LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo il Giardino Durazzo: firme per un appello
10-06-2009
Fulvio Cervini

Salviamo il Giardino Durazzo


Tra i gioielli meno conosciuti e peggio conservati di Novi Ligure, in provincia di Alessandria (peraltro uno dei centri storici pi densi e interessanti dellItalia nordoccidentale), spicca il giardino settecentesco del Palazzo Durazzo, che si estende ai margini dellabitato antico, a ridosso della collina che alla fine del secolo XVIII venne riconvertita in parco pubblico sui resti del castello medievale. Collegato al sontuoso palazzo di famiglia, il giardino si deve alla committenza di Gerolamo Durazzo, governatore di Novi nel 1775-76: esso sfrutta laltimetria naturale del terreno con gusto della scenografia e dellartificio paragonabile a quello dei coevi giardini urbani genovesi (ora ben altrimenti conservati e protetti), attraverso un sistema di scale, rampe e grotte che ridisegnano a terrazze il pendio naturale e fanno di questo complesso un delizioso e prezioso testimone di una raffinata cultura architettonica tardobarocca che gi suggerisce aperture romantiche.
Quanto resta del giardino di propriet privata, ma stranamente non risulta soggetto a notifica di interesse particolarmente importante da parte del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali ed dunque protetto da una disciplina di tutela assai debole. Quanta distanza dai giardini della Serenissima Repubblica, che insieme ai loro palazzi lUnesco ha dichiarato patrimonio dellumanit. E dire che il Giardino Durazzo potrebbe stare a ridosso di un palazzo dellalta aristocrazia genovese senza minimamente sfigurare. Al di l del suo pessimo stato di degrado e abbandono, con la vegetazione a fagocitare i pericolanti muretti in laterizio, desta ora apprensione lannuncio della costruzione di box per automobili che di fatto dovrebbero portare alla scomparsa pressoch totale di un monumento che costituirebbe, se recuperato e aperto al pubblico, un bene per la comunit e unattrazione per il visitatore (fermo restando un valore di documento storico su cui nemmeno si dovrebbe discutere). Per scongiurare una simile prospettiva, e per rendere partecipi e sensibili opinione pubblica e autorit cittadine sul valore dellimmobile e sullentit del danno morale e culturale (ma in fondo anche economico) che tutta la citt avrebbe a subire dalla sua perdita, un professionista locale di grande valore, larchitetto Beppe Merlano, si fatto promotore di una raccolta di firme a sostegno della salvaguardia del giardino. Per aderire sufficiente inviare un messaggio di posta elettronica allindirizzo beppemerlano@alice.it (chi vive a Novi e dintorni pu ovviamente firmare di pugno nello studio dellarchitetto in Salita Ravazzano Santo 4, Novi Ligure, 0143/743166). Il dossier che Merlano sta mettendo insieme non mancher di suscitare linteresse degli uffici di tutela e anche dello stesso Ministro Sandro Bondi, da qualche tempo regolare frequentatore di Novi Ligure e dellantico Oltregiogo genovese. Ma dovrebbe stare ancor pi a cuore di tutti coloro che vedono nei giardini del Settecento una delle migliori espressioni del rapporto tra uomo e natura, e in ogni opera darte minacciata un progetto di attentato alla propria memoria e alla propria identit.


Fulvio Cervini
Universit di Firenze



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news