LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Invito alle associazioni sul Piano-Casa
21-03-2009
Pietro Chiappelloni

Spettabili Fai, Italia Nostra, Legambiente, Patrimonio Sos,

Vi scrivo per invitarvi a prendere posizione decisa, possibilmente congiunta e allargata alle altre associazioni di tutela del territorio, contro la proposta del piano-casa di Berlusconi (ma spero lo stiate gi per fare).
Credo sia indispensabile da parte vostra spiegare la sua negativit per il paesaggio italiano al presidente Napolitano per evitare che firmi il decreto: questo provvedimento va contro la tutela del paesaggio e del patrimonio storico, che prevista dalla Costituzione (art.9, "La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione").
Inoltre necessaria unimmediata azione di informazione ai soci, ai parlamentari e ai cittadini. Non questione di destra o sinistra, questione della dannosit del provvedimento a fronte di benefici estremamente ristretti a
pochi beneficiati (sempre i soliti, fra laltro, cio il settore edilizio, delle cave e delle costruzioni).
Qualora stiate gi considerando la cosa, potete eventualmente evitare di proseguire con la lettura che probabilmente non dice niente di pi di quanto i vostri esperti stanno sicuramente e meglio gi elaborando.
Se invece non ritenete la proposta di Berlusconi particolarmente negativa, Vi prego di convincere anche me di questo, viste le mie considerazioni sottostanti.
In ogni caso, vi prego di informarmi sulle iniziative che state prendendo al riguardo.

Non voglio qui entrare in altre questioni attuali come la "valorizzazione" realizzata con lo spostamento di statue da musei (anche se chiusi) agli edifici governativi, o le dimissioni di un galantuomo come Settis, o la modifica della
legge paesaggistica sarda, o il fatto che su questioni cos importanti si faccia la volont di uno che ha coperto i suoi abusi edilizi in Sardegna col segreto di Stato, anche se ciascuno di questi temi e altri meriterebbero una decisa
presa di posizione...

