LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La nuova strada di S. Ilario dagli anni ‘60 dello scorso secolo ad oggi
10-09-2009
Angela Comenale Pinto

La nuova strada di S. Ilario dagli anni ‘60 dello scorso secolo ad oggi

Per risolvere il problema della viabilità di S. Ilario esistono diverse soluzioni, già studiate in passato, ma il Comune porta avanti un progetto che, oltre a lasciare senza strada la maggior parte degli abitanti, è quello a maggior impatto paesaggistico ed ambientale.

1882
Viene realizzata una strada carrabile da Nervi a S. Ilario, grazie all’impegno politico ed economico di Bernardo Marsano, che contribuisce personalmente a finanziare la realizzazione della strada.
Bernardo Marsano era “uomo politico attento e ricettivo alle emergenti istanze sociali della sua regione. Lo interessarono tre grandi problemi: l’istruzione dei contadini, la costruzione di una strada carrabile da Nervi a S. Ilario e l’acquedotto per portare l’acqua dal Monte Cordona, bosco della Fontanassa, fino alle <> di Sant’Ilario. Tre obiettivi che riuscì a portare a pieno compimento prima di morire. ” (L. Viacava, G. Roberto, 1982)

Anni ’60-70
A S. Ilario i coltivatori e i floricoltori, avvertendo l’esigenza di una viabilità che consenta il trasporto dei materiali con un trattore o con una motocarrozzetta ai terreni non serviti dalla strada costruita nel 1882, propongono di prolungare la strada che proviene da Sessarego (Bogliasco) per servire tutto il paese, che si sviluppa a Nord-Ovest dell’Istituto Agrario “B. Marsano”.

Non c’è alcuno che diventi promotore di questa idea.

1980
Ottantotto coltivatori (48 coltivatori diretti e 40 coltivatori part time) di S. Ilario , assistiti dal Consorzio Agricolo Zona 1 di Genova, chiedono il miglioramento della viabilità:
“ I coltivatori diretti della parte alta di S. Ilario, nell’intendimento di migliorare le condizioni di viabilità e soprattutto di lavoro, chiedono di rendere agibili con mezzi agricoli gli itinerari segnati rendendo così più agibili gli accessi ai terreni situati in scomode posizioni, oggi a malapena accessibili pedonalmente e con faticosi trasporti a spalle di materiali e concimi.
Gli itinerari stessi aiuterebbero gli agricoltori a salvaguardare il patrimonio di muri a secco e fasce olivicole…”

1981 (Soluzione A)
Gli ingegneri Dapelo, Di Sefano, Mazzone , dello studio Mazzone Urgeghe, ingegneri associati, progettano una strada che segue il tracciato delle mulattiere esistenti.
All’Istituto Marsano di S. Ilario perviene una richiesta di cessione di piccole aree ai confini delle proprietà dell’Istituto per consentire l’attuazione del progetto.
Nel Verbale n. 87 del Consiglio d’Istituto dell’Istituto Marsano del 20 febbraio 1981 si legge:
“Adattamento delle strade pedonali: Via della Fossa dei Carboni, Via dei Tasso, Via superiore dei Penchi, Via Ravano, Via Poggetto di Sopra, Via della Serra di Musanega, Via Poggetto, Via Pianello, Via dei Gerolami, Via Lastrego.”…
“Parere favorevole e trasmissione di tutti gli atti al Ministero competente per la ratifica della delibera”.

Il progetto non viene mai realizzato.

1993 (Soluzione B)
Viene messo a punto un nuovo progetto di viabilità, che, anche in questo caso, prevede l’adattamento di percorsi esistenti. Nuovamente perviene all’Istituto la richiesta di piccole aree ai confini delle proprietà lasciate alla Scuola da Bernardo Marsano nel 1882.
Nel verbale n. 259 del Consiglio d’Istituto dell’Istituto Marsano del 28 gennaio 1993 si legge:
“Parere favorevole all’unanimità e trasmissione al superiore Ministero degli atti necessari all’ottenimento dell’autorizzazione alla cessione delle aree interessate.”

Il progetto non viene mai realizzato

1993-1997
Viene effettuato durante l’amministrazione Sansa uno studio di fattibilità per la realizzazione di 8 cremagliere.

Le cremagliere non vengono realizzate

2005
L’amministrazione Comunale esprime parere favorevole per la realizzazione di un impianto meccanizzato di risalita a S. Ilario da Via alla Strada della Scuola d’Agricoltura a Via dei Tasso.

2007-2008
Viene realizzata una strada che soddisfa l’esigenza di un esiguo numero di abitanti di S. Ilario, nella zona di S. Rocco, mentre il grosso nucleo del paese continua a vivere nel disagio di non avere una viabilità adeguata.

2008 (Soluzione C)
All’ Istituto per l’Agricoltura “B. Marsano” perviene il progetto di una strada diretta a Sud Est dell’Istituto ( il paese è a Nord Ovest), che potrebbe servire pochissime famiglie e che taglierebbe in due lo storico podere Costigliolo dove sorge la Scuola Agraria fondata da Bernardo Marsano nel 1882.
La strada verrebbe realizzata con i Fondi di Sviluppo Rurale e danneggerebbe l’unica realtà rurale di rilievo dell’area interessata.
Il Consiglio d’Istituto chiede di prendere in esame un tracciato che, pur rispondendo alla legittima esigenza di una viabilità adeguata, non danneggi un bene che per il suo valore paesaggistico, (storico, culturale, agricolo, naturalistico, ecologico), rappresenta una risorsa preziosa per tutta la Comunità. Vengono perciò indicate alcune alternative con la disponibilità, già dimostrata in passato, a cedere quelle piccole superfici di terreno, al confine della proprietà, necessarie ad ampliare i percorsi già esistenti che seguono le curve di livello e che risponderebbero finalmente al bisogno più volte manifestato dagli abitanti di una viabilità adeguata.

2009
Il nuovo progetto che perviene all’Istituto con la minaccia di un esproprio, manifestata dal Sindaco Marta Vincenzi durante un’assemblea pubblica, ricalca il progetto del 2008, con notevole danno al patrimonio paesaggistico dell’area.
Gli organi collegiali dell’Istituto per l’Agricoltura e l’Ambiente “B. Marsano”, consapevoli della responsabilità morale nella tutela di un patrimonio che appartiene alla Comunità, si preoccupano di diffondere la conoscenza delle caratteristiche pregevoli del bene che verrebbe irrimediabilmente danneggiato.

Nella notte tra il 14 e il 15 luglio ignoti tagliano 18 piante di vecchie cultivar locali liguri a rischio di estinzione, raccolte e propagate con un paziente lavoro iniziato da più di dieci anni in collaborazione con agricoltori e vivaisti, in linea con la Convenzione Internazionale di Rio de Janeiro del 1992 per la conservazione della biodiversità, proprio nel Campo Catalogo dove l’ultimo progetto prevede il passaggio della strada.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news