LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancora sul piano casa
23-06-2009
Silvano Menghel

Alle autorit competenti


Oggetto: Piano-casa


Molti cittadini sono preoccupati per le notizie relative ad una imminente approvazione da parte della Regione Veneto del Piano casa, che porterebbe a una nuova colata di cemento, pari a 3 milioni di metri cubi solo nella provincia di Treviso, secondo notizie giornalistiche.

Nel marzo scorso si tenuto a Treviso il seminario nazionale Tutela e valorizzazione del territorio come patrimonio culturale e identitario, nel quale stato ribadito il concetto di paesaggio come bene culturale, biglietto da visita delle comunit che ci vivono, ed elemento indissolubilmente legato alla qualit della vita: un paesaggio di qualit genera benessere ed legato alla identit dei suoi abitanti. Il paesaggio, inteso come totalit del territorio e non come sito di particolare rilevanza, rappresenta un elemento chiave del benessere individuale e sociale, e la sua salvaguardia comporta diritti e responsabilit per ciascun individuo.

Da queste premesse discende la necessit di tutelare il paesaggio come un diritto della popolazione che lo abita. Questo diritto sancito dalla legislazione del nostro paese, in quanto l'Italia ha aderito alla Convenzione europea del paesaggio, ratificandola nel gennaio 2006 (legge gennaio 2006, n. 14). Secondo questa Convenzione, che quindi legge dello stato italiano:

- il paesaggio rappresenta un "bene", indipendentemente dal valore concretamente attribuitogli, poich ogni forma di paesaggio condiziona la qualit della vita dei cittadini e merita di essere presa in considerazione nelle politiche di intervento sul territorio;

- tutto il territorio paesaggio: esso una infrastruttura primaria che include, a fianco del paesaggio tradizionale, anche quelle parti di territorio che, come le aree degradate e della vita quotidiana, sono state finora escluse dalla tutela ambientale (l'art. 2 della Convenzione stabilisce che essa "…si applica a tutto il territorio delle Parti e riguarda gli spazi naturali, rurali, urbani e periurbani").

- la Convenzione stabilisce che "l'ascolto del sociale" sia tenuto nella massima considerazione nelle politiche di intervento del territorio, politiche volte alla protezione, non allo sfruttamento.

La tutela del paesaggio, quindi, comprende anche l'edilizia minore, e non pu essere lasciata al singolo individuo la libera iniziativa di ampliare la propria abitazione senza il rispetto di un piano regolatore. E' pienamente condivisibile l'accorato appello alle autorit della presidente del FAI (Fondo Ambiente Italiano), Giulia Maria Mozzoni Crespi, pubblicato sul Corriere della Sera (25 marzo 2009), alle prime notizie sul Piano casa ("quelle case semplici ma nobili, vecchie ma non sempre antiche, dignitose anche se magari non particolari per bellezza, che…formano il tessuto, la pelle, l'atmosfera dei luoghi dove nata e dove vive la stragrande maggioranza degli italiani…Ora le semplici, dignitose, oneste case dei nostri nonni…si potranno tranquillamente abbattere per ricostruirle non solo pi grandi… e pi alte.. ma soprattutto senza che alcuno di quei parametri di qualit e di omogeneit …venga rispettato…Quale senso di impotenza e di frustrazione proveranno quelle migliaia di amministratori che in questi anni… hanno lavorato ai nuovi piani regolatori o ai nuovi piani paesistici regionali? Tutto il loro lavoro vanificato da una serie di autocertificazioni in deroga al loro operato.").

Inoltre il terremoto in Abruzzo ha posto tragicamente l'accento sulla necessit di una messa a norma degli edifici pubblici e privati gi esistenti; sarebbe opportuno convogliare le risorse economiche sul consolidamento, e non su ampliamenti che potrebbero aggravare la situazione statica delle costruzioni, dato il rischio sismico presente nella maggior parte del territorio italiano.

In particolare in una regione come il Veneto gi intensamente edificata, i governanti hanno rilanciato il piano casa proponendo di alzare il bonus di cubatura al 40 %. In un articolo di Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera del 20 marzo 2009 si legge che nel Veneto dal 2001 al 2006 sono state costruite abitazioni per il triplo dei numero dei nuovi abitanti. Nella seconda met del Novecento nella provincia di Vicenza, ad esempio, l'aumento della popolazione non ha superato il 32 % mentre la superficie urbanizzata aumentata del 324 % con contraccolpi sul paesaggio, sull'inquinamento, sulla viabilit. Una nuova colata di cemento rischia di dare il colpo di grazia a una pianura dove negli anni ottanta si costruivano mediamente 10 milioni di metri cubi di capannoni (molti dei quali oggi vuoti) l'anno, saliti via via fino alla mostruosa quota di 38 milioni nel 2002. In Veneto, secondo uno studio del Dipartimento Territorio dell'Universit di Padova, vi sono case sufficienti fino al 2034 (prevedendo un tasso di immigrazione ridotto a quello degli anni Novanta, data l'attuale crisi economica). Come si accordano questi dati, unitamente all'assenza di provvedimenti per combattere l'inquinamento atmosferico, con la proposta, da parte di un assessore veneto all'ambiente, di richiedere all'Europa la dichiarazione dello stato di calamit naturale, per la pianura Padana, per la concentrazione di polveri sottili?

Comprendiamo che in un momento di crisi economica cos profonda, l’edilizia necessiti di un rilancio per salvaguardare posti di lavoro. Pensiamo per che, una volta tanto nella storia di questo Paese, tale rilancio non debba avvenire all’insegna di una nuova ondata di cementificazione ma nell’ottica di una riqualificazione di ci che gi esiste.

Per questo chiediamo un ripensamento su alcuni punti del cosiddetto “Piano Casa” della Regione Veneto:

1. cancellare la prevista deroga agli strumenti urbanistici attuativi;
2. attuare gli interventi di ampliamento, riqualificazione strutturale, stilistica e ambientale solo dopo che su questi siano stati espressi pareri dagli organi competenti;
3. potenziare le commissioni edilizie integrate;
4. favorire piani di recupero di aree degradate anche attraverso interventi di edilizia sociale;
5. terminare e mettere a norma reti fognarie, depuratori ecc.



Facciamo nostro l'appello del FAI e chiediamo un ripensamento da parte dei legislatori, anche locali, in favore della protezione del paesaggio, dell'ambiente e di quella ricchezza diffusa che costituita dai centri storici e dall'edilizia minore, per noi e per le generazioni future.



Associazione per la Decrescita Sostenibile

Via Ragusa, 4

31100 Treviso



Associazioni I Care, Uomo Mondo, Eco-filosofica



FAI Treviso

Vicolo S. Gregorio, 7

31100 Treviso



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news