LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Valsolda piange la scomparsa del marchese Giuseppe Roi, esponente di una nobile famiglia che molto ha dato alla Valsolda
04-06-2009
Gianpiero Riva

VALSOLDA La Valsolda piange la scomparsa del marchese Giuseppe Roi, esponente di una nobile famiglia che molto ha dato alla Valsolda. E la notizia che gi da tempo rimbalzava, cio che i suoi beni sul Ceresio, tra cui anche Villa Fogazzaro di Oria, potessero finire al Fai (Fondo per l'ambiente italiano), diventa di grande attualit. Roi, 85anni, morto a Vicenza, sua citt natale e i funerali si svolgeranno questa mattina nella citt veneta. Discendente di una famiglia che ha dimostrato di amare la Valsolda, era nipote di quell'Antonio Roi che nel 1946, grazie a una cospicua donazione in denaro, consent un sostanziale ampliamento dell'ospedale Renaldi, per tanti decenni punto di riferimento per il territorio: un padiglione del nosocomio era stato intitolato al benefattore. La famiglia Roi ha sempre voluto un gran bene alla Valsolda ? conferma il sindaco, Alberto De Maria ? . Per fare un altro esempio, l'asilo che ha frequentato anche il sottoscritto stato mantenuto in tutto e per tutto, per svariati decenni, proprio dai marchesi Roi, che pensavano alla manutenzione ordinaria e straordinaria e alle spese di gestione. Per Giuseppe Roi l'amministrazione aveva pronta fin dallo scorso anno la cittadinanza onoraria, ma proprio a causa di problemi di salute il conferimento era stato rimandato. Dopo il gemellaggio con Montegalda (Vicenza) frequentata dal Fogazzaro e dove esistono altre propriet Roi, sarebbe stato il definitivo suggello di un rapporto culturale e di amicizia instaurato nel nome del celebre scrittore: Siamo tutti dispiaciuti di non aver potuto esprimergli l'omaggio del paese in forma ufficiale - afferma De Maria - ma sono certo che in cuor suo sapesse di trovare sempre e comunque un'ottima accoglienza da noi. Trascorreva sempre ad Oria il mese d'agosto, ma lo si vedeva anche in altri periodi dell'anno. Una vita tra Vicenza e il Piccolo mondo antico, proprio il Fogazzaro, del quale era discendente. Il legame del celebre scrittore con la Valsolda era dovuto alle origini della madre, nativa di Albogasio: una delle due figlie della coppia, Gina, and in sposa a un esponente della famiglia Roi e anche i marchesi Roi iniziarono a frequentare il Ceresio. Villa Fogazzaro, che si affaccia sul lago in uno degli angoli pi suggestivi e tranquilli di Oria, era ora di propriet dell'ultimo discendente, Giuseppe Roi, che in qualche occasione aveva gi messo a disposizione la propriet per delle visite guidate. Sar il Fai la sua destinazione: anche in Valsolda pare che il marchese avesse espresso verbalmente questa sua volont, ma per l'ufficialit occorre attendere che un notaio apra il testamento.
Gianpiero Riva


27/05/2009





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news