LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei e collezioni: a ciascuno il "suo"?
03-08-2009
Andrea Costa

Cari amici,


ringrazio Vittorio per aver messo giustamente il dito nella piaga rispetto ad una vicenda di ordinaria tracotanza milanocentrica che (ora che Capitale
del Mediterraneo anche noi romani possiamo finalmente prendercela con qualcuno!), voglio chiarire subito, va giustamente rintuzzata.
In special modo la vicenda del prestito quarantennale rinnegato, si merita tutti gli strali che da oggi in poi la Soprintendente poco avveduta si meriter.
Il dibattito sottaciuto, intorno alle etichette dei reperti dei Musei nazionali (Venere di Urbino, Apollo di Veio, Fanciulla di Anzio, etc, etc,) si combattono guerre feroci a colpi di fax, mostre promosse e prestiti negati.
Come mai? Mi provo presuntuosamente ad azzardare una possibile risposta: che gli italiani non ci sono pi. Siamo alla separazione dei beni, pi o meno consensuale, alla frutta. Nessuno si fida pi di nessuno e quando non c pi
fiducia noto che vien meno anche la fedelt. Il resto dovrebbe essere materia per gli avvocati.
Persino un Presidente della Repubblica come Carlo Azeglio Ciampi si accorto della cosa ed ad un passo dalle dimissioni dal Comitato per le celebrazione dei 150 anni dellUnit dItalia.
Ecco dunque la "maledizione di Axum" che cosa ha veramente prodotto: la Guerra dei Capponi...o meglio la ricerca della "robba". Mi sembra che se ogni citt cominciasse a strappare, ognuna per s dal grande libro della storia, la
paginetta che pi gli piace, non ce ne sarebbe davvero per nessuno. Fine dei Musei nazionali. Fine delle collezioni vincolate dei musei nazionali. Fine dei vincoli. Citt vittime potrebbero a ben vedere scoprirsi "carnefici" (vedi la
depredata Venezia che vanta per parecchi marmi greci di provenienza ateniese...
abbastanza recente). Io, ad esempio, da romano "ladrone", rivoglio da Milano la Piet Rondinini! Era a Palazzo Rondinini fino agli anni 50' del secolo ventesimo quando qualche Sindaco democristiano e qualche Ministero fece finta
di niente! Non cera ancora la regione Lazio, ma cera la Soprintendenza ai monumenti, e i diritti di prelazione? Ne sapete qualcosa? E da Napoli...dunque la collezione Farnese, compreso il grande Toro Farnese delle terme di
Caracalla! Lo scambio potrebbe avvenire con gli arazzi "borbonici" del Quirinale (notoriamente casa degli italiani cio casa di tutti, cio all'italiana di nessuno). Naturalmente prima di aver sentito i piemontesi che
vorrebbero anche loro qualche cosa per arredare le residenze sabaude.
Dovrebbero per mettersi d'accordo a loro volta per una cifra congrua sempre con la Capitale del Mediterraneo(Mare insubrum) MIlano, ed i suoi rapporti col protettorato di Monza e la restauranda Villa Reale. Lo scambio degli ostaggi
potrebbe avvenire in territorio neutrale come la Svizzera, modello cantonale da imitare per rimanere fedeli al grande sogno del defunto Gianfranco Miglio.
A parte il tono, volutamente leggero se non fosse che la situazione non seria ma assolutamente grave, queste vicende sono note, forze disgregatrici dell'Unit nazionale stabilmente al governo oramai da un quindicennio mettono
le mani sul patrimonio nazionale avventandosi ognuna come pu " sulle spoglie di un nemico sconfitto" come le manzoniane rivolte alla casa del signorotto locale "chi alla ricerca chi di un quadro, chi di un sacco di farina". I virgolettati non sono miei ma di Salvatore Settis in una intervista inusuale che gli feci (lo so, brutto citarsi!) nel 2006 per il Bolllettino nazionale
di Italia Nostra, Associazione di cui sono (ancora) consigliere, per quel concerne la sua tormentata Sezione romana.

Come la penso? Chi mi conosce sa che pur non essendo stato mai togliattiano, sui beni artistici e le collezioni nazionali per citare Paolucci "stelle fisse dell'identit nazionale" sono per una pragmatica amnistia. In questo caso
per Vittorio Emiliani ha pienamente ragione, la Hybris milanese nota ed ben protetta da un governo leghista, dal legato padano del Vaticano e di Cielle Roberto Formigoni, e dalle altre forze della "dissolution.

Vi invito a dire la vostra perch il dibattito davvero interessante e, mi sembra, anche inedito.
Un caro saluto,

Andrea Costa



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news