LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli - Sos Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli
03-12-2009
Laura Giuliano

Sos Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli



La chiesa di San Giacomo degli Spagnoli è il caso emblematico delle condizioni in cui si trovano quegli edifici religiosi di Napoli che non rientrano nell’iter turistico e per tale motivo non meriterebbero, secondo alcuni, la medesima cura ed il medesimo interesse dei più “gettonati”.

Il che si manifesta innanzi tutto in una chiusura al pubblico quasi permanente, comportando una mancata fruizione e una sottrazione del luogo e allo studio e alla semplice curiosità del comune visitatore; è un problema sul quale si dovrebbe riflettere seriamente, risolverlo o almeno spiegarne i motivi.

Nel caso in questione lo scenario che si presenta davanti agli occhi di colui che ha la fortuna di entrare in San Giacomo degli Spagnoli è inaccettabile e improponibile.

La chiesa infatti presenta seri problemi di umidità su buona parte della struttura dell’edificio e sulle opere pittoriche ivi presenti, mi riferisco a lavori di artisti importanti quali la Crocifissione e la tavola con la Madonna col Bambino e i Santi Antonio e Francesco da Paola entrambe di Marco Pino, altra tavola la Madonna appare a San Girolamo di Michele Curia, il Martirio di San Giacomo di Domenico Antonio Vaccaro e la Deposizione di Giovan Bernardo Lama, per citarne alcune. Ebbene queste ed altre opere sono accomunate da uno stesso destino, che –senza entrare nell’ambito tecnico del restauro- credo si possa classificare come un fenomeno di decomposizione della materia pittorica, iniziato da chissà quanto tempo, campanello d’allarme di un prossimo annullamento delle rappresentazioni. Non dimentichiamo poi che si tratta di una chiesa che testimonia un capitolo molto importante della storia partenopea, la Napoli dei Viceré, e luogo in cui si conferivano le insegne dell’ordine di San Giacomo della Spada.

Detto ciò, c’è da chiedersi se qualcuno si sia già reso conto della distruzione cui vanno incontro queste opere e, se sì, cosa è stato fatto. Perché sono state abbandonate? Perché non si è intervenuti sull’umidità delle pareti? Perché bisogna sempre giungere a sperare che almeno si salvi il salvabile?

Non irrilevante è un altro dato: questa chiesa nel 1819 è stata inglobata nell’ala destra dell’omonimo palazzo, tuttora sede del Municipio di Napoli; fatto bizzarro -verrebbe da pensare- dato che il problema lo si ha sotto il naso e non si muove un dito. O forse la soluzione è stata già presa: chiudere gli occhi, anzi chiudere la chiesa che è il motivo principale per il quale non ho potuto portare avanti la mia ricerca su questo caso.

Dal canto mio l’amore per l’arte, per Napoli, la mia etica e il rispetto, l’importanza che attribuisco alla conservazione del nostro passato, delle nostre radici e delle tracce lasciate dai maestri ma anche dai piccoli artisti di bottega, m’inducono a denunciare l’accaduto e a sperare che questo primo passo non sia vano. E poi cosa direbbe Marco Pino, che si scelse Napoli per patria come racconta tra il vero e il fantasioso Bernardo De Dominici, se vedesse le sue opere così bistrattate?

Laura Giuliano



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news