Nel merito del piano-casa:
- Con labolizione del permesso di costruire, citt e paesi saranno ulteriormente scempiati da sopralzi, rifacimenti di tetti e sottotetti e scomparsa di giardini e cortili. Circa la dichiarazione giurata del progettista che sostituisce il permesso di costruire: sono sotto gli occhi di tutti linsensibilit e/o lignoranza ambientale e urbanistica di molti dei geometri e architetti italiani. Le lungaggini e le inefficienze burocratiche, innegabili, vanno risolte con lefficientamento del personale pubblico e delle procedure, non con leliminazione dei vincoli (i vincoli per gli uni rappresentano delle tutele per gli altri, togliendo i vincoli si tolgono anche le tutele). Il fatto che gi oggi si assista a scempi simili giustificherebbe un aumento dei vincoli e
maggiore sorveglianza, non la liberalizzazione.
- Gli edifici non vincolati, quindi passibili di modifiche, sono la stragrande maggioranza. Chi dice che i beni da salvare sono gi vincolati non conosce assolutamente la realt; e tanto meno si rende conto della realt chi
delega esclusivamente alle Soprintendenze la tutela, quando queste vengono depotenziate e non hanno sufficiente personale, e non riescono nemmeno a seguire le segnalazioni (figuriamoci a fare un censimento preventivo). Avrebbero bisogno di fondi e personale operativo, ma si sta andando in senso contrario. Per fare il caso di Piacenza, che conosco, edifici medievali o seicenteschi o cascine storiche non risultavano vincolati e sono stati distrutti o ricostruiti; addirittura castelli e torri non sono vincolati e stanno crollando o vengono modificati. Se interessa, sono disponibile per qualsiasi informazione al riguardo. Se si d anche lincentivo allaumento di volume, questo abbinato alla riduzione dei controlli garantisce la devastazione del paesaggio italiano nella maggior parte dei casi.
- La modifica generalizzata applicabile agli edifici precedenti al 1989 potrebbe avere eventualmente un senso solo se escludesse almeno anche tutti quelli di pi di 50 anni, per uniformarsi alla tutela applicata agli edifici pubblici.
- Larea di attivit edilizia libera da qualsiasi certificazione e dichiarazione si amplia, fino a comprendere opere interrate nei limiti del 20% del volume del fabbricato. Riguardo agli scavi liberalizzati: gi oggi la maggior parte dei Comuni (Piacenza, per esempio, e parliamo di una citt di
fondazione romana ma probabilmente pi antica), non ha una carta del rischio archeologico; e gi oggi il Comune non vigila sugli scavi e non comunica alla Soprintendenza gli interventi privati a rischio. Per fare due soli esempi sui
vari a mia conoscenza: ristrutturazione di un grande magazzino in centro storico con approfondimento ulteriore del piano interrato: la Soprintendenza intervenuta solo dopo la segnalazione di un archeologo che passando in centro si accorto casualmente che nella terra su un camion che usciva dal cantiere cera del materiale romano; in un altro caso la Soprintendenza intervenuta solo grazie a un cittadino che ha visto dei lavori di scavo in un cortile del centro e ha segnalato la cosa, e sono cos state trovate abitazioni romane, che senza questa segnalazione non sarebbero mai state conosciute. Il liberalizzare gli scavi fino al 20% del volume del fabbricato (e chi e come controlla il rispetto di questa percentuale?) render certa la distruzione di reperti importantissimi e di conoscenze sulla nostra storia.
- La giustificazione che il provvedimento serve per riqualificare il patrimonio edilizio infondata, poich questo vero solo nel caso della cosiddetta "rottamazione" per ricostruzioni con metodi di bioedilizia o di risparmio energetico. In tutti i casi in cui si ricostruisce senza questi metodi consentito comunque lampliamento del 30%, cio solo il 5% meno di quelli coi metodi moderni. Che senso ha demolire un edificio inefficiente per ricostruirne un altro pure inefficiente? E che senso ha incentivare unedilizia non a risparmio energetico? Ma questo quello che fa il provvedimento di Berlusconi.
- La giustificazione del bisogno delle famiglie che, poverette, si sono allargate e ci stanno strette ("la veranda o la stanza in pi") si rivela la falsit che nel momento in cui si considera che lampliamento del 20% si applica anche ai capannoni e agli edifici non residenziali.
- Lunico, esclusivo fine del decreto il rilancio del settore edilizio, che cos avr unulteriore spinta artificiale. Al termine della devastazione del territorio lunico risultato sul settore edilizio saranno imprese pi grandi, ricche e pi numerose. Il settore edilizio conoscer una nuova crisi non appena scadr leffetto del decreto (per esaurimento degli edifici ancora da modificare) e quindi avr bisogno di ulteriori provvedimenti di sostegno.
Consideriamo che la crisi sar ancora maggiore a fronte dei maggiori occupati che il settore avr assorbito per far fronte alliperattivit edificatoria causata dal decreto. Bisognerebbe pensare a provvedimenti che consentano una
graduale espulsione e conversione dal settore edilizio, a fronte della contrazione della domanda. Invece si stimola artificialmente la domanda per posporre il problema aggravandone gli effetti attuali e futuri.
- Ecomunque da dimostrare leffetto-volano che generalmente attribuito al settore edilizio e che continuamente preso come motivazione per il suo sostegno. Questo poteva essere vero decenni fa, anche perch oggi il
settore edilizio pi che assorbire disoccupazione richiama nuova occupazione dallestero e a basso costo, creando, in prospettiva, maggiore disoccupazione nei momenti di crisi.
Ora settori con effetto di traino possono essere quello dei servizi, dell'innovazione, dellistruzione pubblica, della protezione ambientale e del turismo. Sarebbe interessante che le Vostre associazioni predisponessero uno studio economico su questo, per mettere a tacere chi ad ogni crisi dice che bisogno rilanciare ledilizia perch il volano principale per leconomia italiana. Questo impedirebbe anche che il
paesaggio venga barattato col miraggio della ricchezza o delloccupazione, cosa che questo provvedimento non crea (se non per i soliti pochi).
In ogni caso,la cosa urgente resta un vostro intervento pubblico immediato perch il decreto non venga presentato, e in ogni caso non venga firmato da Napolitano.
A disposizione per qualsiasi chiarimento, resto in attesa di un Vostro riscontro.
Pietro Chiappelloni
Piacenza



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news