LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castel dell'Ovo spento (come tutti i monumenti)
08-09-2009
Angelo Forgione

Da qualche tempo, troppo ormai, l'impianto di illuminazione del Castel dell'Ovo fuori uso. Il panorama in notturna della citt ha perso il suo "gioiello". Perch?

Sabato sera, la sfilata dei carri di Piedigrotta si svolta in uno scenario, quello del lungomare, tetro e poco consono ad una festa. Sullo sfondo, il Castel dellOvo buio, indefinibile nei suoi contorni se non allesplodere dei fuochi di mezzanotte. Eppure proprio quello un monumento legato a doppio filo al mito della Crypta Neapolitana, e questo deve far riflettere sulla coscienza e cognizione storica di ci che si festeggiato.

Il Comune di Napoli e la Regione spieghino perch quell'impianto di illuminazione tanto decantato alla sua installazione non pi in funzione. Era stato realizzato a ridosso del 2000 con un corretto gioco di luci gestito da una centrale operativa (DigiLux VM 3000) e garantiva variazioni di colore ogni quindici minuti grazie a due proiettori posti alla destra del pontile daccesso e da cinque proiettori dello stesso tipo posti a circa 300 metri di distanza, sugli scogli in prossimit del lungomare. Limpianto non funziona pi da tempo e la cartolina notturna di Napoli ha perso il suo magico castello sullacqua. Questo vale per la gran parte dei monumenti di Napoli, consegnati alloscurit della notte. Non cos che si valorizza la citt, non cos che si attrae il turismo. Unitamente a Castel dell'Ovo, sono abbandonati al buio della notte il Palazzo Reale e tutto il Plebiscito, e Castel Sant'Elmo e Castel Nuovo non godono di sorte migliore.

A che serve "utilizzare" i fondi dell'Unione Europea per concerti di richiamo internazionale se poi ci sono situazioni basilari sulle quali non si interviene, pregiudicando l'immagine di Napoli che si intende invece valorizzare?

Singolare l'episodio di un turista che nel mese di Luglio si piazzato con macchina fotografica e trepiedi su Via Partenope e per buona mezz'ora al buio ha atteso invano che si illuminasse il castello. Poi, stufo, al sottoscritto che vi si intratteneva piacevolmente, ha chiesto: <> . A seguire la mortificazione nell'informarlo che il castello "muore" al tramonto.

Si attendono risposte affinch anche su questa vicenda non si taccia e si restituisca al panorama della citt la sua bellezza in notturna.

Nelle foto allegate, Castel dell'Ovo nelle versioni illuminato e spento durante la sfilata dei carri (come da tanti mesi a questa parte).
Angelo Forgione
Movimento V.A.N.T.O.
(Valorizzazione Autentica Napoletanit a Tutela dell'Orgoglio)



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news