LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cocci, badanti, restauratori: ma c’ un Governo liberale?
23-10-2009
Francesco Floccia

La notizia web “Cocci, serve il censimento” (di Claudio Lo Tufo ne “Il Tempo”, 22/10/2009) fa parte della serie delle pubbliche auto-dichiarazioni cui ormai noi cittadini siamo chiamati periodicamente a fare nei confronti delle Amministrazioni statali. di questa estate la campagna ministeriale per l’emersione delle colf e delle badanti irregolarmente presenti nelle famiglie italiane: dei numeri altissimi previsti, a fine settembre le comunicazioni pervenute agli uffici preposti sono state inferiori alle aspettative. Inizialmente si credeva che tale categoria di “irregolari” fosse capillarmente diffusa nelle case mentre poi, a conti fatti, il numero delle auto-denunce risultato inferiore: “forse non tutte erano badanti” quelle persone inizialmente supposte in gran numero dagli organismi governativi ha detto proprio ieri sera in TV un rappresentante della Lega. Lo Stato chiese alla popolazione interessata di comunicare la presenza di un “lavoratore domestico in nero” ma po i il cittadino ha saputo distinguere tra funzione e funzione del lavoratore medesimo sicch alla fine le vere e proprie “badanti/colf” in Italia sono molto meno di quanto ipotizzato. Oggi invece c’ la notizia che “pi di 50 milioni di Beni” di natura archeologica si presume che in Italia siano “in possesso dei privati” sebbene una legge statale conferisca, anche ai beni di natura storica, che quanto provenga dal “sottosuolo” di propriet statale. Chi possiede pertanto un oggetto di siffatta natura e provenienza dovrebbe darne pubblicit comunicandolo alle competenti Amministrazioni. E non solo: pagando una mora per eventuale ritardata dichiarazione di cinquanta euro a pezzo – continua l’articolo – si creerebbe un cospicuo fondo pubblico da impegnare successivamente pro manutenzione del patrimonio artistico nazionale o per la “ricostruzione del centro storico dell'Aquila”. Ormai la volont di fare “emergere” quanto la storia o le consuetudini hanno tenuto per secoli o per tradizione riservato – pi che celato – nell’ambito dei contesti familiari (le risorse, gli oggetti affettivi, l’aiuto domestico dato dalla colf o dalla baby-sitter e di conseguenza – in generale - la propria condizione di vita nel suo complesso, dallo stato di salute fisica a quello economico o materiale) sta veramente entrando in tanti aspetti della vita di ognuno che peraltro – almeno in questo caso - forse impreparato a discernere i termini di quanto una legge di “emersione” richiede: tutti i privati detentori dei circa “cinquanta milioni” di pezzi archeologici sparsi in Italia sapranno poi correttamente valutare l’originalit e la consistenza storica del “coccio” che secondo legge illegittimamente possiedono? Il testo sull’emersione delle “badanti” prevede, per esempio, che la Polizia faccia riscontri amministrativi sulla persona che si vorr regolarizzare. Parimenti i l Mibac dovrebbe esaminare la certezza formale e storica dei dati forniti all’atto della denuncia del pezzo archeologico - immancabilmente corredata da misure, fotografie, notizie - onde definirne il profilo storico. Cinquanta milioni di capillari verifiche (ipotizzabili nel caso di una corale risposta di popolo) saranno difficili da smaltire da parte dell’Amministrazione. Un’Amministrazione, il Mibac, che sta avviando in queste ore un’altra campagna di censimento relativamente a una categoria di cittadini ossia i “restauratori” per i quali si prospettano percorsi amministrativi per il conferimento di specifiche definizioni concernenti la “qualifica professionale”: altri elenchi, altre graduatorie, altri albi nazionali che non mortificano certo la capacit dei singoli iscritti ma che – a mio parere – segnano una remora nella individuazione dei soggetti adatti a uno specifico intervento e che invece, pi che dalla qualifica professionale riconosciutagli dal Mibac, hanno la loro forza qualitativa e di mercato perch operano secondo scrupolo, sensibilit, capacit esegetica del pezzo storico che viene loro affidato col fine di una buona conservazione. A quando allora l’albo dei cesellatori, dei miniaturisti, degli intagliatori, delle ricamatrici, degli orafi, dei sartori, degli ebanisti, delle merlettaie, dei maestri del disegno, tutte figure di a lto artigianato che garantiscono il proseguimento culturale del cosiddetto stile italiano ( e che potrebbero contribuire in prima linea al proclamato abbellimento dei nostri Musei)? Tutti difendiamo il consueto rigore normativo che deve accompagnare un restauro e parimenti accettiamo il principio della propriet pubblica di un oggetto di natura archeologica: ma lasciamo al singolo cittadino la libert di sentirsi comunque autonomamente rispettoso e consapevole dell’importanza sostanziale di un’opera artistica propria o affidatagli e che invece, a motivo dell’eccessivo riferimento alla storia e alla norma che se ne fa, rischia di raggelare il gusto e il piacere di possederlo o di restaurarlo. 22/10/2009 Francesco Floccia



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news