LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castelli Romani: distretto di quali eccellenze?
20-07-2009
Luca Tittoni

Continua ad incombere sui Castelli Romani e sul litorale a sud di Roma la vertenza attinente il gassificatore di Albano Laziale. Dopo lapprovazione dellimpianto, maturata lo scorso aprile presso la Regione Lazio in sede di Conferenza dei Servizi, nonostante la contrariet espressa dai sindaci di Albano e Ardea, della ASL RM H e, prima ancora, di alcuni consigli comunali direttamente coinvolti, cresce ora la preoccupazione di alcuni fondamentali interpreti della filiera vitivinicola. In particolare lo scorso ventitr maggio si tenuta presso la sede della cantina sociale Fontana di Papa una conferenza stampa con la quale gli operatori del mercato vinicolo hanno sollevato serie perplessit circa il futuro inceneritore di Albano. Alla suddetta conferenza stampa hanno preso parte il presidente della cantina sociale Fontana di Papa, il presidente della cantina sociale Gotto dOro e il dott. Bollino, enologo della cantina San Marco. Di rilievo anche il messaggio inviato dal presidente Battistelli, al vertice del Consorzio IGP del pane di Genzano. Attori nellincontro anche ling. Rosso, della campagna Non bruciamoci il futuro, il dott. Aldo Garofolo, esperto nel campo chimico-enologico, lavv. Daniele Castri e la dott.ssa Elena Taglieri, specializzata nella tutela dei prodotti tipici territoriali. Gli ultimi tre, membri attivi del Coordinamento contro linceneritore di Albano. Innumerevoli gli aspetti esaminati durante lincontro. Il paventato gassificatore si confermerebbe infatti un progetto rischioso per la salvaguardia sanitaria di buona parte dei nostri paesi e si porrebbe in contrasto con la tutela dei marchi di pregio enogastronomico presenti nei Castelli Romani. Spettri come diossina, nanopolveri e ceneri post combustione, rappresentano elementi chimici che contaminerebbero seriamente le uve, le olive e buona parte delle colture tipiche locali. Inoltre tali emissioni risulterebbero ancor pi impattanti sul territorio a causa della nuova ipotesi di raffreddamento dellimpianto ad aria anzich ad acqua, ripiego proposto a causa dellemergenza idrica nei castelli.
Sempre in sede di conferenza stampa sono state illustrate le normative di legge a tutela dei marchi Doc, Docg, Igp, Igt che si pongono in serio contrasto con il futuro impianto di Albano. In particolar modo lart.21 del D.Lgs. 228/01, che introduce il concetto di interferenza riferito alla localizzazione degli impianti di smaltimento di Rsu rispetto alle aree a vocazione agricola di pregio, ed il regolamento Cee n 2092/91, volto a tutelare le superfici nelle quali si ottengono prodotti con tecniche che si rifanno a principi di agricoltura biologica e zone aventi specifico interesse agrituristico. I presidenti delle due maggiori cantine sociali dellarea si sono detti seriamente preoccupati per le conseguenze che tutto ci potrebbe arrecare allo sviluppo del settore vitivinicolo, da sempre volano economico dei Castelli. Preso quindi atto di quanto autorizzato dalla Regione, i presidenti paiono decisi ad approfondire la questione e a chiedere risposte precise alle autorit competenti. Mentre si muovono anche gli attori del mercato, rimangono molte le domande che i cittadini iniziano a porsi a fronte della continua campagna di informazione sul territorio, e non da ultimo a causa delle recenti vicende che hanno investito il termovalorizzatore Gaia di Colleferro. Il nascituro impianto di Albano Laziale del consorzio Co.E.Ma sarebbe quindi un chiaro segnale circa le politiche regionali adottate in merito allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Il Lazio si incanalerebbe infatti nel solco dellincenerimento del Cdr a scapito del riciclo e della raccolta differenziata che, a fronte della costruzione di un tale termocombustore, passerebbero chiaramente in secondo piano.
In questo quadro resta anche da vagliare la logicit urbanistica di una tale struttura posta, come per primo sollevavo oltre un anno fa, ad una manciata di chilometri dal Policlinico dei Castelli Romani ora in appalto. In unottica pi ampia resta invece da capire come in soli sessanta chilometri in linea daria, tra Malagrotta e Colleferro, si possano annoverare due gassificatori, un termovalorizzatore ed una futura centrale Turbogas (Aprilia). La viva speranza che siano opere necessarie e non figlie dellodore acre della speculazione. In tutto ci un dato inquietante per i Castelli: un tempo distretto di eccellenza agricola, un domani distretto non tanto periferico della termocombustione.

Autore: Luca Tittoni
Maggio 2009

http://futuribilepassato.blogspot.com/2009/07/i-vini-contro-linceneritore-di-albano.html


news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news