LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appello per la salvaguardia dell’ex residenza estiva dell’Ambasciata d’Italia a Tarabya sul Bosforo
18-11-2005

L’appello per la salvaguardia dell’ex residenza estiva dell’Ambasciata d’Italia a Tarabya sul Bosforo - pregevolissimo edificio progettato da Raimondo D’Aronco nel 1905 - lanciato nel mese di luglio da Italia Nostra sezione di Udine e dall’Ordine degli Architetti della provincia di Udine ha acquistato nell’arco di qualche mese, in virtù di uno scenario internazionale che ha subito alcune importanti modifiche, un peso ancora più rilevante.
Innanzitutto dal 3 ottobre si sono ufficialmente aperti i colloqui con la Turchia per l’ingresso nell’Unione Europea, inoltre ci sono alcuni fattori che fanno sperare in un auspicabile intervento da parte dello Stato italiano, se non altro per motivi di opportunità dettati dall’agenda della politica estera.

A incrementare l’opera di sensibilizzazione si è affiancata l’attività del “Comitato per la salvaguardia delle opere di Raimondo D’Aronco” che ha avviato una raccolta di firme, tra le quali si segnalano l’adesione di Salvatore Settis, rettore della Scuola Normale Superiore di Pisa, di Carlo Ripa di Meana presidente nazionale di Italia Nostra e di Furio Honsell, rettore dell'Università di Udine.

Mentre a Istanbul e Roma si tengono riunioni per individuare aziende e enti che potrebbero partecipare alla raccolta di fondi necessaria per avviare il restauro, a Tarabya la villa sta scivolando verso un degrado sempre più inarrestabile: non servono centinaia di migliaia di euro per riparare una grondaia che da due anni, (non giorni, settimane o mesi ma proprio due anni) scarica direttamente all’interno dell’edificio e ha intaccato la trave maestra del secondo piano che ha ormai raggiunto un livello di flessione preoccupante, mettendo a rischio anche la stabilità del terzo piano.

Inoltre nessuno ha trovato la somma necessaria a acquistare catena e lucchetto per chiudere due porte che consentono l’ingresso nella villa, tanto che a un mese di distanza i sopralluoghi effettuati hanno potuto constatare che lo shopping di balaustre, caminetti, elementi decorativi è fiorente e si svolge totalmente indisturbato. Per ovviare a questo problema sarebbe bastato mantenere il servizio offerto dal custode, che è stato abolito a causa dei tagli di bilancio: un ragionamento scarsamente lungimirante quando si andranno a valutare i costi derivanti dall’abbandono della Villa.

Ora se è encomiabile cercare di avviare la raccolta fondi di restauro, è ancora più urgente trovare le poche migliaia di euro necessarie a far intervenire una normale impresa di costruzioni o fare acquisti in ferramenta: ci risulta incomprensibile che le autorità italiane non siano state capaci di attivarsi per porre riparo a danni così evidenti e tanto facilmente riparabili.
Questa volta l’Italia rischia veramente una figuraccia internazionale, anche perché il recupero della Villa non è faccenda di rilievo nazionale ma ha da tempo varcato i confini dello stato, inoltre nei prossimi giorni il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha in programma una visita ufficiale in Turchia.

Questa ci è sembrata una occasione molto importante, così sono stati attivati contatti con la Presidenza della Repubblica per illustrare le condizioni della Villa e far giungere tutte le nostre preoccupazioni. Abbiamo presentato un dossier contenente l’opera di sensibilizzazione svolta in questi anni e illustrato alcuni dei criteri che dovrebbero, a pare nostro, ispirare il restauro.

Abbiamo in particolare evidenziato l’importanza di individuare con chiarezza la destinazione d’uso futura dell’edificio, operazione indispensabile anche per giungere a formulare il preventivo di spesa.

Ma prima di tutto chiediamo di attivare urgentemente le opere di riparazione più necessarie.

L’urgenza è dettata anche dalla constatazione che in questo edificio nel quale D’Aronco fa convivere felicemente due tradizioni quella occidentale e la turco-ottomana, sia ormai il simbolo, la bandiera di una dimensione culturale dove la comprensione di ciò che è diverso, viene affrontata senza timore di perdere la propria identità, ma addirittura vissuta come valore.

L’edificio quindi può diventare per l’Italia una preziosa risorsa di immagine e amicizia con la Turchia, un formidabile volano promozionale, a patto di presentarsi con una struttura stabile e non certo a livello di rudere.

Ci auguriamo che questo riuscito connubio di culture diverse non sia il motivo per il quale finora non si è fatto nulla, poiché proprio in tempi così difficili per il dialogo e la reciproca comprensione, tutto ciò che costituisce un esempio di incontro va, a nostro parere, valorizzato e promosso.
Lo stesso restauro potrebbe diventare una prima occasione di collaborazione tra progettisti, imprese e maestranze turche e italiane e il cantiere potrebbe assumere caratteristiche di un laboratorio scuola e modello di intervento, soprattutto considerando il prestigio che ha l'Italia nel campo del restauro monumentale.
Ci sono mille motivi per fare e più nessuna scusa per continuare ad assistere allo scempio dell'ex Ambasciata d'Italia a Tarabya e quindi chiediamo al Governo Italiano e alle Amministrazioni locali della Regione Friuli Venezia Giulia di intervenire e di farlo in fretta.

Italia Nostra consiglio regionale e sezione di Udine
Ordine degli Architetti pianificatori paesaggisti e conservatori della Provincia di Udine
Comitato per la salvaguardia delle opere dell’architetto Raimondo D’Aronco.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news