LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - La Via del Grano, una strada nelloblo
01-07-2009
Mariantonietta Sorrentino

C chi viaggia per diletto, chi per affari. Lo spostarsi da un luogo allaltro risponde a vari bisogni umani, non ultimo quello di scambiare merci, derrate, oggetti, manufatti. Viaggi e viaggiatori hanno avuto valenze diverse nel tempo, cadenze differenti.
Prima della conquista romana nelle regioni dellItalia meridionale (Lucania, Bruzio e Campania,in testa) non esisteva un sistema viario vero e proprio, stabile e regolare.
Ci si spostava tramite vie pastorizie, create per la transumanza stagionale delle greggi, e di sentieri, nati a m di ponte tra le zone interne e la costa tirrenica.
Questo noto. Meno nota , invece, la Via del Grano ,relegata quasi nel nascondimento.
Quanti ne conoscono nascita, storia e vicende ?
Per anni si preoccupata di tenerne viva la memoria una Associazione ebolitana e, questo, non un segreto per chi conosce culturalmente il territorio che si spalma tra la Provincia di Salerno e quella di Avellino. Ultimamente, per, si va registrando una battuta di arresto.
I tentativi di ottenere finanziamenti sono caduti nel vuoto.
Eppure un patrimonio culturale la via che, dalla Puglia, passando per Eboli, raggiungeva la Capitale del Regno con i suoi carichi di grano e di farina.
Tappa importante della via era Minori. Nella cittadina della Costa di Amalfi si lavorava la migliore pasta del Regno. Raggiunto dalla materia prima, il borgo rivierasco ha costruito la sua fortuna confezionando ndunderi e maccaroni, schiaffoni e fusilli, precettando il grano che viaggiava alla volta dei Monti Lattari, tagliando per Agerola ed evitando la penisola sorrentina.
Il 14 giugno 2008 "Bellitalia" ha mandato in onda un servizio dedicato a questa rilevante realt salernitana. Possibile che per valorizzare le nostre ricchezze intervengano pi gli altri che i meridionali stessi ?
Quella raccontata dalla trasmissione di Rai 3 stata la storia di una strada caduta in disuso, abbandonata alla vegetazione, ma non smarrita del tutto: le fanno fede i documenti che ne attestano genesi, paternit e "pedigree".
Costruito nel 1789 per volere di Ferdinando di Borbone, il tracciato venne caldeggiato dal Marchese di Valva, Sopraintendente di Strade e Ponti. Ripercorrendo "La via del Grano" ,il servizio di "Bellitalia" riprese la trama di una storia sconosciuta ai pi, di una strada che assicurava il trasporto della materia prima e delle altre derrate alimentari dalle fertili pianure della Puglia alla capitale del Regno.
Il servizio stato un itinerario della storia e nella storia, non meno importante delle favoleggiate vie romane, nate per raccordare le citt dell'Impero dei Cesari o la Via Francigena. Ma, allora, perch la nostra "Via del Grano" deve cadere nel dimenticatoio?
Sulla antica via borbonica camminavano derrate e, grazie ad essa, nacque la pasta di Minori e Gragnano.
Ma a parte lomonima Associazione ebolitana, chi si interessa di assicurare la memoria de La Via del Grano ai posteri?



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news