LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TAGLI ALLE SOPRINTENDENZE. Archeologi chiusi in ufficio!
03-02-2006
Giuliano Volpe


Prosegue senza tregua il lucido (e folle) disegno di smantellamento definitivo della tutela dei beni culturali italiani.
La nuova finanziaria ha imposto tagli feroci in particolare, come è noto, nel settore dei servizi ai cittadino, della cultura e dei beni culturali, un settore quest'ultimo che vive in questi anni una delle fasi più buie della nostra storia.
Si tratta di un duro colpo in particolare per gli organi periferici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, le Soprintendenze, ormai ridotte in uno stato
agonizzante.
Un colpo che rappresenta l'ultima tappa, per ora, di un processo di depotenziamento, come emerge dall'annoso blocco delle assunzioni e del turn over: al momento la metà circa delle Soprintendenze è coperta per reggenza in mancanza di
Soprintendenti di ruolo, mentre l'età media dei funzionari raggiunge 55 anni.
Personale sempre più scarso, più vecchio, sempre meno motivato, è ora tenuto costretto ad una scrivania. Infatti, l'esito primo dei tagli dell'ultima finanziaria è la soppressione delle indennità di trasferta per i funzionari e i tecnici delle
Soprintendenze. Si stravolge e si mortifica definitivamente una peculirarità della tutela, e cioè il suo carattere territoriale. Funzionari e tecnici che dovrebbero soprattutto essere presenti nel territorio sono costretti a restare in ufficio. La
peculiarità dei beni culturali italiani, ed anche in particolare di quelli pugliesi, consiste, infatti, nel continuum di presenze, grandi e piccole, nelle città, nelle campagne, lungo le coste, nelle acque, e nell'integrazione tra beni culturali e
paesaggio, che ormai costituisce un elemento essenziale della nostra cultura, del nostro modo di essere, della nostra 'identità'.
Come è possibile tutelare questo
immenso patrimonio senza poter operare sul campo?
Per protestare contro questa situazione, i funzionari delle Soprintendenze pugliesi hanno deciso di sospendere tutte le attività sul territorio: sono dunque bloccati
gli scavi di emergenza, i sopralluoghi, le verifiche, i contatti e gli incontri con amministratori locali, con imprese impegnate in lavori edili, con i cittadini in attesa di autorizzazioni.
È evidente la volontà di smantellare il principio costituzionale (art. 9) della difesa e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio.

Bisogna ora affermare la necessità di una svolta, fatta non solo di fondi più consistenti, ma soprattutto di una vera e seria politica dei beni culturali, di nuovo personale di elevata competenza, dell'adozione di nuovi approcci metodologici,
di strumenti e tecnologie innovative nello studio, nella tutela, nella valorizzazione, nella fruizione, nella gestione e bella comunicazione, con un rapporto più integrato, coordinato e cooperativo con le Università, le Regioni, gli
enti locali.

In tale difficile situazione, un ruolo importante potrebbe e dovrebbe essere svolto dalla Regione, di cui si aspetta con ansia di conoscere meglio la politica che intende avviare nel campo dei beni culturali, che si spera sia caratterizzata dagli
stessi segnali di discontinuità col passato e dalla progettualità già espressa in altri settori.

Bisognerebbe finalmente avviare politiche inclusive e responsabilizzanti nel governo di un patrimonio culturale collettivo, coinvolgendo al meglio tutte le risorse
umane, scientifiche, economiche, tecnologiche disponibili, nella consapevolezza che la tutela di un patrimonio immenso e diffuso non consista in un'azione asettica e oggettiva, ma nell'opzione fatta sulla base di scelte che cambiano nel tempo e con
la formazione di chi la esercita.

E' importante, in questo momento difficile, che gli archeologi e tutti i ricercatori delle Università, il mondo della cultura e dell'associazionismo, le forze politiche e sociali realmente sensibili ai problemi della tutela del patrimonio culturale
(che, spesso solo ritualmente, tutti dicono di considerare prioritari) esprimano la propria indignazione per questa assurda situazione e facciano sentire piena solidarietà ai colleghi delle Soprintendenze.
Giuliano Volpe

______________________________________________
Giuliano Volpe
Ordinario di Archeologia tardoantica
Direttore del DISCUM - Dipartimento di Scienze Umane
Università di Foggia
via Arpi 155 - 71100 Foggia
tel: (39) 0881.587636
fax: (39) 0881.587635
cell. (39) 320.4394590
e-mail: g. volpe@unifg.it



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news