LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COSTITUZIONE: IL GIORNO DELLA VERGOGNA
15-11-2005
di Antonio V. GELORMINI


Mercoledì 16 novembre, al termine di un assalto prolungato e sciagurato, che ha visto vendere al diavolo anche le anime più moderate e più garantiste presenti in Parlamento, sarà portato a termine lo scippo agli italiani della Carta Costituzionale; per consegnarla stravolta, lacerata e geneticamente modificata a un vanaglorioso e acciaccato Generale che, con spudorata arroganza, potrà levarla al cielo e mostrarla ai seguaci in segno di barbara vittoria.

Avverrà in diretta televisiva, come si conviene da qualche tempo ad ogni manifestazione di volgarità, dopo che per mesi al silenzio della grande stampa ha fatto eco un’elusiva informazione televisiva.

E avverrà sotto l’occhio vigile di Silvio Berlusconi, che per la seconda volta cancella un viaggio istituzionale all’estero, per fare da spauracchio ai senatori della Cdl. Dopo il Giappone, toccherà ad Israele attendere invano l’arrivo del Presidente del Consiglio italiano.

Da secoli, per quella gente l’attesa messianica è un’abitudine quotidiana: ma stavolta la decisione rischia d’essere colma di cattivi presagi. Questa volta, infatti, mancare la visita in Terra Santa, in qualità di autoreferenziale unto del Signore, potrebbe rivelarsi davvero fatale. Un governo allo sfascio, ormai minoranza nel Paese, in una sindrome diffusa da cupio dissolvi, arriva a compiere il gesto estremo e irrispettoso nei confronti del popolo italiano: barattare il bene comune Costituzione. Poco importa se quella Carta è costata sacrifici, ha mosso ideali e favorito la pace sociale.

E’ il caposaldo dell’identità e dell’unità nazionale. La falce padana non può risparmiarla. Una dose massiccia di verde rancore ne farà steppa per stalle ed ovili. Un dazio pesantissimo che il governo si appresta a pagare, dopo il patto scellerato condiviso tra tutti i compari della maggioranza.

Fini, Casini, Buttiglione o Giovanardi hanno di che vergognarsi pensando a De Gasperi, Moro, Calamandrei, La Pira o Terracini, ma alla vergogna va aggiunta vergogna per aver scelto di rendere onore alle cravatte e alle pochette verdi di Calderoli, Castelli, Speroni o Borghezio e aver concesso l’avallo ai sogni di Bossi.

E’ un giorno di lutto per le istituzioni italiane, ma soprattutto per quel popolo alla cui sovranità sarà comunque affidata la decisione finale su questa triste vicenda. La gravità del momento, intanto, esige una testimonianza altrettanto forte da parte di tutti. Il Paese è in lutto.

Allora, una fascia nera potrebbe essere apposta per due giorni al braccio di tutti quegli italiani sensibili alla difesa della Carta Costituzionale. Una protesta silenziosa che nel contempo avvierebbe quel meticoloso processo di partecipazione, necessario alla preparazione di un referendum confermativo, che dovrà spazzare via tanta tracotanza e ogni velleità revisionistica della legge fondamentale della nostra Repubblica. Restituire la Costituzione agli italiani. Questo sarà l’obiettivo dei prossimi mesi. Essa costituisce un patrimonio che non può essere disperso, così come non può essere dispersa la memoria storica che ne testimonia il valore e consente di trasmetterlo di generazione in generazione. Ne siamo tutti consapevoli e sapremo farne tesoro anche per il nostro futuro.

(gelormini@katamail.com)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news