LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo il Giardino Durazzo: firme per un appello
10-06-2009
Fulvio Cervini

Salviamo il Giardino Durazzo


Tra i gioielli meno conosciuti e peggio conservati di Novi Ligure, in provincia di Alessandria (peraltro uno dei centri storici pi densi e interessanti dellItalia nordoccidentale), spicca il giardino settecentesco del Palazzo Durazzo, che si estende ai margini dellabitato antico, a ridosso della collina che alla fine del secolo XVIII venne riconvertita in parco pubblico sui resti del castello medievale. Collegato al sontuoso palazzo di famiglia, il giardino si deve alla committenza di Gerolamo Durazzo, governatore di Novi nel 1775-76: esso sfrutta laltimetria naturale del terreno con gusto della scenografia e dellartificio paragonabile a quello dei coevi giardini urbani genovesi (ora ben altrimenti conservati e protetti), attraverso un sistema di scale, rampe e grotte che ridisegnano a terrazze il pendio naturale e fanno di questo complesso un delizioso e prezioso testimone di una raffinata cultura architettonica tardobarocca che gi suggerisce aperture romantiche.
Quanto resta del giardino di propriet privata, ma stranamente non risulta soggetto a notifica di interesse particolarmente importante da parte del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali ed dunque protetto da una disciplina di tutela assai debole. Quanta distanza dai giardini della Serenissima Repubblica, che insieme ai loro palazzi lUnesco ha dichiarato patrimonio dellumanit. E dire che il Giardino Durazzo potrebbe stare a ridosso di un palazzo dellalta aristocrazia genovese senza minimamente sfigurare. Al di l del suo pessimo stato di degrado e abbandono, con la vegetazione a fagocitare i pericolanti muretti in laterizio, desta ora apprensione lannuncio della costruzione di box per automobili che di fatto dovrebbero portare alla scomparsa pressoch totale di un monumento che costituirebbe, se recuperato e aperto al pubblico, un bene per la comunit e unattrazione per il visitatore (fermo restando un valore di documento storico su cui nemmeno si dovrebbe discutere). Per scongiurare una simile prospettiva, e per rendere partecipi e sensibili opinione pubblica e autorit cittadine sul valore dellimmobile e sullentit del danno morale e culturale (ma in fondo anche economico) che tutta la citt avrebbe a subire dalla sua perdita, un professionista locale di grande valore, larchitetto Beppe Merlano, si fatto promotore di una raccolta di firme a sostegno della salvaguardia del giardino. Per aderire sufficiente inviare un messaggio di posta elettronica allindirizzo beppemerlano@alice.it (chi vive a Novi e dintorni pu ovviamente firmare di pugno nello studio dellarchitetto in Salita Ravazzano Santo 4, Novi Ligure, 0143/743166). Il dossier che Merlano sta mettendo insieme non mancher di suscitare linteresse degli uffici di tutela e anche dello stesso Ministro Sandro Bondi, da qualche tempo regolare frequentatore di Novi Ligure e dellantico Oltregiogo genovese. Ma dovrebbe stare ancor pi a cuore di tutti coloro che vedono nei giardini del Settecento una delle migliori espressioni del rapporto tra uomo e natura, e in ogni opera darte minacciata un progetto di attentato alla propria memoria e alla propria identit.


Fulvio Cervini
Universit di Firenze



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news