LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - legittimit dellatto generale di variante al Piano di Zona ex L. 167/72 in localit Torangius ad Oristano
25-06-2009
SANNA GIAN VALERIO SOLINAS ANTONIO

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XIV LEGISLATURA
INTERPELLANZA N.
INTERROGAZIONE SANNA GIAN VALERIO SOLINAS ANTONIO sulla legittimit dellatto generale di variante al Piano di Zona ex L. 167/72 in localit Torangius ad Oristano
***************
I sottoscritti,
premesso che con delibera del Consiglio Comunale di Oristano n. 12 del 16 Marzo 2009 il Comune di Oristano al fine di concorrere al Bando regionale per la localizzazione di interventi di riqualificazione urbana, recupero e nuova costruzione da assegnare a canone sociale ha adottato una variante al piano di zona 167/72, variante per la quale non si evince se si tratti di variante al Piano di Fabbricazione o al PUC adottato;
considerato che la variante di che trattasi opera in riduzione degli standard urbanistici riguardanti il verde pubblico in una zona ad alta densit demografica e dalle scarse dotazioni di servizi pubblici e si propone di aprire una viabilit che in luogo di una rotatoria senza via di uscita prevede la realizzazione di un collegamento con la adiacente viabilit di Piano con evidenti e gravi pregiudizi per i residenti che si ritroveranno nel mezzo ad un traffico intenso;
evidenziato che, in armonia con le disposizioni del vigente Piano Paesaggistico Regionale, i Comuni nelle more delladeguamento dei PUC al PPR possono realizzare interventi di edilizia residenziale pubblica programmati in zona C solo qualora venga documentato un reale fabbisogno abitativo e previa verifica di compatibilit degli interventi proposti ai sensi del comma 5 articolo 15 delle N.T.A. del PPR;
dato atto che gli interventi proposti consisterebbero nella realizzazione di palazzine multipiano con tre piani fuori terra che alla luce delle caratteristiche urbanistiche del piano attuato si pongono in forte contrasto con le tipologie esistenti;
considerato altres che tale intervento riguarderebbe la realizzazione di immobili nelle aree immediatamente adiacenti alla piazza della Parrocchia di San Paolo, luogo di incontro e di aggregazione di tutto il quartiere a sua volta fortemente legato alle attivit parrocchiali e di socializzazione che dalla compromissione dei luoghi troverebbe un sostanziale nocumento;
riscontrato altres che tale iniziativa volta allesclusivo conseguimento di un finanziamento pubblico regionale non tiene conto che fra le tipologie di partecipazione al Bando regionale vi era fra laltro la possibilit di individuare aree ed immobili da destinare a ristrutturazione e a riqualificazione urbana senza intaccare gli standard urbanistici di zona che vengono cos ridotti senza un adeguata valutazione delle conseguenze sul piano della qualit della vita dei residenti;
accertato che intorno a tale decisione del Consiglio Comunale di Oristano nata una Petizione popolare dei residenti volta alla salvaguardia del contesto urbano e contenente linvito alla revoca dellatto e che tuttora continuano le manifestazioni di protesta e di contrasto da parte dei cittadini;
evidenziata la palese lesione delle procedure di concertazione istituzionale e di partecipazione dei portatori di interessi diffusi intorno alla adozione della variante del Comune di Oristano
chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale competente per sapere se:

1. non ritengano necessario ed urgente richiamare il Comune di Oristano al rispetto delle procedure pubbliche di concertazione e di partecipazione dei cittadini alle scelte di pianificazione urbanistica nel Comune di Oristano;
2. in sede di istruttoria della Variante in oggetto possano essere rilevate le violazione e lincompletezza della proposta in relazione al citato articolo 5 delle N.T.A. del PPR e allauspicabile mantenimento di standard urbanistici di servizio pubblico ancorch superiori a quelli minimi di legge;
3. non ritengano necessario che lapplicazione di disposizioni di tale delicatezza venga accompagnata da una analisi tecnica che valuti attentamente la disponibilit ad Oristano di immobili o aree gi urbanizzate e meritevoli di interventi di recupero e riqualificazione senza recare pregiudizio ad ambiti urbani gi consolidati ed omogenei;
4. non ravvisino una violazione delle pi generali norme della pianificazione paesaggistica tuttora operanti in Sardegna.
Cagliari, 22 giugno 2009



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news