LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Articolo di Paolo Barbuto del 21/9. Errore "storico" e contestazione
25-09-2009
Angelo Forgione

Su "IL MATTINO" del 21 Settembre, l'ottimo Paolo Barbuto ha scritto un interessante e giusto pezzo circa l'inappropriata collocazione di alcune statue e busti rispetto alle piazze che le/li ospitano. Confusione peraltro gi sottolineata in passato da questo Movimento cos come da Assoutenti.

(http://sfoglia.ilmattino.it/mattino/view.php?data=20090921&ediz=NAZIONALE&npag=27&file=obj_504.xml&type=STANDARD)

Citati, tra gli altri, il busto di Mazzini in Via Vittorio Emanuele III (non proprio in Piazza Municipio come riportato); la statua di Paolo Emilio Imbriani in Piazza Mazzini, le cui condizioni indecenti sono segnalate da anni dal sottoscritto senza che il Comune intervenga a ridarle decoro. Per tale statua, sempre il sottoscritto ha provocatoriamente chiesto lo spostamento in una piazza vomerese pi "civile" (?), aggredita com' da vandali e "writers" praticamente da sempre; una chimera!
Barbuto cade per in un errore di carattere storico, citando il monumento equestre di Carlo III di Borbone in Piazza del Plesbiscito e volendolo idealmente spostare in Piazza Carlo III invece che alla Piazza reale in cui si trova.
Barbuto scrive: <>.
Invece quel monumento equestre giusto che si trovi dov'. I monumenti equestri del Plebiscito sono forse gli unici nel luogo giusto. giusto infatti ricordare che la Piazza, cos come la vediamo, risale al secondo decennio del 1800 quando Ferdinando IV, successore di Carlo III, volle sciogliere un voto fatto per la riconquista del Regno dopo la parentesi francese. Fu edificata quindi la Basilica di S.Francesco di Paola (il Santo avrebbe "profetizzato" nel 500 che quel luogo sarebbe diventato "il pi regale e onorato della citt") e i due palazzi laterali gemelli "Salerno" e "della Foresteria", seppur in periodi diversi.
La piazza fu pensata come Regio Foro Ferdinandeo e doveva diventare (lo divent) il nuovo simbolo urbano della restaurazione borbonica. Lo dovevano testimoniare i gigli (borbonici), presenti su tutti i capitelli delle colonne del pronao e di quelle dellemiciclo e sugli archi di ingresso del colonnato, tanto sul versante a ponente che su quello a levante. Lo devano dimostrare i medaglioni di ghisa raffiguranti il profilo di Ferdinando sempre sugli archi di ingresso del colonnato, e lo devano attestare i due monumenti equestri pensati per il luogo e commissionati al Canova che complet quello di Carlo III e inizi quello di Ferdinando IV, poi completato dal catanese Antonio Cal per sopraggiunta morte del suo maestro (sulle recinzioni dei monumenti una volta vi erano dei gigli, poi rimossi dai Savoia e oggi sostituiti con lo stemma del Comune di Napoli).
Dunque, il monumento equestre di Carlo III di Borbone, che Paolo Barbuto vorrebbe invece pi idoneamente collocato nei pressi del Real Albergo dei Poveri, al suo corretto posto laddove stata voluto a testimoniare una Napoli Capitale che non c' pi, e Dio solo lo sa come sia accaduto che Savoia e garibaldini non abbiamo cancellato i simboli del luogo simbolo borbonico.
Piuttosto, un monumento equestre di Carlo III doveva esserci in Piazza Dante, che durante il regno carolino era e si chiamava appunto Foro Carolino. Il monumento, pensato dal Vanvitelli insieme a tutta lo slargo, era in costruzione ma il calco fu distrutto durante i moti della Repubblica Partenopea del 1799. Oggi quella Piazza dedicata a Dante in nome dell'Unit d'Italia e del suo aspetto originale resta l'emiciclo monumentale, attuale ingresso del convitto, commissionato da Don Carlo al Vanvitelli, il quale progett e costru un foro carolino ornato dalle statue ancora oggi visibili e raffiguranti le virt del sovrano borbonico.
Non ce ne voglia Paolo Barbuto ma, pur non volendo salire in cattedra, va sottolineato l'errore di carattere "storico" in cui incappato che offende la storia della citt, nonch i puristi e gli amanti della stessa storia.

Angelo Forgione
Movimento V.A.N.T.O.
(Valorizzazione Autentica Napoletanit a Tutela dell'Orgoglio)



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news