LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tradizione o rivoluzione
01-09-2009
Francesco Floccia

Tradizione o rivoluzione.

Il recupero delle tradizioni regionali italiane - soprattutto lombarde -
che il movimento della Lega in questo giorni ferragostani annuncia
attraverso la presentazione di una "legge sui dialetti" e l'impiego di
'canzoni popolari locali' (vedi in particolare: ?'Il Sole 24 ore.comitalia: "Bossi: basta inno di Mameli e presto una legge sui dialetti",
16/8/2009'; "Bossi insiste sul dialetto a scuola.." in 'La Tecnica della
Scuola' web, di Alessandro Giuliani, 15/8/2009) potr essere studiato come
ritorno a un romanticismo storico ottocentesco (appunto di matrice milanese)
oppure a una moderna "scapigliatura" ancora una volta 'antiborghese', un
po' cruda e impetuosa, connotata da arcaici e immutati caratteri contadini,
montanari, operaistici (ma sempre e comunque del "Nord"). I fatti diranno,
forse a breve, se si tratta di strategia politica nell'ambito di una
compagine governativa che - come ben sappiamo - sull'"ordine e sulla
sicurezza" punta i suoi principali obiettivi politici. Certo una "Lega Nord"
che, sempre in linea con la propria politica regionale tradizionalista, pone
oggi "badanti e colf" al centro della famiglia italiana dimenticando invece
che era la donna, la madre, la moglie il centro focale ("il focolare
domestico") della casa della tradizione locale italiana otto-novecentesca -
quella appunto dei 'dialetti o della canzone popolare' che si vuole oggi
recuperare - qualche contraddizione dovr anche affrontarla: nella
bellissima raccolta a cura di Giuseppe Vettori: "I canti popolari italiani d'amore,
di nostalgia, di lavoro, di ribellione, di protesta sociale", Grandi
tascabili economici Newton, Newton Compton editori 1975, il Lettore vedr
quali e quanti canti della tradizione lombarda inneggiano alla lotta, alla
protesta, piangono l'amarezza dei giovani di poter morire in una guerra, i
morti causati dalle truppe sabaude, celebrano le parole orgogliose e
battagliere delle donne al lavoro nelle risaie. La disciplina della storia
delle nostre tradizioni popolari pu studiare gli aspetti emergenti di
questo fenomeno "leghista" che al momento non so dire se contingente fatto
politico o culturale: sarebbe comunque curioso, interessante e soprattutto
stimolante che il ritorno alle tradizioni contadine significasse invece per
l'Italia l'inizio di una rivoluzione sociale.

16/8/2009

Francesco Floccia



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news