creazione di laboratori (anche a cielo aperto) che possono attrarre studiosi e cultori di tutto il pianeta.
LUniversit di Palermo, intanto, potrebbe lanciare un segnale significativo, trasferendo la Biblioteca di Archeologia nella Citt di Agrigento, quale straordinario ed unico luogo deputato ad accoglierla.
Per dimostrare che lUniversit di Palermo vede in Agrigento lestensione della propria vocazione e quindi concorra perch possa assumere il ruolo che le proprio: una magnifica vetrina del Mediterraneo che lo rappresenti in tutti i suoi aspetti.
Per sostenere, culturalmente, economicamente e, perchno, emotivamente: una realt che registra un sistema economico, basato prevalentemente sulla piccola impresa, che certamente non favorisce quei grandi investimenti in ricerca e sviluppo di cui ci sarebbe bisogno.
E far si che il luogo dove si fa ricerca (l'Universit) e quello dove la ricerca dovrebbe dare i suoi frutti producendo innovazione (l'impresa), collaborino per creare poli territoriali di innovazione e sviluppo (anche attraverso consorzi, come avviene un po' in tutti i paesi sviluppati), per utilizzare i fondi del PON Ricerca e, possibilmente, le enormi risorse di Industria 2015, entrambi messi a disposizione (a favore del Sud) dal Governo Centrale.
Nella comune convinzione che Universit, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorit e una immensa opportunit per il futuro della Comunit, il sistema imprenditoriale e lUniversit, nell'ambito di una mirata collaborazione, potrebbero avviare interessanti azioni strategiche.
Tale collaborazione potrebbe offrire un contributo concreto per lo sviluppo culturale, sociale ed economico dellintera provincia (e non solo), attraverso la costituzione di un asse in grado di mettere insieme le esperienze maturate all'interno dei rispettivi sistemi.
In un contesto di decentramento e valorizzazione delle autonomie, diventa sempre pi importante l'azione di organismi che riportino a sistema le singole esperienze.
Il sistema imprenditoriale e lUniversit - che gi svolgono una significativa funzione di rappresentanza delle realt locali - potranno implementare attraverso un'azione di raccordo il loro ruolo in reti solide e competitive.
La valorizzazione della qualit, in merito all'utilizzo di risorse umane e finanziarie e lo sviluppo delle competenze distintive dellAteneo rappresentano i primi traguardi dell'azione congiunta.
L'introduzione di buone pratiche e meccanismi efficienti faciliter la costruzione di un rapporto virtuoso tra comunit, imprese e universit.
L'internazionalizzazione del mondo della ricerca e lapertura dellarea di libero scambio nel Mediterraneo aprir la Sicilia, alle nuove economie emergenti e in tale panorama lUniversit di Palermo e Agrigento potr svolgere sempre pi un ruolo trainante.
Le Comunit interessate, il sistema imprenditoriale e lUniversit potrebbero elaborare una proposta per la diffusione di nuove tecnologie aventi positivi risvolti sulla produzione industriale, sul benessere sociale e sullattivit del territorio per investimenti nazionali ed internazionali; per la promozione dello sviluppo dellimprenditorialit nella comunit accademica e nei giovani laureati, favorendo nuove attivit di business ( spin off) originate da attivit di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi realizzati presso le proprie strutture di ricerca e assumendo una funzione di indirizzo e garanzia delle attivit imprenditoriali generate all'interno delle proprie strutture.
Per rafforzare il raccordo tra universit, comunit e sistema imprenditoriale e per far emergere il patrimonio di competenze esistenti nel Polo, bisogner aprire i luoghi della cultura e dei saperi alla Comunit e sviluppare una rete informativa sulle attivit, le competenze e le dotazioni infrastrutturali dellUniversit.
Confimpresa Euromed offre la propria disponibilit a promuovere e partecipare allauspicabile programma di sviluppo.
In attesa di incontrarLa gradita loccasione per inviare i migliori auguri e i pi cordiali saluti.

Alessio Lattuca






news

22-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2017

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

Archivio news